Racconti diVini

locorotondo panoramaQualche settimana fa, su invito di amici di vecchia data, ho trascorso una serata piacevolissima, a Martina Franca in valle d’Itria, cenando con un gruppo di persone che mi erano sconosciute, fino a quel momento. Come sempre succede intorno ad un tavolo dove siedono più persone e dunque l’interloquire a più voci si disperde e si frammenta in discorsi fatti con il dirimpettaio  o con colui – o colei – che ti siede al fianco, ho chiacchierato con un giovane uomo, molto distinto, molto riccioluto, che avevo di fronte. Dopo uno scambio di informazioni di base il giovane uomo mi ha rivelato di essere un editore. Chissà come ci si immagina un editore! Per quanto mi riguarda, fino a quella sera, il mio immaginario aveva sempre considerato editore personaggi tipo Arnoldo Mondadori oppure Angelo Rizzoli senior, oppure lo stesso Giuseppe Laterza, un po’ panciuti, stempiati, dall’età mediamente attestata intorno agli anta. Chi avevo dirimpetto era invece un ventino – per dirla alla Camilleri – secco secco – per ridirla alla Camilleri – riccio, occhialuto, molto serio e molto attento a quanto gli veniva detto dalla signora bionda che aveva di fronte. Alla notizia che la signora si dilettava da anni come blogger, il giovane uomo ha prestato maggiore attenzione e ha chiesto il nome del blog. É venuto fuori, anche, che la signora è una appassionata lettrice e dunque il giovane uomo ha detto a sua volta di aver scritto un libro Il mio punto di vista e che gli avrebbe fatto piacere farne omaggio alla lettrice accanita. Il libro del giovane editore è arrivato dopo qualche giorno a destinazione, con una bella dedica che ha deliziato la signora – Paolo Giacovelli, non temere, leggerò il tuo libro appena avrò terminato quello che ho sotto mano in questo momento! Non più tardi di qualche altro giorno, è arrivata comunicazione di un concorso letterario indetto dal giovane Paolo che ha come tema il vino. Per coloro che amano scrivere e amano bere, questa è l’occasione propizia per presentare il proprio lavoro letterario entro il 30 ottobre 2015 a Locorotondo presso l’editore Giacovelli. Il bando completo è scaricabile qui. E che vinca il migliore scrittore, estimatore di vini pugliesi!

11 thoughts on “Racconti diVini

  1. gaberricci 10 settembre 2015 / 20:38

    Grazie della comunicazione… purtroppo sono astemio:-).

    • mizaar 10 settembre 2015 / 20:50

      ciò non toglie che tu possa scrivere un racconto su rapporto conflittuale che hai con il vino!🙂

      • Bruno 10 settembre 2015 / 21:39

        Anche io sono un editore che ha scritto un libro e organizzato un concorso, ma non essendo (non più) un “ventino secco-secco” mi hai snobbato😥😛

      • mizaar 11 settembre 2015 / 10:55

        e dov’è questo libro, eh? me lo hai mandato? mi hai scritto una dedica? millantatore!😛

      • gaberricci 10 settembre 2015 / 22:35

        Ci penso!:-)

      • mizaar 11 settembre 2015 / 21:16

        e l’invito a cena allora? e la dedica? millantatore!😛

      • Bruno 12 settembre 2015 / 12:26

        Non fare la furba! Non è stato lui ad invitarti a cena e ti ha fatto la dedica solo per indurti a leggere il suo libro, mica si è offerto di pubblicare il tuo come ho fatto io!😛
        La verità è che non mi ami più😥 … e non sai cosa ti sei persa quando avevo vent’anni😀

      • mizaar 14 settembre 2015 / 20:31

        oh là là, non si dice così ad una anziana signora!😛

  2. unpodimondo 11 settembre 2015 / 11:02

    Anche noi quando siamo stati al mare a Cervia siamo stati invitati ad una tavolata gastronomica… solo che davanti alla mia famiglia hanno messo una famiglia di polacchi. L’unica parola che sapevano in italiano era “Super” anzi, “Zuper” quando portavano il cibo!
    Però sulle bevande ci siamo trovati d’accordo: noi astemi abbiamo bevuto tutta l’acqua… loro si sono scolati tutte le bottiglie alcoliche… compreso il bambino di 11-12 anni!

    • mizaar 11 settembre 2015 / 21:23

      anche per la mia cena è capitata la stessa cosa. il giovane editore, io e mio marito pasteggiavamo ad acqua, gli altri hanno bevuto ben volentieri. penso che il concorso sia stato bandito con lo scopo fondamentale di promuovere il vino e soprattutto quello di locorotondo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...