Racconti diVini

locorotondo panoramaQualche settimana fa, su invito di amici di vecchia data, ho trascorso una serata piacevolissima, a Martina Franca in valle d’Itria, cenando con un gruppo di persone che mi erano sconosciute, fino a quel momento. Come sempre succede intorno ad un tavolo dove siedono più persone e dunque l’interloquire a più voci si disperde e si frammenta in discorsi fatti con il dirimpettaio  o con colui – o colei – che ti siede al fianco, ho chiacchierato con un giovane uomo, molto distinto, molto riccioluto, che avevo di fronte. Dopo uno scambio di informazioni di base il giovane uomo mi ha rivelato di essere un editore. Chissà come ci si immagina un editore! Per quanto mi riguarda, fino a quella sera, il mio immaginario aveva sempre considerato editore personaggi tipo Arnoldo Mondadori oppure Angelo Rizzoli senior, oppure lo stesso Giuseppe Laterza, un po’ panciuti, stempiati, dall’età mediamente attestata intorno agli anta. Chi avevo dirimpetto era invece un ventino – per dirla alla Camilleri – secco secco – per ridirla alla Camilleri – riccio, occhialuto, molto serio e molto attento a quanto gli veniva detto dalla signora bionda che aveva di fronte. Alla notizia che la signora si dilettava da anni come blogger, il giovane uomo ha prestato maggiore attenzione e ha chiesto il nome del blog. É venuto fuori, anche, che la signora è una appassionata lettrice e dunque il giovane uomo ha detto a sua volta di aver scritto un libro Il mio punto di vista e che gli avrebbe fatto piacere farne omaggio alla lettrice accanita. Il libro del giovane editore è arrivato dopo qualche giorno a destinazione, con una bella dedica che ha deliziato la signora – Paolo Giacovelli, non temere, leggerò il tuo libro appena avrò terminato quello che ho sotto mano in questo momento! Non più tardi di qualche altro giorno, è arrivata comunicazione di un concorso letterario indetto dal giovane Paolo che ha come tema il vino. Per coloro che amano scrivere e amano bere, questa è l’occasione propizia per presentare il proprio lavoro letterario entro il 30 ottobre 2015 a Locorotondo presso l’editore Giacovelli. Il bando completo è scaricabile qui. E che vinca il migliore scrittore, estimatore di vini pugliesi!

Saggio chi scrive un saggio

Segnalato da Wired on line riporto, per quelli che amano scrivere, un’altra iniziativa interessante: al Salone del libro di Torino, iniziato oggi, viene lanciato un concorso dalla casa editrice Il Saggiatore, per la pubblicazione di dieci saggi in formato epub. Per partecipare

” Basta non aver compiuto ancora 40 anni e inviare entro il 15 agosto prossimo un saggio di 100mila battute (spazi inclusi) all’indirizzo  esaggi@saggiatore.it. Ma attenzione, il saggio dovrà riguardare uno dei seguenti argomenti: per la filosofia si dovrà parlare della catastrofe nel pensiero occidentale, in ambito musica del blues nella storia del rock’n’roll, delle rivoluzioni arabe e dei social media per la categoria mezzi di comunicazione, per l’ economia della Grande recessione e della crisi dell’Europa, infine di decisioni ed emozioni nel campo della cognizione. Ogni autore riceverà 250 euro di anticipo sul 25% delle vendite nette. 

Il progetto sarà presentato domenica 15 maggio ore 17 al Salone del Libro di Torino, insieme agli giovani saggisti già scelti: Andrea Tarabbia, Ilenia Picardi, Roberto Ciccarelli, Marco Valli e Andrea Capocci. “