Alessandro Franci – La luna è nuova/ poesie

Chi non s’è mai cimentato a mettere assieme quelle parole ” che stuzzicano il cuore ” anche solo per scherzo, anche solo sotto forma di compito per casa? Sovente, a scuola, mi capita di avere sotto mano i diari dei ragazzi dove leggo sperticate rime che hanno come unico scopo il rimarcare le amicizie di banco, l’inizio o la fine di un amore improvviso. Poesie, forse, così penseranno i poeti in nuce. E’ ben altro il poetare, lo scrivere poesie. E leggerle. Le parole che hanno un ritmo, quelle che raccontano una emozione, una storia in bella copia, le parole che ripeti e che spesso impari a memoria per come sono belle da raccontate a voce alta, appartengono al bagaglio culturale di tutti. Quasi sempre costrette nella tua mente da una maestra pedante, continuate a praticare per diletto, per amore, le poesie stanno a noi per ricordarci di cose più alte, più in là degli affanni di ogni giorno, ma anche per curare quelli, per consolarci, per incantarci. Così sono le poesie di Alessandro Franci. Raccontano di lunghi silenzi tra paesaggi ” stranieri “, regalano immagini pensate, parole pesate e spesso non dette. Anche se scritte in altri tempi, forse anche da un’altra persona – ché nel tempo anche noi stessi mutiamo assumendo altre parole a nostra discolpa – non risentono il peso del tempo poiché le parole delle poesie rimangono fervide e giovani anche dopo molto. La lettura, come è abitudine della casa editrice ” La Recherche “, non richiede una spesa se non il tempo del download dal sito. E’ cosa gradita all’autore – immagino – un commento a lettura ultimata sempre sul sito del buon editore. Buona lettura a tutti! 😀

Ho parlato di Alessandro Franci anche qui. 

Annunci

13 thoughts on “Alessandro Franci – La luna è nuova/ poesie

  1. frz40 18 settembre 2012 / 19:51

    Prendo nota, fatto il download, poi ti dirò.

    • mizaar 20 settembre 2012 / 20:12

      aspetto un tuo commento! 😀

      • frz40 21 settembre 2012 / 17:40

        Lette con calma. Belle, apprezzate, anche se non è il mio genere preferito. Grazie per la segnalazione.

      • mizaar 26 settembre 2012 / 19:53

        prego, caro. sono contenta per il tuo apprezzamento, ma sicuramente lo sarà ancora di più l’amico alessandro! 😀

  2. in fondo al cuore 18 settembre 2012 / 20:17

    grazie per l’informazione! 🙂

    • mizaar 20 settembre 2012 / 20:13

      mi fa sempre piacere veicolare questo genere di informazioni, cara silvia! 😀

  3. Sergio Baldin 18 settembre 2012 / 21:20

    Le opportunità di letture in forma non più tradizionale stanno diventando sempre più frequenti, ormai è un vero e proprio invito a leggere con i nuovi supporti tecnologici.
    Al di la di altri pro e contro, l’effetto per gli occhi e la vista non lo so valutare, di sicuro so che nel mio essere conservatore trovo ancora difficile rinunciare al gusto di tenere un libro in mano, anche a sentire il profumo di carta stampata ed il fruscio della pagine sfogliate.
    Invece al riguardo della prima parte del tuo post, sull’esercizio anche eccessivo del poetare, o presunto tale, ho l’impressione che talvolta si voglia quasi eccedere, magari nella mancanza di forme più semplici e dirette di comunicazioni, ma anche per darsi una posa ed un tono.
    La poesia credo sia una cosa seria, non tre parole in croce, che di poesia hanno solo il titolo e la pretesa, ma comunque il margine di soggettività rimane ampio, non mi permetto di andare nello specifico, perchè, come a me non dice nulla un Picasso, per il comune intendere è sempre un’opera d’arte!
    Ciao cara Virginia, un abbraccio forte, spero le tue preoccupazioni vadano un pò meglio dell’ultima volta!

    • mizaar 20 settembre 2012 / 20:18

      per quel che riguarda alessandro, caro sergio, ti assicuro che non si tratta solo di due o tre parole in croce, ma di una ricerca interiore profonda e bellissima, fatta di simbolismi e di parole mai banali. forse dovresti darci un’occhiata, anche se non ti piace leggere gli ebook . ma questa è l’unica ” forma ” disponibile. se scarichi il pdf puoi sempre, eventualmente, stamparlo. si tratta pur sempre di una manciata di fogli, niente tomi ponderosi! 😀
      ti ringrazio per la tua attenzione, va meglio senz’altro e siamo riusciti ad organizzare in modo più confortevole la ” gestione ” della faccenda, ciao caro!

  4. popof1955 18 settembre 2012 / 23:17

    bello si, un bel regalo Virginia, l’ho scaricato.

    • mizaar 20 settembre 2012 / 20:07

      spero che, a questo punto, tu l’abbia anche letto! fammi sapere, ciao paolo!

      • popof1955 20 settembre 2012 / 22:13

        si, lo sto leggendo 🙂 molto piacevole la sua poesia, calore essenziale e privo di fronzoli,

      • mizaar 26 settembre 2012 / 20:04

        grazie da parte di alessandro! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...