Mammina

Mammina600Con fare complice, ma completamente  divertito, Italiano stamattina mi ha comunicato a gran voce: Siamo diventati zii! A parte la difficoltà che ho avuto nel ravvisare una sia pur minima attinenza di parentela che potesse in un sol colpo impalmare entrambi  dell’appellativo e dello status di zii, l’ho guardato stranita e più che la favella poté la mia faccia in cerca di dritte e magari anche di rovesci. Sicché lui ha aggiunto: S. Ha avuto una bambina! Di S. conoscevo la condizione di molta pregnanza, ma ignoravo il risvolto pratico legato alla nascita odierna, che mi è stato annunciata con tanta enfasi. Bene, ho risposto. Forse avrei dovuto partecipare all’annuncio con maggiore espressività, chissà. Ma con spontaneità mi è sembrato logico aggiungere: E mo’? In effetti vista dal di fuori l’aggiunta finale al mio primo commento è fuorviante e pare il frutto mentale di una che mangia limoni a colazione. Entrambi, poco dopo, abbiamo convenuto che sarà anche una gioia la nascita di una possibile futura alunna, ma in quelle condizioni e con quella mamma  – apro un inciso, di quelli che a me piacciono follemente:  noi docenti siamo degli aridi e incalliti conteggiatori di alunni, presenti, futuri prossimi e futuri anteriori, ne va di mezzo la nostra vita professionale; quindi ogni nascita viene salutata come la tenuta professionale di una cattedra ad oltranza visto che ci vogliono vetusti e derelitti in un sistema scuola con alunni giovani e docenti vecchi, fosse mai il contrario! In effetti concepire, con determinazione, l’idea di procurarci un’alunna prossima ventura è stato, da parte di S., un bel pensiero. Ma la mammina della nascitura è stata nostra alunna solo tre anni fa, va per i diciassette non ancora compiuti. Una casualità? Cose che capitano? Ma nemmeno per scherzo! Sostenuta da una famiglia allargata e molto ” allegra  ” la mammina ha perseguito il disegno insano di rovinarsi l’esistenza a quell’età, una piccola con piccola, accalappiando il primo venuto perché una donna si sa, sia pur piccola e sia pure mentalmente fuori di testa, cosa credete che possa ambire nella vita, se non partorire a diciassette anni e magari anche a diciotto, diciannove e venti? La nonna, nello specifico, per festeggiare una nuova unione, dopo la separazione ingarbugliata dall’ex marito – marito, ma non padre della mammina recente, da notare  – ci aveva confidato la possibilità di essere anch’ella nella stessa condizione di ” molto incinta ” come la figlia. Avrà pensato, forse, ad uno sconto famiglia dal ginecologo, due al prezzo di una? Per il momento siamo risultati compartecipi di un solo evento, domani quién sabe?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...