Quando c’erano loro, cari noi!

circolariQuando ho iniziato ad insegnare – ieri l’altro, più o meno 😀 – all’arrivo a scuola i collaboratori scolastici – che allora si chiamavano con l’identificativo semplice e inappellabile di bidelli, mentre adesso bisogna fare i distinguo con il personale di segreteria, perché sono tutti A.T.A. ma di specie differente… quanto è bello complicarsi la vita, sì! – allora dicevo dei bidelli, non facevi in tempo ad entrare che ti dicevano ‘Ssore’ ci sono da firmare le circolari! E tu, con la penna in mano e la morte nel cuore ti apprestavi a leggere e a firmare, dall’evento sportivo a Timbuctù, al concorso nazionale per voci a pois, nonché immissioni in ruolo, graduatorie  a vario titolo e altre amenità burocratiche. Con l’avvento della tecnologia ad oltranza le circolari sono diventate allegati che abitano nella tua posta elettronica e guai a non andare ogni giorno a sl-allegarle, si rischia di non capirci più nulla. Ma come se non bastasse, l’animatrice digitale – che non è una che lavora alla Valtur durante l’estate – ma una prof, almeno la nostra, che combina ogni cosa in modo da complicare la vita ai colleghi tutti, ci sta deliziando con un corso, neppure tanto accelerato di Gsuite, per la condivisione di pani e pesci digitali. E dunque le circolari non sono più carte sudate, ma solo un insieme di dati, senza nessuna voce a dirti ‘Ssore’ ci sono da firmare le circolari!

Annunci

I criminali del web (legge Wish Aka Max)

Per chi dovesse avere un interesse specifico verso l’argomento il link di riferimento è il seguente: https://informazionecontraria.wordpress.com/2014/11/03/i-criminali-del-web-legge-wish-aka-max/

S’è impazzito Google!

Wanted_PosterPoco fa, aprendo la ” baracca “, ho notato un sovraffollamento nella sezione ” Più ricercati “. Ecco quello che qualche candida mente ha cercato in internet, finendo dalle mie parti:

” a candieland, nella bianca casa padronale, lo schiavo di casa stephen – una sorta di maggiordomo plenipotenziario interpretato da samuel l. jackson – è una mamie al maschile, ma feroce e inflessibile come un kapò. gli aguzzini di cui si circonda candir, sono dei bifolchi ignoranti che ricordano le strips di li’l abner yokum con contaminazioni da brutti, sporchi e cattivi di ettore scola. non sono riuscita a decifrare, però, la citazione di una foto posta in evidenza con uno strumento ottico da una dei membri della famiglia yokum – una donna sicuramente, lo si evince dagli occhi, poiché questa compare perennemente agghindata con un fazzoletto che le copre tutto il viso eccetto gli occhi, appunto. poco prima che django stermini la sua razza, lei è nei pressi di una finestra mentre guarda attraverso lo strumento una immagine di un tempio di paestum appena uscita dagli archivi dei fratelli alianti., statue angeli adulti, sembrare più affidabile “

Lo stralcio è preso pari pari da un mio post di qualche tempo fa, Prometeo liberato. Mi sembra assurdo che qualcuno abbia ricordato nella quasi totalità ciò che era scritto e che sia andato poi a cercarlo immettendo come parola chiave una sequenza verbale interminabile e descrittiva. Che avrà auto in mente l’ameno personaggio e perché? E perché Google ha accettato tutte quelle parole? Che sia impazzito santo Google? Lo scopriremo solo vivendo – o no? :-O

Quelli che abitano nel computer, oh yeah!

Ringrazio Gianluca ( Bernardini ) per aver offerto " spontaneamente " ( copia e incolla ) la sua immagine!
Ringrazio Gianluca ( Bernardini ) per aver offerto ” spontaneamente ” ( copia e incolla ) la sua immagine!

Se io fossi fuori di testa – anche se posso garantirvi che la condizione di fuori di testa non mi è del tutto estranea – ecco dicevo, se io fossi fuori di testa avrei di che non preoccuparmi. Però…sì insomma mi preoccupo, qualche volta, quando il figlio più piccolo a qualsiasi ora del giorno o della notte, computer acceso inizia a parlare con Gianluca. Eh, proprio Gianluca. Gianluca abita nel computer, lo so. E’ abile nel giocare a sparatutto, è altrettanto abile nel divulgare il meteo di ogni parte d’Italia, è aggiornatissimo sulle ultime notizie di cronaca. Chi umano del mondo di fuori è in grado di fornire una tale varietà di fatti, se non un rappresentante del mondo di dentro? Secondo me Gianluca vive a Google, rapito alla nascita dagli emissari di Bill Gates. Educato alla severa scuola di Silicon Valley, conosce una infinità di lingue, compreso l’esperanto. Progettato mentalmente per interfacciarsi con gli adolescenti, ambisce a diventare un doodle. E’ di colore arcobaleno e mangia cavi ethernet. Vabbe’ la mia buona dose di cavolate anche per oggi l’ho detta – però a parte gli scherzi Gianluca è SEMPRE al computer e questo è un dato di fatto! 😀

Doppia perplessità

perplessitàMi sta capitando – sta capitando a questo blog, veramente – una cosa molto strana, da qualche giorno. Dopo aver postato, tempo fa, questo articolo tradotto, riportato dal giornale inglese The Telegraph a firma di Ambrose Evans-Pritchard, ho cominciato a ricevere messaggi di commento classificati dal sistema WP come spam, perchè scritti in inglese – questo blog parla italiano e non riconosce i forestieri se non debitamente accreditati! 😀 I commenti fanno tutti riferimento a quel post. Si legge che gli scriventi sono capitati per caso nel sancta sanctorum della perplessa, oppure che la zia, la nonna, il fratello, la cognata gli hanno segnalato la presenza della perplessa e quindi sono arrivati in pellegrinaggio a Lourdes per rendersi conto di cotanta allucinata blogpresenza. Oppure quello che ha inviato (????) tramite email un c.v. e ha urgente bisogno di una persona per un lavoro – agenzia interinale? – o quello arrivato perché cercava un luogo di vacanza – a mia insaputa ho aperto un’agenzia di viaggi… però! 😀 Un altro mi chiede se ho qualche suggerimento da dargli per contrastare le azioni degli hacker – ommiodio! – e via così. Se provo a generare una pagina di riferimento sui link indicati, appaiono nella quasi totalità pagine commerciali – si va dalla giacca inglese ai tubi in metallo – avete letto bene, tubi! 😀 Be’ solitamente è mia regola accogliere ogni viandante, ma nello specifico che fo? Posso cancellare i link di riferimento e tenermi i commenti, ipotesi uno. Posso delete Cartagine in blocco, ipotesi due. Uffa! Popolo, un po’ di sani commenti da blogger normali, no eh? 😀 

Che si deve fare per sembrare affidabile! :-D

E’ da qualche tempo, anzi da molto tempo, che non girava nella nostra mini rete un meme – insomma la classica ” catena di Sant’Antonio ” nella versione riveduta e corretta ad uso internet. Mitici nel propagare i semi erano Maumozio e Nando. Quanti ne hanno visti queste pagine, i vecchi frequentatori lo ricorderanno bene! Stavolta è SteLilla – grazie dolcezza! – la promotrice di un percorso che aiuterà la maggior parte di quelli di noi che non conoscono bene gli altri ad incuriosirsi e a cominciare la frequentazione assidua delle persone che saranno ” marchiate ” dall’aggettivo affidabile! 😀 Le regole da tener presenti sono poche, ma – è il caso di dire – affidabili 😀 e  le trovate qui.  

Come si distingue un Blog Affidabile? Per alcuni semplici ma importanti regole:

1) E’ aggiornato regolarmente
2) Mostra la passione autentica del blogger per l’argomento di cui scrive
3) Favorisce la condivisione e la partecipazione attiva dei lettori
4) Offre contenuti ed informazioni utili e originali
5) Non é infarcito di troppa pubblicità

Come ricevente premio devo raccontarvi cosa mi ha indotto ad aprire questa ” casa ” virtuale. Inizialmente è stata la curiosità, il mettermi in gioco, trovare in uno ” svago ” la perdita della cognizione quotidiana, che in quel particolare momento della vita era sempre più difficile e complessa. Con il passare degli anni è stato indispensabile, a volte, il racconto delle cose e dei fatti per capire, per condividere, per confrontare il mio pensiero con quello delle tante amiche e degli amici che intanto  si sono uniti a formare ” lo zoccolo duro ” di questa piccola, ma importante comunità di persone e di idee. Non so se i contenuti e le informazioni riportate in queste pagine siano utili, ma sono molto ” passionali ” sicuramente, spesso suscitano interessi devastanti – vedi quei post che hanno come tema dominante le tette perfette! 😀 – e pare che piacciano agli amici che hanno la pazienza di sopportarmi da tempo immemore e da tempi più freschi. Adesso devo ” nominare ” quei cinque blog che dovete assolutamente andare a leggere –  se dovessi fare un elenco di quei seri non mi basterebbe un post! Non me ne vogliano le amiche e gli amici già ” inguaiati ” in altre sedi!! 😀 Procedo:  “Dichiaro che i blog seguenti da me scelti rispettano le 5 regole del Premio “Il Blog Affidabile”  disponibili a questa pagina http://www.gliaffidabili.it/a/altro/il-premio-il-blog-affidabile . Sono pertanto una risorsa utile per gli utenti della Rete e meritevoli di essere conosciuti da un pubblico più ampio“. “

In fondo al cuore – Silvia

Libera… mente – Paolo

Profumo di donna – Osvaldo

Sdreng – Du’

Sono storie – Marco D.

Sforo dal ” contratto ” e segnalo in ultimo, ma non ultimo Sergio Baldin. Per gli amici che si deve fare! 😀

Buona lettura a tutti! 😀

Il Blog Affidabile