Quasi amici o del pragmatismo francese

La storia di Quasi amicisi ispira a fatti e persone esistenti nella vita reale e non nella testa di uno sceneggiatore politicamente scorretto. La vicenda, certamente fuori dalle righe, dice di un ricco musicista (?) parigino dei boulevard che diventa tetraplegico a seguito di un incidente – mi butto con un parapedio, mi disfo due vertebre e dico addio alla motilità del mio corpo intero, eccetto la testa, amen! Il ricco ha bisogno di un infermiere/massaggiatore/tuttofare per poter condurre una vita da vegetale e pertanto convoca nella sua ricchissima magione dei boulevard, una serie di persone qualificate  Un nero delle banlieue parigine esce dal carcere dopo sei mesi per aver commesso un piccolo furto. Il nero ha bisogno del sussidio di disoccupazione perchè non ha messo in preventivo la possibilità di trovarsi un lavoro, ma si presenta al colloquio di lavoro a casa del ricco dei boulevard perchè – così pensa il nero – sarà sicuramente scartato perchè nero, senza referenze e ladro, e lui ha bisogno solo di una semplice firma da presentare per il sussidio, poichè dà per scontato che quello – ed altri lavori – non sono per lui. Ma succede l’imponderabile: il ricco si rende conto che quel ragazzo senza mezze misure, che non racconta frottole pietistiche per ottenere il lavoro, sarà quello che non lo tratterà da disabile e lo assume. Dopo un iniziale disorientamento il nero mette in atto quel pragmatismo disincantato, fatto di battute senza peli sulla lingua, che contrappuntano di risate il film, altrimenti piuttosto amaro e che si presta a considerazioni più profonde. Scorre così la vicenda di due realtà a confronto dove la disabilità fa da trait d’union, poichè in una realtà di tutti i giorni, al di là degli impedimenti fisici, avrebbe prevalso il preconcetto – il nero ladro non si accetta mai nelle stanze dei boulevard. Ma la mente del disabile ragiona disancorata dalle presunzioni. Viene quasi da pensare che ci sarebbe da far provare la disabilità, anche per un solo giorno, agli ottusi di cuore e di mente, a quelli che si fanno scudo delle sicurezze economiche per essere supponenti con il mondo intero. Sviluppare un rapporto empatico con i diversi, anche politicamente scorretto, parte dal basso, dalla sofferenza che si prova. Solo così si può dire pane al pane e diventare quasi amici.