Perdindirindina!

gitaprimaparteCosa sconvolge più dell’idea stessa del partecipare alla gita scolastica, ops… viaggio di istruzione, come docente alle prese con ottanta dico ottanta brufolosi, se non l’idea stessa del partecipare –  sì va be’ non se ne può fare a meno e per fortuna siamo in otto? La partecipazione sconvolge, come no, ma la peggiore scoperta è quella di scoprire dalla viva voce della referente viaggi e trastulli (?! ) che l’albergo fornisce sistemazioni da tre letti non solo per i brufolosi – e già ma loro sono contenti – ma anche per le docenti – eccetto l’unico maschietto che godrà di vita propria – e grasso che cola se riesci a pizzicare due che non russano! Sto pensando ad una scusa plausibile per godere del pernotto in solitaria. Soffro di scabbia ossessiva compulsiva? Mi trasformo nottetempo in lupo mannaro americano a Londra? Sono Quasimodo di Notre Dame e la notte devo liberare la gobba? Aiuto!

Quando c’erano loro, cari noi!

circolariQuando ho iniziato ad insegnare – ieri l’altro, più o meno 😀 – all’arrivo a scuola i collaboratori scolastici – che allora si chiamavano con l’identificativo semplice e inappellabile di bidelli, mentre adesso bisogna fare i distinguo con il personale di segreteria, perché sono tutti A.T.A. ma di specie differente… quanto è bello complicarsi la vita, sì! – allora dicevo dei bidelli, non facevi in tempo ad entrare che ti dicevano ‘Ssore’ ci sono da firmare le circolari! E tu, con la penna in mano e la morte nel cuore ti apprestavi a leggere e a firmare, dall’evento sportivo a Timbuctù, al concorso nazionale per voci a pois, nonché immissioni in ruolo, graduatorie  a vario titolo e altre amenità burocratiche. Con l’avvento della tecnologia ad oltranza le circolari sono diventate allegati che abitano nella tua posta elettronica e guai a non andare ogni giorno a sl-allegarle, si rischia di non capirci più nulla. Ma come se non bastasse, l’animatrice digitale – che non è una che lavora alla Valtur durante l’estate – ma una prof, almeno la nostra, che combina ogni cosa in modo da complicare la vita ai colleghi tutti, ci sta deliziando con un corso, neppure tanto accelerato di Gsuite, per la condivisione di pani e pesci digitali. E dunque le circolari non sono più carte sudate, ma solo un insieme di dati, senza nessuna voce a dirti ‘Ssore’ ci sono da firmare le circolari!

Stereotipi

montagneP. mi chiede: Prof, perché disegno sempre le montagne come fossero triangoli? Gli spiego che nonostante abbia i mezzi e le capacità di osservazione per disegnare le montagne in altro modo – P. è un ragazzo di terza media – ricorre ad uno stereotipo perché disegnare le montagne in quel modo è una scorciatoia mentale e visiva per catalogare le montagne, un modo perché l’eventuale fruitore della sua ” opera ” abbia la capacità immediata di decodificare nel triangolo una montagna; P. trasmette al fruitore uno stereotipo che per associazione l’altro riconosce e decifra. Agli stereotipi ricorriamo quando la nostra pigrizia mentale ci impedisce di trovare soluzioni divergenti a ciò che costituisce l’accettazione comune e stereotipata. Nel linguaggio verbale, specie quello pubblicitario, una vendita di tappeti è sempre ” favolosa “, gli sconti sono sempre ” eccezionali “, le svendite ” totali “, scorciatoie stereotipate per attirare i gonzi. A P. ho consigliato di aprire gli occhi, qualche volta, e di guardarsi intorno senza fare il non vedente.

Contagi

book-shakespearesontheatre-6501Puntuale come la peronospora sulla vite ecco che Italiano qualche giorno fa mi dice: Ci dai una mano con il concorso su Shakespeare? Ora mi chiedo, posso mai dare buca ad Italiano quando si tratta di un concorso? E, soprattutto, posso ” bucare ” il solito appuntamento al buio con il video – riprese, montaggio e regia fatte a casa da me? Manco a dirlo, ecco che ci siamo ritrovati in biblioteca per le riprese in interno. Curiosità dei presenti – i soliti studenti universitari che approfittano del calore africano delle sale e della connessione aggratis per ” studiare ” ma soprattutto per socializzare – curiosità, dicevo, ma non più di tanto. L’alunno narratore, meglio di un attore consumato, invece di memorizzare si è costruito enormi gobbi che mi vorticavano sulla testa, per dare l’idea che lo smemorato guardasse in camera. e finché siamo rimasti al caldo dell’Africa, bene. Nel pomeriggio di oggi, invece, siamo andati in esterno, tra la Cattedrale e la Giudecca. Lo sparuto sole che ci ha graziati non riscaldava un bel niente, sicché dicevo ai miei attori di essere bravi nel recitare le parti, pena la bocciatura perenne! E tra uno scampanellio dell’orologio del museo diocesano e le risate fuori registro di turisti in visita, e, soprattutto, la voglia di terminare in fretta la recita delle battute dei recitanti, dette tutte in un nano secondo, comprese quelle in inglese alto, mannaggia la pupazza! di tanto in tanto, spesso, ci toccava ripetere. Un signore, poco più in là, guardava curioso. E ai miei: Zitti! Zitti! agli astanti  per evitare troppe interferenze fuori scena, anche il tizio curioso, per contagio, si è prodotto in uno: Zitta! Zitta! rivolto alla moglie che tentava di richiamarlo sulla retta via coniugale. Ma a differenza del mio incitamento, tutto verbale, il suo è stato uno sbracciarsi da Oscar, un vero prodotto da cinema muto! Bisognerà trovargli un ruolo nel prossimo concorso, assolutamente!

( Lo so, siete curiosi di sapere il ” tema ” il video. Tutto parte dal fatto che il bardo di Stratford – upon – Avon nello scrivere ” Il Mercante di Venezia ” pare si fosse ispirato, per descrivere Porzia, alla figura di Giustina Rocca, tranese del XVI secolo, prima donna avvocato che la storia ricordi. Che il buon Guglielmo fosse un antesignano degli scopritori della Puglia? Al video l’ardua sentenza! )

B – side

Qualche tempo fa A. amica ” stretta “, come si dice qui, era venuta a cercarmi in classe e con fare cospiratorio mi aveva messo a parte di qualcosa che l’aveva turbata non poco: il boss, poco prima, le aveva rivolto parola e, con sguardo intenzionale da vecchio sporcaccione, l’aveva apostrofata: Venere callipigia! Il commento dell’amica, nel momento in cui mi riferiva l’accaduto, dava un margine di tolleranza benevola a Venere – sia pure! – ma callipigia? Insomma, aveva continuato, sarà mica un’offesa? L’avevo tranquillizzata, forse dei miei studi d’arte, e le avevo svelato l’arcano: il tizio sempre da sporcaccione, ma con eleganza, le aveva detto di apprezzare il suo lato B paragonandola ad una plurirappresentata dea dell’antica Grecia. Al che la mia buona A. aveva ribadito dando del vecchio porco al latore del complimento, seccata del fatto che occhi laidi si fossero posati intenzionalmente su una parte che a torto a a ragione le risultava di complicata gestione. Tutta questa storia mi è tornata alla memoria mentre andavo al lavoro, stamattina. Avevo poco davanti un baldanzoso lato B a fare da apripista, esibito, che dico, esibitissimo! al quale avrebbe fatto sicuramente piacere un apprezzamento anche meno elegante, ma cercato visto l’impegno a presenziare il campo visivo di chiunque con tanto vigore, nonostante non ci fosse nessun paragone tra una callipigia e il lato B della fattispecie. E mi chiedevo ancora, quando e dove era andato a finire il pensiero comune che ci induceva tutte a nascondere il lato B, parte ammessa nell’immaginario ma censurato in sostanza da palandrane e ampi e lunghi maglioni, quando erano in auge gambe e lati A? Come succedeva alle stagioni di una volta il sentire collettivo cambia, cambiano le mode e le preferenze, cambia la percezione di coloro che devono percepire, chè in fondo di quello si tratta. Tuttavia rimane il fatto che detto tra noi, con tutta l’obiettività di donna a donna, la mia A. è davvero una callipigia!

Banchi

04-anni_45_3In seconda i banchi sono una moltitudine di truciolato verde e metallo, di diverse altezze, accoppiati a sedie che non sfigurerebbero nella casa dei sette nani. E gli abitatori della classe, alunni in via di altezza, stentano ad accordare le gambe con il supporto dei libri nella parte nascosta del banco; stentano ad accordare se stessi, l’intera persona a disagio nella posizione, a disagio nell’ascolto di alcune voci che vorrebbero essere convincenti, ma risultano fastidiose anche all’ascoltatore più navigato. E la moltitudine dei banchi, sotto la spinta in avanti delle gambe e dei corpi accasciati sul verde del truciolato, perde l’allineamento iniziale e si scombina in un caotico zigzagare di cubista memoria. Sembrano così, i banchi, e coloro che li abitano, una metafora della vita: nel caotico accadimento delle cose che succedono, chiunque fatica a trovare la giusta posizione, la giusta proporzione.

Bukowski tra i banchi di scuola

bukowski-2Che io sia nata curiosa è un fatto, ma che i pulzelli facciano a gara per sconvolgere la sana curiosità di una insegnante è un altro fatto. La cosa è andata così: li avevo lasciati a giugno dicendo loro Leggete! convinta come sono che una buona e sana lettura non faccia morire nessuno, anzi. Quelli, quasi tutti in verità, mi hanno presa in parola e hanno letto. Interrogati procapite hanno sciorinato, partendo dal parterre, titoli ameni, Cuore – Tutto tutto? Solo le prime pagine, prof! Figuriamoci! –  tutta la raccolta degli Harry Potter – Tutti tutti? Sì, prof! Esagerata! – manga, Zafòn… arrivata ad E. – capelli azzurri da fata Turchina, E. che hai fatto ai capelli?!? Così, prof! spallucce a sottolineare il turchino sbarazzino e modaiolo – E. mi risponde di aver letto Bukowski. Ohibò Bukowski in terza media lo percepisco a disagio, già lo sento rivoltarsi nel loculo! E. com’è ‘sta storia? Tu hai letto Bukowski?!? E. lo sai che Bukowski non  è proprio una lettura adatta ad una tredicenne? Sì, no prof, ho letto qualcosa di Bukowski… Sì ma cosa? Alla fine E. ha confessato Delle cose scritte in internet, prof. Aforismi o citazioni? Eh??? Sì, va be’ compito per la prossima volta, cercate sul vocabolario il significato delle parole che ho appena detto. Ad E. ho consigliato di lasciar perdere Bukowski. Certo anche Edmondo non raccontava di rose e di fiori, però…