Tanto peggio tanto meglio? aggiornamento

scuola-di-eriFabio Lorenzini, autore dell’illuminante  settimo punto sulla riforma della scuola secondo il M5s, ha voluto commentare il mio precedente post dallo stesso titolo. Per ” comodità ” di accesso riscrivo qui il suo commento e la mia risposta.

Dice il Lorenzini: ” Io certo volte rimango sbigottito dall’ignoranza di chi legge. Il forum del M5S è un contenitore dove i cittadini propongono delle proposte che poi vengono commentate e votate dagli stessi iscritti. Di fatto tutte le proposte scritte soprattutto quelle nazionali non verrano prese in considerazione, perchè il forum è stato creato per le proposte locali, cioè dei comuni. Comunque la frase che ha indignato parecchie persone “la scuola produce più disabili che ricercatori” è stata scritta come indignazione del fatto che il 4% della popoalzione scolastica è stata valutata come disabile, visto che non c’era una legge e anche perchè bisognava giustificare le tante assunzioni come docenti di sostegno di bambini con medie difficoltà, cioè i DSA. Questi bambini non sono disabili anzi potrebbero essere molto creativi se la scuola fosse veramente una scuola, invece vengono emarginati e il risultato di questo trattamento si evince alle superiori che approdono senza competenze e parecchi se non hanno una buona famiglia lasciano al primo anno. Quindi tutta questa polemica creata su una proposta è tempo perso, penso che una domanda che ci dobbiamo fare come recuperare tutti questi ragazzi etichettati come disabili. SVEGLIATEVI

Avrei voluto replicare ho notato con sgomento che il mio commento è stato soppresso dal moderatore. La differenza il Mov lo fa su questo non censura nessuno. Comunque vi capisco parlare da soli aiuta. Un saluto Fabio Lorenzini “

Il mio commento:  ” Mi dispiace caro Lorenzini che tu abbia trovato un ” intoppo ” nella moderazione, ma di norma in questo blog non si censura nessuno. Il ” sistema ” molto semplicemente non ti ha riconosciuto poiché è la prima volta che visiti e commenti queste pagine. Detto questo, se tu avessi avuto meno premura di commentare e andartene nel tuo forum, avresti capito che sono realmente indignata della facilità con cui hai scritto terribili falsità sui disabili, sui d.s.a. e sugli insegnanti di sostegno. Evidentemente sei malissimo informato e da insegnante di sostegno da più di venticinque anni mi viene d’obbligo chiarire alcuni punti che ritengo fondamentali. La legge 104 che viene applicata in Italia per tutelare le persone con disabilità, ha criteri realmente severi e posso garantirti che è veramente così – specie se si tratta di minori e del loro inserimento scolastico. Nessuna commissione ammette al sostegno persone che non ne abbiano, purtroppo, la necessità. Il mio alunno attuale è una persona con sindrome di Down e dall’età mentale di otto anni – in realtà ne ha tredici. Se non avesse ” intorno ” oltre che i docenti curricolari, una insegnante di sostegno che media il suo rapporto con gli altri ragazzi, che lo ” aiuta ” nelle spiegazioni, che lo accompagna nelle scelte scolastiche, e permettimi l’immodestia, con la professionalità, la competenza e tutto l’amore di cui è capace, avresti un ragazzo emarginato e privo di interesse verso la scuola. Negli anni precedenti ho avuto l’onore di insegnare ad un ragazzo autistico e non credo proprio non avesse bisogno del mio e del nostro sostegno. Non mi dilungo chè in venticinque anni di ragazzi ce ne sono stati. La scuola NON produce disabili, fa in modo di integrarli in un micro sistema sociale come premessa per quello che sarà un sistema più allargato. La scuola NON CERTIFICA disabili e tantomeno persone con disturbi specifici dell’apprendimento. Sono gli psicologi presso i quali i genitori portano i loro figli con evidenti difficoltà scolastiche a certificarli. E per la cronaca i d.s.a. non sono considerati disabili – e quindi non fruiscono del sostegno – secondo la legge 210 dell’8/10/2010. Cito dalla premessa ” Per la peculiarità dei Disturbi Specifici di Apprendimento, la Legge apre, in via generale, un ulteriore canale di tutela del diritto allo studio, rivolto specificamente agli alunni con DSA, diverso da quello previsto dalla legge 104/1992. Infatti, il tipo di intervento per l’esercizio del diritto allo studio previsto dalla Legge si focalizza sulla didattica individualizzata e personalizzata, sugli strumenti compensativi, sulle misure dispensative e su adeguate forme di verifica e valutazione” la normativa prevede il coinvolgimento dei consigli di classe nella loro globalità e non gli insegnanti di sostegno. Come vedi la legge, le leggi, ci sono eccome e nessuno viene assunto in maniera arbitraria come sostieni tu, senza che tu abbia una corretta informazione a proposito. Anzi, se questo può servire a chiarirti le idee, quando i provveditorati a settembre, stabiliscono il monte ore necessario per il sostegno, tendono sempre al ” ribasso “. Per questa ragione ogni anno facciamo la guerra dei poveri, si tolgono le ore ai ragazzi più gravi per dare la possibilità a quelli lievi di fruire di una manciata di ore alla settimana – quattro ore e mezza, una enormità sicuramente, per i tuoi interlocutori. Ti posso garantire che nessun ragazzo viene emarginato nella mia scuola, anche quelli più refrattari alla studio trovano la loro ragione di essere e siamo una scuola di ” frontiera”. Quello che si evince alle scuole superiori è frutto dello scollamento che cattive riforme scolastiche hanno creato tra un ordine di scuola e l’altro. Per tutto quello che ci piove addosso ogni anno, siamo ancora capaci di una buona resistenza. E per cortesia, non preoccupatevi di recuperare disabili, nessuno etichetta nessuno impropriamente. Mi dispiace dirlo, ma INFORMATEVI meglio la prossima volta.

ULTERIORE AGGIORNAMENTO – del 7 c.m. : dice ancora Lorenzini:

Sono convinto della sua buona fede e di tanti docenti che vivono sulla loro pelle le disabilità gravi. In un articolo attinente ai dati del MIUR, sull’andamento scolastico dell’anno 2011, del quotidiano Corriere della Sera, Lorenzo Salvia scriveva così di questo problema: “Il numero dei disabili è in costante aumento quest’anno sono arrivati quasi a 200 mila, un vero e proprio boom se si pensa che 10 anni fa erano quasi la metà”. Che cosa è successo? La legge 170 sicuramente ha messo un freno alle certificazioni e dato delle nuove regole. Però da un commento di un docente di sostegno emerge qualcosa che ci ha lasciato senza parole. Lo riporto per intero con il copia-incolla: Geru2012 Riccardo • un mese fa

Scusami, ma purtroppo io so molto bene ciò di cui parlo, e ti consiglio di rileggere il mio intervento per capirlo meglio. Infatti noterai che non è questo il problema.. ti aggiorno che durante il suddetto governo è vero che hanno fatto dei tagli ma è anche vero che (informati !) hanno aumentato il numero di assunti in sostegno aumentato…che vuol dire 60 persone alle medie e zero nelle altre classi di concorso obbligando e lo sottolineo chi aveva preso il titolo di sostegno, anche solo per capirci di più e per poter aiutare in classe questi ragazzi la cui integrazione è lì che si gioca e non fuori emarginandoli ,ad accettare il sostegno mentre negli anni precedenti si poteva scegliere!!!! Non so se tu sei informato
ed in quale campo lavori io so bene quello che dico ….è la realtà che vivo tutti i giorni e che ho visto in molte scuole. Intanto l’alunno grave non ha subito tagli perchè le 20 ore ed anche più le ha sempre figurati se lasciano da solo uno grave il preside in questo ha autonomia e può formare la cattedra di sostegno come vuole e può mettere su un alunno anche più di un insegnante di sostegno come spesso succede.. non ho mai visto un grave negli ultimi anni non coperto almento per i tre quarti delle ore…. Mentre non era nemmeno giusto quello che succedeva prima e cioè che un ragazzo con medie difficoltà avesse un insegnante per tante ore perchè ti ripeto non è tanto la copertura ma che questi vengano integrati in classe perchè a scuola non ha senso fare le lezioni private perchè l’apprendimento avviene in gruppo con gli altri..
Poi devi anche sapere che dietro questa storia del sostegno ovvero delle certificazioni ai ragazzi sono certa che c’è del marcio che in futuro verrà fuori infatti non si spiega perchè in alcune regioni ci sia una sì grande facilità a certificare, allora l’iter è lungo e non è questa la sede per spiegartelo parte dalla scuola, passa per la famiglia (che spesso cede stremata dalla scuola) ed approda ai servizi di neuropsicologia che ti trovano sempre qualcosa… La questione è molto dibattuta anche all’interno tra specialisti stessi io vado a vari congressi e ricordo una volta una famosa neuropsichiatra italiana (una che scrive una marea di libri) incolpava gli insegnanti di trovare tutti alunni con difficoltà però certo chi certifica alla fine sono loro.
Non è un argomento semplice e non c’è una risposta univoca fatto stà che la cosa innesca una serie di situazioni come l’esigenza dell’insegnante di sostegno poi dietro si nasconde anche la carenza socio-familiare insomma servirebbe più un assistente sociale in tanti casi perchè sono ragazzi trascurati fino alla follia ma anche lì i servizi sociali sono carenti di personale e fanno quello che possono poi c’è la legge le lungaggini dell’italia , la chiesa, il volemose bene il fatto che tante situazioni sul territorio vengono un pò ignorate perchè l’insegnante è del luogo la paura della controdenuncia insomma siamo italiani e così invece di prevenire preferiamo curare anche dove non servirebbe….
Sono minori è un campo complesso ma ti assicuro che ci sono molte contraddizioni da un lato si cerca di aiutare, tutelare con la legge 104 con il sostegno e dall’altro spesso si scarica tutto sull’insegnante di sostegno ed allora viene meno il senso di assumere una persona così ci vogliono le P…e ed a volte non bastano neppure perchè tu non puoi imporre agli altri di lavorare o di collaborare sei un loro pari anzi se li osteggi si ritorcono sul ragazzo al quale comunque tu ti affezioni e loro no… poi dipende dalla persona come in tutte le situazioni.
Per i sindacati non rimangio quello che ho detto un conto è la teoria ed un conto è la pratica e ti assicuro che in alcune regioni sono avvenute cose gravi sotto i loro occhi e con il loro consenso ma forse io e te la vediamo diversamente io ad esempio ritengo grave che uno mi venga ad imporre con la prepotenza quello che io devo fare nella mia vita ricattandomi con il fatto che devo lavorare forse per te non è grave per me si .. ti saluto

Il Lorenzini è’ convinto della mia buona fede?!? Ma è sicuro di aver capito che sono una insegnante di sostegno? E il suo istruito e frequentatore di convegni è sicuro di essere un insegnante e non un analfabeta? Il commento è un insieme di luoghi comuni, di profonda ignoranza e di approssimazione. Se tutti gli insegnanti di sostegno fossero come lui altro che i 200 mila sbandierati da Lorenzo Salvia! Poveri ragazzi disabili, povera scuola! 

Annunci

Inclusività

task forceMi accingo a scrivere un verbale dell’ultimo consiglio di classe come se, invece di riportare ” verba “, dovessi andare al patibolo. E’ noioso ripetere quelle che sono parole onnipresenti nei punti all’o.d.g. e che vengono, in seguito, ripetute senza soluzione di continuità. Ad un ” Andamento didattico disciplinare e analisi globale del processo formativo della classe ” corrispondono quasi sempre una serie di bla bla bla in variazione sul tema  alunni indisciplinati e/o demotivati. Mi lamento come sempre, è vero, ma è anche la scuola che sembra attraversare una fase di lamento di base – come si diceva una volta – uno stato che non porta niente di buono. Come se non bastasse adesso siamo alle prese con qualcosa di genericamente originale e davvero poco entusiasmante. Da qualche parte ai piani nobili della Pubblica Istruzione sono arrivate le belle parole, quelle che rimandano a sperimentazioni alte per applicazioni basse. Una circolare del ministro del 27 dicembre 2012 parla di ” Strumenti di intervento per alunni con B.E.S. e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica “. Vale la pena spiegare che all’acronimo B.E.S. non corrisponde ad una brutta malattia, ma semplicemente alla quadratura del cerchio. I Bisogni Educativi Speciali sembrano appartenere non solo ai ragazzi diversamente abili – per carità, non vanno chiamati più così, ma persone con Bes, pena l’esilio – ma si accompagnano ad ogni possibile difficoltà in campo scolastico.Pertanto finiscono nel calderone dei Bes i dislessici – D.S.A. anche qui un ” illuminante ” acronimo –  e gli svantaggiati socioeconomici linguistici e culturali. Di questa bella gente che cosa ne facciamo, di grazia, secondo il ministro? – come se finora tutto abbiamo fatto fuorché considerarli! Si forma una task force di illuminati – ecchè solo il Presidente della Repubblica italiana può convocare i dieci saggi? – e si prepara un piano annuale per l’inclusività – brutta parola che anche il computer tenta di correggere e adesso mi segnala come errore – senza però perdere di vista le risorse umane e non presenti sul territorio, le risorse umane e non all’interno della scuola, quelli che sono e che saranno gli interventi educativi, passando per un focus/ confronto sui casi cercando di non dimenticare la rilevazione e il monitoraggio e valutazione del livello di inclusività della scuola e coordinando le proposte formulate dai singoli GLH operativi – gruppo di lavoro handicap. Vi sembra poco? Tutto da compilare – perché come sempre si tratta di ” riempire ” carte – entro la fine di giugno. Per rallegrare me stessa leggo a firma di Dario Ianes, docente universitario autore di molti libri sui Bes, che i tre temi centrali da considerare necessariamente per arrivare a concepire una didattica inclusiva sono: il tema del funzionamento umano differente, il tema dell’equità e quello dell’efficacia tecnica e della piena partecipazione sociale. Mi viene facile domandare: come applicare una pedagogia alta/altra  a programmazioni estese e affollate? Vado a scrivere il verbale che non mi include, è meglio.