Il mestiere di vivere

Cesare_Pavese_218 agosto

La cosa più segretamente temuta accade sempre. Scrivo: o Tu, abbi pietà. E poi?

Basta un po’ di coraggio.

Più il dolore è determinato e preciso, più l’istinto della vita si dibatte, e cade l’idea del suicidio.

Sembrava facile, a pensarci. Eppure donnette l’hanno fatto. Ci vuole umiltà, non orgoglio. 

Tutto questo fa schifo. Non parole. Un gesto. Non scriverò più.

( dal diario di Cesare Pavese ” Il mestiere di vivere ” ) 

Cesare Pavese muore suicida in una stanza dell’albergo Roma, a Torino, il 27 agosto del 1950.