Numeri

“Tempête de Neige” exposé en 1842 de J.W. Turner
Snow Storm – Steam-Boat off a Harbour’s Mouth making Signals in Shallow Water, and going by the Lead

Impietosi i numeri che, nella loro asetticità, ci raccontano di persone senza raccontarci niente di quelle vite travolte, per sempre, come in una tempesta.

4 risposte a "Numeri"

    • gaberricci 27 aprile 2020 / 11:45

      Veramente siamo noi che siamo ottusi. I numeri sono numeri, ed il nostro cervello è costruito in un modo che impedisce di elaborare i numeri grandi. Ci rendiamo conto solo ora di questo perché è successo qualcosa che ha colpito noi . Non ci interessava così tanto quando i morti erano “gli altri”.

      • Paolo Popof 28 aprile 2020 / 20:54

        I numeri non sono ottusi e nemmeno noi, Ci nascondiamo dietro i numeri per camuffare la nostra individualità.

  1. filorossoArt 9 giugno 2020 / 22:46

    siamo una società impazzita che sta dando i numeri con ragione impeccabile. Poi tutto è crollato in un giorno, domandandosi preoccupati gli economisti laureati:” Perché? Eppure era tutto calcolato.”

    Io poeta dalle rime imperfette ad Agosto curavo in cieli notturni l’arrivo del diamantifero Saturno dopo tanti anni di assenza in cielo, Dio Coronato d’anello ampio lucente:

    “E’ Saturno! E’ lui, è tornato! ,
    Antico Dio italiano sconosciuto,
    miete con la Piccola Falce e Grande
    le messi dorate da portare in cielo.”

    Era il 10 di Agosto, le stelle cadenti
    dagli occhi della cavallina storna
    erano rivolta al nido di colei che madre
    non face ritorno.

    “Ritornava una rondine al tetto
    la uccisero, cadde tra spini
    ella aveva ne becco in insetto
    la cena dei suoi rondinini…”

    Cosa volesse dire il Poeta di rondinelle
    e Valentino scalzo? Nessuno lo seppe tradurre:
    Dimenticato. ecco la falce di Saturno tornare.

    La sua corona d’alloro dal capo depose il poeta
    inchinandosi a terra nel giorno dei lutti e sirene.

    12 Agosto 2019:
    Allineamento: Luna con Giove e Saturno
    tra sciami meteorici delle Perseidi,
    scie falciatin di satur-nidi mietuti dal cielo;
    nessuno si accorse, solo i poeti Ciclopidi
    coloro che sanno scrutare ancora il cielo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...