Affermarsi

Gianluca Palazzolo- Rattingan Glumphoboo

L. era il biondino che abitava al piano di sopra. Più grande di me di qualche anno, sembrava non accorgersi di nulla intorno, assorto com’era su se stesso, quando rientravamo da scuola. Lui era già al liceo e non ricordo se, incrociandoci per le scale per l’ora di pranzo, ci fosse stata maniera di scambiarci un saluto, un cenno del capo. Credo proprio di no. Era il più piccolo di fratelli già grandi e di genitori già anziani, almeno così mi sembravano allora. Gente timorata di Dio, avevano in casa uno zio prete che abitualmente camminava anche di notte. Sapevamo che Monsignore era sveglio per il curioso rumore che facevano le sue scarpe, una specie di cigolio, che si ripeteva continuamente ad ogni passo, con grande fastidio per noi che stavamo al piano di sotto. Una sera sentimmo arrivare l’ambulanza. Pensammo subito allo zio prete, colui che in apparenza era messo peggio. Sentii mia madre bisbigliare < Povero ragazzo! > L. aveva provato ad uscire di scena nel peggiore dei modi, tagliandosi le vene. Qualche giorno fa G. mi ha raccontato la storia di una sua conoscente, una persona che non vedeva da tempo. Leggendo il suo necrologio, quella mattina, mi aveva poi riferito il modo che la donna aveva utilizzato per suicidarsi. Aveva affittato una stanza d’albergo e, come L., si era tagliata i polsi. Quest’ultima non aveva avuto nessuno che la salvasse in extremis. Riflettevo sulla modalità scelta da entrambi, riflettevo sulle possibili “ cause “. In un adolescente le decisioni sono repentine e quasi sempre non ragionate. Il nihilismo di un ragazzo non è mai supportato da una visione ragionata del mondo che non si conosce, dalle esperienze che non si sono fatte. Tutto è senza mezze misure, tutto nero o tutto bianco e, nel bene o nel male, si sceglie. Gli adulti ragionano, sanno com’è vivere, la fatica del quotidiano, il peso greve delle esperienze e scelgono, nel “ bene “ per se stessi o nel “ male “ per chi rimane a compiangere, scelgono il gesto eclatante, apparentemente senza ragione. Entrambi affermano se stessi agli occhi degli altri, entrambi dicono < Ci sono >. Perchè a questo servono le “ rotture “, gli strappi del vivere, ad affermarsi come persone e null’altro.

Natura matrigna

Non ho la gobba e non mi chiamo Giacoma Leopardi, però due o tre cosucce sulla natura matrigna della natura devo proprio dirle! Tra noi e gli “ strani e ( a volte ) tristi omuncoli “ ( con tutto il bene del mondo, eh, senza acredine! ) che occupano i nostri letti e la nostra esistenza, ci sono delle evidenti differenze che si focalizzano soprattutto in quelle parti dove la natura ha pensato bene di fare la differenza, appunto! Nulla da eccepire sul fatto che generalmente le ragazze si presentano meglio, esteticamente, dei primati arboricoli ai quali si accompagnano, ma sono i fastidì connaturati all’essere femminile che danno fastidio proprio. Le periodiche mestruazioni ti dicono che per quel mese l’hai scampata bella, ma vuoi mettere gli annessi e i connessi? Noi ragazze non siamo isteriche perchè abbiamo l’utero e siamo mestruate, siamo solo infastidite dagli annessi e dai connessi, soprattutto adesso che li hanno messi con l’IVA al 22%! ( Gran simpatici dell’IVA, mi sentite? Bene. Recatevi in un qualsiasi supermercato o nella farmacia sotto casa, comprate un centinaio di confezioni di Tampax, spacchettateli, legate tra di loro i suddetti tappi con quelle simpatiche cordicelle pendule e ricavatene un cordone di una certa consistenza. Fatto? Bene, mo’ passate alla fase successiva, impiccatevi voi e la vostra IVA al 22 %! ) Siamo delle incubatrici viventi per alcuni periodi, il più delle volte con cognizione di causa, altre inconsapevolmente, perchè troppo fiduciose nell’incompetenza altrui per evitare incidenti di percorso. Quando poi ci siamo emancipate dall’incubo delle passioni, quando la natura stessa ci dice stop all’uso coatto degli annessi e connessi, ecco che la matrigna dà il meglio di sé: ai tristi omuncoli dispensa tanto testosterone che costringe le “ povere anime “ a cercare consolazione tra le gam… pardon, braccia di una sgallettata, altrimenti chi lo sente il compagno di merende che si inalbera e reclama il dovuto!  Mentre per noi ragazze la faccenda si fa seria, la matrigna, sempre lei, ci toglie gli ormoni che se ne vanno in vacanza alle Maldive e con essi la libido, questa sconosciuta, e ciao ciao con la manina! Poi leggi in un “ delizioso “ articolino che, secondo gli scienziati – tutti perversamente tristi omuncoli, ne sono certa, anzi certissima! – fare sesso spesso, superata la mezz’età, ha effetti positivi sulla memoria. Già, fare sesso dicono, ma cos’è?

I blog che abbiamo navigato

Francesco Casorati – Barchetta di carta

Poco fa mi è capitato di scorrere l’elenco dei blog ai quali, negli anni, mi sono iscritta per poterne seguire agevolmente gli aggiornamenti e i commenti. Alcuni, davvero datati, riportano pagine non più aggiornate ormai da anni. Altri ancora resistono con un’attenzione alla scrittura, da parte di coloro che li animano, davvero ammirevole. In alcuni casi, negli articoli più vecchi ho ritrovato gli stessi pensieri che ho spesso condiviso in questi ultimi anni di poca scrittura. C’è una sorta di stanchezza, una percezione dello scrivere di se stessi, delle proprie opinioni, come un’azione inutile, in una fase storica in cui tutti dicono troppo e a sproposito, molto, troppo spesso. Se penso a quanto ardore abbiamo avuto nel dire, se penso ai commenti fatti, alle amicizie nate, a tutto quanto è servito per mettere insieme persone e fatti e vita, allora sono felice di aver scritto e di avere navigato tra le altrui parole. Auguro a me stessa di continuare a navigare senza mai tirare i remi in barca.

Mi ricordo, sì, mi ricordo

Brooklyn Bicycle Co – Pinterest

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spesso, presi come siamo dal quotidiano, non poniamo attenzione a quel che accade, a quanto ci accade, che pur nella quieta banalità del vivere di ogni giorno è pur sempre una parte di vita, qualcosa che andrà a costituire un piccolo tassello nel pannello più grande dei ricordi. Poi è il nostro cervello che penserà a scartare il superfluo oppure a mantenere la complessa rete delle emozioni, dei pensieri, degli odori, delle sensazioni, ogni piccola sfaccettatura che in tempi lontani e non sospetti ci farà dire Mi ricordo! E sarà il colore di un mazzo di fiori che spenzola dal cestino di una bicicletta o l’odore del pane appena sfornato mentre attraversi la strada per andare a scuola, che ti farà venir voglia di ricordare di più e meglio, di riprendere vita in quel giorno lontano quando i fatti ricordati sono accaduti. Ed è uno sciupio non scrivere anche le banalità di ogni giorno, non appuntare un pensiero qualsiasi, una frase a caso, qualcosa che serva nel tempo a ritrovarsi.

Tra le tante versioni che mia madre ha dato nel tempo di un fatto accadutole in gioventù, ne scelgo una che, alla fine, risulterà un’ennesima versione, questa volta però dovuta al mischiare i miei ricordi con i suoi già mischiati da lei, con gli ingredienti suoi: amnesie, leggere follie, improvvisa lucidità e distacco da un tempo, tutto sommato, e nonostante questo ricordo, da dimenticare. ( qui per leggere il seguito di questo bellissimo ricordo )

 

L’amica geniale

Ē geniale l’amica che, al mattino e di buon’ora, ti chiama al telefono ed esordisce con un “ ti tengo poco perchè devo uscire per delle commissioni “  e poi rimane a parlare, di ogni cosa, per circa due ore, mentre il tuo “ piccolo “ ridacchia apertamente, facendo segno sull’orologio, per il tempo che passa e per quei frammenti di conversazione che gli giungono di tanto in tanto e che lo fanno divertire! Perchè due amiche che parlano al telefono hanno un linguaggio speciale, sono complici, sono parte della stessa storia, una storia lunga di tanti anni e di tanta vita vissuta insieme e dalla stessa parte. Un’amica geniale è colei che ti cambia la giornata in meglio per una semplice telefonata fatta di buon’ora.

La congiura delle nude caviglie!

Sono freddolosa. Se potessi in inverno indosserei il burqua per coprire anche quella parte di me che rimane, purtroppo, scoperta – il viso! Mal comprendo la ragione che vede l’imposizione coatta della caviglia nuda bruca anche con le temperature polari di questi giorni. Passi per il ragazzino che indossa scarpe sportive e pantaloni da palestra, passi per la signorina con outfit modaiolo, ma che l’avvocato con Church ai piedi da 500 euro e passa vada a faticare (!) con Il piede nudo e il pantalone che scopre la caviglia vicina di casa di un sottobosco peloso è, francamente, inguardabile. Che poi viene da chiedersi, dentro le Church, niente? Inorridisco al pensiero! Poveri venditori di calze e collant, andranno in fallimento se continua la congiura!

Praticate la gentilezza

Immagine tratta da una articolo della rivista “ Vanity Fair “

Appena tornati a scuola, ieri, è ricominciata la litania, a scansione ravvicinata, dei “ Prof, posso andare in bagno “. Ora, benedetti  pulzelli, con il freddo polare che vige per decreto regio in una scuola chiusa per quindici giorni – e a niente serve rimettere in funzione il riscaldamento mezz’ora prima dell’apertura delle danze – cosa chiedete di uscire per il bagno che vi si gela tutto il sistema riproduttivo, non ancora produttivo? Ma fosse solo quello, la cosa che infastidisce tanto, la cosa che infastidisce me tanto, è il fatto che a nessuno viene mai in mente di chiederti    < Prof, per cortesia, posso andare in bagno? > Non so quale sia la ragione, anche i più educati non sanno cosa siano le formule di cortesia, non hanno mai interiorizzato le più elementari forme del vivere civile. Eppure a detta di alcuni genitori, interrogati a proposito, i propri figli sono un modello di educazione oxfordiana, salvo a scuola. Evidentemente tra i banchi si scatenano gli istinti primordiali, l’uscita per il bagno viene concepita come l’acquisizione di un diritto inalienabile e, dunque da non mettere in discussione pena la reiterata richiesta ogni due per tre. Quindi, poco prima delle vacanze natalizie, ho detto loro che se avessero voluto farmi una qualsiasi richiesta, la stessa avrebbe dovuto avere una premessa gentile, un per piacere oppure per cortesia, gentilmente obbligatorio! Quindi, stamattina, alla prima < Prof posso andare in bagno > senza annessa gentilezza non ho risposto. Poco dopo la stessa domanda mi è stata rivolta in maniera corretta. Ho chiesto al Pasqualino di turno se fosse meglio la prima opzione oppure la seconda. < Meglio la seconda! > ha asserito, senza una reale convinzione. Ho in mente di scrivere su un cartellone gigante “ Praticate la gentilezza! “ e di appenderlo in classe, come minaccia perenne alla loro maleducazione.