Mani in alto

Che succede quando Matematica chiede a N. : < N. che cos’è la stratosfera? > Ed N. persa appunto nell’appena citata stratosfera fa scena travagliata? – ( Rispondo non lo so e prendo tre, oppure tento una risposta qualsiasi e becco tre lo stesso? ) – Nel frangente della decisione storica – eppure santa N. stai da posto devi solo, con nonchalance, sguardazzare il libro e tentare la sorte… mica fai il candeliere attaccata alla cattedra con niente di qui all’eternità che potrebbe salvarti la reputazione! Va be’, non ci sta N… vagola, appunto, nella stratosfera che più stratosfera non si può – in questo mentre la classe va in sollevazione popolare, con le mani ad altezza stretching, < Io, io… ‘ssore’ io! > Ma l’infame N. non risponde e neppure Matematica fa cenno di desistere, ma fa abbassare, con uno sguardo trucido, la selva delle mani. Quando ad un tratto vedo ridacchiare la collega. Mi avvicino alla cattedra, seguo il suo sguardo e leggo, sul banco di F. ” CHIAMA ME! ” Perdindirindina, cos’era? Una proposta o una minaccia?!? 😀 😀