In solitaria

C’è all’incrocio di due strade, sul marciapiede, proprio dove un palazzo di pietra si fa angolo, una bottiglia di plastica verde. E’ una bottiglia piena di un liquido che sembra acqua. E’ sempre lì, in qualsiasi stagione, con qualsiasi tempo. Mentre cammini attira inevitabilmente il tuo sguardo. Ti chiedi chi l’ha posta in quell’angolo e, soprattutto, perchè. Ho immaginato che sia lì perchè possa esistere. Immaginate se posta in quel luogo nessuno la noti, oppure se non ci sia nessuno a passare per quella strada. La bottiglia, pur avendo una materialità oggettiva, sarebbe inesistente. Esiste perchè noi le permettiamo di esistere, notandola e chiedendoci il perchè della sua materialità. Penso che capiti lo stesso per le nostre esistenze. Ci siamo non perchè esseri materiali e pensanti, ma perchè ci rapportiamo agli altri in una vita di relazione, perchè gli altri ci vedono e, pur non conoscendoci, per un attimo focalizzano la loro attenzione su di noi e ci permettono di esistere. Una persona che trascorre la sua vita in solitudine è come se non esistesse. Ha riempito d’acqua la sua vita, è stata bottiglia senza esserlo. Terribile. 

a gentile richiesta, la bottiglia

P.S. Il mistero si infittisce. Qualche giorno fa la bottiglia era di colore verde. Poco prima, quando sono andata a fotografarla, la bottiglia aveva mutato colore. Le ipotesi sono molteplici e tutte inquietanti: è una bottiglia aliena che subisce trasmutazioni a seconda del passaggio delle persone e/o delle macchine; c’è un ordine cavalleresco di discendenza Templare che utilizza la bottiglia come segno di riconoscimento e ha come motto ” Bottiglia libera, libera Bottiglia! “; la bottiglia serve per definire lo stato ” in ” oppure ” out ” della Banda della Bottiglia; le bottiglie hanno organizzato turni di presidio dell’angolo di circa quattro ore probottiglia… 

Annunci

56 thoughts on “In solitaria

  1. Maggie May...be 17 agosto 2011 / 20:15

    Io esisto, io esisto! Sono poco presente sul blog perchè sono troppo incasinata tra lavoro e nuovo Amore però ci sono! Esisto! E non sono sola!!!

    • mizaar 17 agosto 2011 / 20:17

      esistiamo, per nostra fortuna, ed è un bell’esistere! 😀
      non posso che gioire alla gioia del tuo nuovo amore – e non posso che incrociare le dita!!

  2. paperi si nasce 17 agosto 2011 / 22:46

    Unendomi a questa riflessione filosofica, dettata sicuramente dal gran caldo di questi giorni, mi viene da pensare che le nostre esistenze-bottiglia hanno senso perché lasciamo che qualcun’altro ci svuoti e ci riempia, e ci arricchiamo ogni volta che sappiamo dare e ricevere alle altre “bottiglie”.

    • mizaar 18 agosto 2011 / 09:56

      è vero ci arricchiamo; l’acqua è un liquido che si presta facilmenta a miscelarsi! 😀 come vedi la filosofia è contagiosa, anche tu hai fatto la tua bella considerazione agostana! 😀 😀

  3. maumozio 17 agosto 2011 / 23:22

    c’è una credenza popolare per cui si lasciano delle bottiglie d’acqua sulla strada o davanti ai portoni per non far avvicinare i gatti. non ho mai capito se funziona!

    • mizaar 18 agosto 2011 / 09:53

      ne avevo sentito parlare anch’io! adesso ho capito il senso di quella bottiglia, più prosaico di quella che il papero chiama una considerazione filosofica dettata dal caldo 😀

    • Tore 18 agosto 2011 / 11:32

      Quoto il maumozio!
      Io ne vedo parecchie in giro. Più che per non farceli avvicinare i gatti, (che ci si avvicinano senza problemi) è per non farli pisciare in quella zona ove la bottiglia è posta.
      Non so se funzioni coi gatti, so per certo che coi cani funziona all’opposto…

      Per quanto riguarda invece l’osservazione del papero, so per certo che Galileo direbbe: δ1h1 = δ2h2 !

      • mizaar 18 agosto 2011 / 21:31

        la solita solidarietà maschile! 😛 😀
        mi sembra improbabile, però, che i gatti la facciano contro i muri come i cani. di solito cercano un posticino che abbia le caratteristiche canoniche del buco colmo di terra. lo so per certo! l’altro giorno simba, il gatto randagino che vive sotto casa mia, l’ha mollata in un buco dell’asfalto e poi, meschino, tentava di coprirla raschiando l’asfalto. e non si capacitava del fatto che rimanesse sempre scoperta!! 😦

      • mizaar 18 agosto 2011 / 21:34

        ma non era stevino, quello della “formuletta”? 😀
        hai visto giusto col papero, è un ingegnere, lui! 😀 😀

      • Tore 19 agosto 2011 / 02:07

        E brava prof…era proprio Stevino..
        Ma come la storia ci insegna, Galileo, cercando un modo agevole per rubare la benzina dalle apecar teorizzo i vasi comunicanti, (cosa già fatta a quanto pare da Leonardo) che poi è un caso particolare della legge di stevino in cui h1 = h2. La scoperta ufficiale invece credo venga attribuita a Pascal (uno dei più grandi scopritori di cose già scoperte) con appunto il “principio di Pascal”.

      • paperi si nasce 19 agosto 2011 / 11:25

        Ovviamente il commento qui sopra era riferito alla risposta al mio commento precedente (che casino…).
        Qui volevo solo notare come la nostra Virginia mostra competenza e maestria anche nelle scienze fisiche… Una donna che non finirà mai di sorprendere… 😀

      • mizaar 19 agosto 2011 / 19:43

        tore, hai dimenticato archimede, campione di arrampicata sugli specchi ustori, proprio come te!! 🙂

      • paperi si nasce 19 agosto 2011 / 21:45

        E mo’ la freghi, la professoressa… 😉

      • Tore 20 agosto 2011 / 22:55

        Ah dici così Virginia? E tu confutami! (Dionisodoro)

      • mizaar 22 agosto 2011 / 17:14

        tore, non sono buona nelle argomentazioni capziose e stevino è solo una conoscenza marginale! ( che cosa possono i figli! ) il papero ha voglia di prendermi affettuosamente per il fondo dei fondelli!! 😀

      • Tore 22 agosto 2011 / 18:28

        Scherzavo, era solo per aggiungere anche Platone a questo naufragante dialogo…

      • mizaar 24 agosto 2011 / 17:49

        a quanto pare, caro tore, qui non si scherza per niente e platone, be’ quello s’è aggiunto da solo! 😀

  4. Bruno 18 agosto 2011 / 12:06

    Alle volte è meglio passare inosservati. Hai visto mai che incontri il fanatico ecologico che ti prende e butta nel bidone della spazzatura?
    Preferisco starmene da solo a riflettere sul come mai l’Universo sia verde, piuttosto che tra pomodori marci e pannolini usati.

    Nota: “piuttosto che” viene qui utilizzato nell’accezione corretta della lingua italiana (ci tengo a farlo sapere).

    • mizaar 18 agosto 2011 / 21:35

      temi rappresaglie? :_D
      è sempre un piacere, bruno, vederti da queste parti!

  5. Lilla ... 18 agosto 2011 / 12:29

    Finche’ c’e’ qualcuno che ci riempie … Abbiamo un nostro perché!! Se così non fosse saremmo vuoti a perdere …

    • mizaar 18 agosto 2011 / 21:36

      autocensura! il commento al tuo commento era una battuta di pessimo gusto, chiedo venia, mia cara! 😀

      • paperi si nasce 19 agosto 2011 / 21:43

        Mi autodenuncio! Avevo pensato lo stesso commento… :$ 😀

      • mizaar 22 agosto 2011 / 17:15

        vuoi vedere che adesso devo dividerti con lilla? 😀
        quei separati alla nascita saranno mica tre gemelli?!?

      • paperi si nasce 22 agosto 2011 / 21:15

        e ma poi c’è pure Maumozio, che è gemello tuo… e siamo quattro!

      • mauro 23 agosto 2011 / 19:47

        se io sono gemello di virginia che lo è di lilla che a sua volta lo è di papero allora vuol dire che papero è mio fratello!

      • mizaar 24 agosto 2011 / 17:50

        ma lilla che dice? 😀

      • mizaar 26 agosto 2011 / 12:55

        ho richiesto rinforzi!!! 😀

  6. Drimer 19 agosto 2011 / 17:49

    Uhm…*voglio prendere le difese di quella “povera & solitaria” bottiglia che si è riempita d’acqua e si è collocata in un angolo aspettando qualcuno che la possa raccogliere, perchè quello che ha dentro aiuterà e magari salverà quell’anonimo passante che in una giornata terribile con 40° all’ombra non avrebbe purtroppo scampo, soprattutto se debole di cuore.
    Giorni difficili, aridi e senza certezze, per fortuna c’è la bottiglia e chi c’è la messa, lì.

    * Estratto da “L’Angolo Dei Pensieri Grondandi ”
    A ni pos piò 🙂

    • mizaar 22 agosto 2011 / 17:18

      come sempre l’animo del sognatore viene fuori! 😀
      può darsi, ma tu berresti l’acqua da una bottiglia ” sconosciuta ” anche con 40° gradi all’ombra? 🙂
      per i comuni mortali sudisti, tradurresti il a ni ecc. ecc. ? 🙂 🙂

      • paperi si nasce 24 agosto 2011 / 22:49

        “Non ne posso più”… (a me l’ha insegnato Guccini… 🙂 )

      • mizaar 25 agosto 2011 / 18:35

        quante cose si imparano dal prof guccini! 😀

      • paperi si nasce 27 agosto 2011 / 16:26

        La vita… Si impara la vita… Peccato che io l’abbia conosciuto dopo i trenta! 🙂

      • silykot 27 agosto 2011 / 16:30

        Vabbè…. è comunque un sacco di tempo che lo frequenti!!!!

  7. Alessandro 20 agosto 2011 / 20:39

    Che post, Virginia!

    Capace di evocare nei commenti riflessioni filosofiche e sessuologiche, poesie, diatribe etologiche sulle differenze tra cani e gatti, leggi fisiche, consigli per rubare la benzina delle apecar e un piccolo ripasso dell’epistomolgia della scienza.

    Chapeau

    • Tore 20 agosto 2011 / 22:58

      In realtà è tutto merito della bottiglia.
      È stata lì per anni, in attesa di generare queste discussioni…

    • paperi si nasce 20 agosto 2011 / 23:08

      …e siamo arrivati ai dialoghi platonici!
      Mica pizza e fichi, mesdames et messieurs, qui siamo sul blog di Virginia!

      • mizaar 22 agosto 2011 / 17:20

        anche pizza e fichi. lascia perdere! 😀 di questa stagione, poi, è il massimo!

    • mizaar 22 agosto 2011 / 17:19

      di tutto un po’, caro alessandro, il motto del blog! 😀

    • mizaar 24 agosto 2011 / 17:51

      un piattuccio deve essere rimasto da qualche parte, aspetta che rovisto tra le montagne di stoviglie da lavare! 😀 😀

  8. mauro 22 agosto 2011 / 18:54

    L’anno prossimo i Dialoghi di Trani li teniamo noi, moderatrice la prof. Virginia WWWolf.

    • mizaar 24 agosto 2011 / 17:52

      chiacchiere a parte le tipe dei dialoghi mi hanno chiesto di collaborare sul serio! 🙂
      naturalmente ho declinato. non mi muovo senza i miei gemelli!!

  9. Chit 23 agosto 2011 / 09:54

    Tutti a parlare della bottiglia ma… la bottiglia, cosa dice in merito?? … 😀

    • mizaar 24 agosto 2011 / 17:55

      domani chiederò alla bottiglia di esporre il suo pensiero in una conferenza stampa! 🙂

  10. Sonja A. 23 agosto 2011 / 13:14

    Il naufragar m’è dolce, io particella di sodio fra tutta quest’acqua cristallina e le ricche bottiglie che la contengono.

    • mizaar 24 agosto 2011 / 17:55

      un commento pubblicitario e…

  11. mauro 23 agosto 2011 / 19:52

    Una bottiglia sola è sempre in cattiva compagnia.
    (P. Valery)

  12. mizaar 24 agosto 2011 / 17:56

    una citazione dotta! 😀
    non vedo l’ora di leggere cos’altro scatenerà il caldo di questi giorni nelle vostre cucuzzette!!! 😀

    • Tore 25 agosto 2011 / 00:22

      A questo punto però, mi assale la curiosità! Voglio conoscere questa bottiglia, ce la posti una foto dell’ unica e inimitabile Bottiglia originale?

      • mizaar 25 agosto 2011 / 18:36

        eccola, con sorpresa! 😀

  13. Tore 27 agosto 2011 / 01:44

    Eccola finalmente! come immaginavo, con posa da dura, lievemente inclinata tutta piena di sè…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...