Affermarsi

Gianluca Palazzolo- Rattingan Glumphoboo

L. era il biondino che abitava al piano di sopra. Più grande di me di qualche anno, sembrava non accorgersi di nulla intorno, assorto com’era su se stesso, quando rientravamo da scuola. Lui era già al liceo e non ricordo se, incrociandoci per le scale per l’ora di pranzo, ci fosse stata maniera di scambiarci un saluto, un cenno del capo. Credo proprio di no. Era il più piccolo di fratelli già grandi e di genitori già anziani, almeno così mi sembravano allora. Gente timorata di Dio, avevano in casa uno zio prete che abitualmente camminava anche di notte. Sapevamo che Monsignore era sveglio per il curioso rumore che facevano le sue scarpe, una specie di cigolio, che si ripeteva continuamente ad ogni passo, con grande fastidio per noi che stavamo al piano di sotto. Una sera sentimmo arrivare l’ambulanza. Pensammo subito allo zio prete, colui che in apparenza era messo peggio. Sentii mia madre bisbigliare < Povero ragazzo! > L. aveva provato ad uscire di scena nel peggiore dei modi, tagliandosi le vene. Qualche giorno fa G. mi ha raccontato la storia di una sua conoscente, una persona che non vedeva da tempo. Leggendo il suo necrologio, quella mattina, mi aveva poi riferito il modo che la donna aveva utilizzato per suicidarsi. Aveva affittato una stanza d’albergo e, come L., si era tagliata i polsi. Quest’ultima non aveva avuto nessuno che la salvasse in extremis. Riflettevo sulla modalità scelta da entrambi, riflettevo sulle possibili “ cause “. In un adolescente le decisioni sono repentine e quasi sempre non ragionate. Il nihilismo di un ragazzo non è mai supportato da una visione ragionata del mondo che non si conosce, dalle esperienze che non si sono fatte. Tutto è senza mezze misure, tutto nero o tutto bianco e, nel bene o nel male, si sceglie. Gli adulti ragionano, sanno com’è vivere, la fatica del quotidiano, il peso greve delle esperienze e scelgono, nel “ bene “ per se stessi o nel “ male “ per chi rimane a compiangere, scelgono il gesto eclatante, apparentemente senza ragione. Entrambi affermano se stessi agli occhi degli altri, entrambi dicono < Ci sono >. Perchè a questo servono le “ rotture “, gli strappi del vivere, ad affermarsi come persone e null’altro.

6 risposte a "Affermarsi"

  1. gaberricci 21 gennaio 2019 / 10:53

    Quando ero all’università, io ed i miei compagni fummo colpiti dal suicidio di una persona che conoscevamo, tutti. Ancora adesso, parlandone con coloro con i quali mi sento ancora, riusciamo a giungere ad una sola conclusione: la verità la sa lui, e non ce la può raccontare.

    • mizaar 21 gennaio 2019 / 15:37

      Il non detto sta nel racconto della vita della persona che avete conosciuto, probabilmente. Decidere di non raccontarsi più è il gesto definitivo e importante, l’affermazione sintetica di sè. Chi decide in questo senso, merita di essere ricordato con grande rispetto.

  2. Lilla ... 21 gennaio 2019 / 15:15

    È innegabile che ci sono Vite più difficili di altre, così come è innegabile che ci sono persone più fragili di altre … credo che quando la voglia di porre fine al “male di vivere” supera lo spirito di sopravvivenza insito in ognuno di noi, niente e nessuno può fare qualcosa …

    • mizaar 21 gennaio 2019 / 15:30

      Le scelte “ importanti “ si fanno sempre da soli, meno che mai si chiede a qualcuno “ se sia il caso di farlo “in circostanze del genere. Forse per alcuni la sensazione di solitudine, di abbandono, è il male peggiore, il non poter confrontarsi, il sentirsi giudicato, la chiave di lettura.

      • Lilla ... 21 gennaio 2019 / 16:14

        Non so quale sia la chiave di lettura … solitudine, abbandono, sentirsi giudicati o anche il senso di responsabilità che toglie il respiro …
        Proprio perchè sono convinta che certe scelte si facciano da soli e, nella maggior parte dei casi, dopo averci pensato e ripensato … credo che chi arriva a questa conclusione, secondo me, è perché non vede alternative … può tentare una volta, essere ‘seguito’ dai migliori medici e supportato dalle migliori terapie ma, indipendentemente da tutto, se è quello che ha deciso, prima o poi, troverà il modo di portare a compimento il suo intento.

      • mizaar 21 gennaio 2019 / 17:07

        È così, senza che ci siano alternative, verissimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...