Dietro l’angolo

nascondinoEsco di casa al mattino, di solito a passo veloce. Perché in ritardo? No, perché a passo veloce il tratto da casa a scuola viene trasformato in qualcosa di altamente salutare secondo i sacri canoni dei cardiologi – e speriamo che la cosa corrisponda a verità, altrimenti avrò camminato a passo veloce per una buona parte delle mie mattine, inutilmente! Quando giro l’angolo del palazzo, invariabilmente, che piova o nevichi o faccia solleone,  mi imbatto nella ”  napoletana ” – no, non la caffettiera, ci mancherebbe! La napoletana è un donnone alta quasi il doppio della mia altezza. Transuma sul marciapiedi, quello che trovo girato l’angolo di casa, in attesa di un autobus, immagino. Generalmente indossa pantaloni infilati negli stivali – più che donna pare un bovaro argentino – un corto giubbino a sottolineare l’enorme presenza di terga giunoniche, capelli legati stretti stretti alla testa, frontino – caso mai qualche ricciolo dovesse prendere una via di fuga – e un immancabile cellulare appiccicato all’orecchio e alla bocca. ( L’osservazione è diventata più precisa, nonostante la mia frettolosità mattutina, aggiungendo un particolare al giorno ) La napoletana solitamente non parla al cellulare, urla al poveretto/a che dall’altra parte sostiene la conversazione. Ma più che parlare articola suoni che all’udito medio risultano privi di qualsiasi significato – non per l’interlocutore, evidentemente, poiché la napoletana articola, articola, articola all’infinito. La napoletana so che parla in napoletano dalla cadenza tipica di chi parla in napoletano, ma non sono mai riuscita a capire se i suoni emessi corrispondano a vere parole, a frasi di senso compiuto. La napoletana quando parla gesticola in maniera ossessiva e smisurata, guai a trovarsi alla sua altezza, si rischia di fare la fine dei mulini a vento al cospetto di don Chisciotte. Qualche volta mi sono ritrovata a rallentare perché investita dalla potenza sonora dei suoni, e perché volevo capire, ma mi è sembrata un’inutile perdita di tempo. Vorrei, una mattina, bussare alla sua spalla e chiederle gentilmente di mettere i sottotitoli, ma ho l’impressione che possa essere un vero azzardo!

11 thoughts on “Dietro l’angolo

  1. Silvia 23 febbraio 2016 / 20:04

    Ti consiglio di evitare…..non penso sia il caso visto il soggetto😛

  2. Harielle 23 febbraio 2016 / 20:18

    Anche io, napoletana di origine, spesso non comprendo il dialetto strettissimo! Bello questo piccolo spaccato di vita quotidiana, di cui condivido soprattutto la corsa mattutina, la mia anche verso il bus, che ci si augura passi in tempo🙂
    Un abbraccio

    • mizaar 24 febbraio 2016 / 18:50

      uh uh harielle, mi consolo allora! eppure tu sei pratica di lingue straniere!!!😀

  3. arielisolabella 23 febbraio 2016 / 20:38

    Che sagoma! Attenta che con una manata ti distrugge!😜😂😂😂😂

  4. popof1955 23 febbraio 2016 / 21:12

    E se ti risponde chiedendoti se hai pagato il biglietto per assistere alla sua perfomance?

    • mizaar 24 febbraio 2016 / 18:49

      è aggratis!🙂 e poi, provasse a prendermi!😀😀

  5. frz40 24 febbraio 2016 / 13:53

    Nun t’azzarda !!!🙂

    • mizaar 24 febbraio 2016 / 18:46

      ma scherzi? anche perché oggi, parlandone a tavola, mio marito mi ha detto che la signora è una gentile ospite del locale carcere femminile e va ogni mattino nella città qua vicino, a lavorare. presumo. detenzione riabilitativa. presumo. insomma, tanti auguri alla signora napoletana!

  6. unpodimondo 2 marzo 2016 / 12:24

    Vedi che alla fine è proprio una caffettiera? Borbotta, borbotta, borbotta…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...