La vera storia di Sant’Elpidio a mare!!!

 
 
I favolosi abitanti di Sant’Elpidio, i già nominati Santelpidiensi, sono una comunità discendente dalla mitica Atlantide a cui piace molto scrivere; qualsiasi cosa, che sia una storia o una ricetta, una tegola o un sanpietrino.
La loro professione principale tuttavia era ed è tutt’ora prevedere per predire e prevenire, un po come gli scienziati dell’AZ tartar control con una mela verde su per il culo ancora intera. Ecco, senza dilungarci tanto, focalizzerei l’attenzione sulla discendenza mitica e sul loro amore nella prevenzione e nella vegenza.
I Santelpidiensi hanno calcolato da seimila anni che fra esattamente 52 anni, cioè la durata della vita di un castoro marchigiano a pelo bruno, lo scioglimento dei ghiacciai porterà inondazioni così violente che provocheranno l’innalzamento dei mari con conseguente spiaggificazione ad appena 5 metri sotto il livello di Sant’Elpidio; più precisamente a 246m sopra il livello del mare di oggi.
I santelpidiensi nel tempo libero preparano canotti in vimini e salvagenti con splendide decorazioni medioevali, la loro principale fonte di sostentamento è la parola, per la quale ogni giorno si prostrano e donano centinaia di migliaia di acari.
Ecco perchè "a mare"!  
 
( a cura di °_JiMmY-JaZz_ç )

7 risposte a "La vera storia di Sant’Elpidio a mare!!!"

  1. °_JiMmY-JaZz_ç 29 agosto 2007 / 23:29

    Ah, guarda, a me non fa ne caldo ne freddo, il problema è tuo quando posti queste deficienze, qualcuno potrebbe prenderti sul serio e quindi prendere sul serio me, e quindi potrebbe credere che i canotti siano realmente di vimini…ma tutti quanti sanno che il legno nell’acqua s’infracidisce….

  2. °_JiMmY-JaZz_ç 29 agosto 2007 / 23:34

    Oh, mo è il tuo brog che fa casini, poi non venire a dire che il tuo è più bello del mio gne gne gne gne e millanterie varie

  3. Daniele 30 agosto 2007 / 09:48

     Noi ad asti col vimini ci facciamo i super computer che poi vendiamo ai giapponesi e i missili balistici che vendiamo sottobanco all’iran. Nella speranza che i santelpidiensi abbiano ragione sullo scioglimento dei ghiacciai io comincio a creare sottocasa una stazione balneare con ombrelloni e sdraio. Poi devo vedere se riesco a trovare dei pedalò di vimini.

  4. Mauro 2 settembre 2007 / 10:30

    vabbe’ che non sei obblogata a scrivere 
    però aggiornalo ogni tanto!

  5. vito 4 settembre 2007 / 19:50

    Sono stato, e lo sono ancora, un fan dei Clash. Gruppo rivoluzionario. Innovativo. Energico. Mi aspetto, da chi utilizza un nick tratto da un loro cavallo di battaglia, analoga carica rivoluzionaria, innovativa, energica. Leggo, invece, un mucchio di stupidaggini protopseudodivertenti su sant’Elpidio. Mah! Complimenti. Se il siparietto e’ tanto divertente da essere pubblicato sul tuo blog, resto senza parole. Mi consola il fatto che, al confronto, le mie cazzate sono oro. Consigliami: devo smettere di lavarmi i denti con AZ tartar control?

  6. RUAJERK 21 marzo 2012 / 17:29

    D’accordo che pubblicare qualcosa in Internet è gratis e facile, ma non è obbligo. Scrivete quando avete qualcosa da dire.

    • mizaar 21 marzo 2012 / 20:07

      grazie per il suggerimento! diventa un obbligo però, quando si deve rispondere a sconosciuti maleducati ai quali, peraltro, nessuno ha chiesto di esprimere una qualsivoglia opinione. il blog è la ” casa ” di chi scrive; non si entra in casa altrui sputando sentenze!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...