‘APPELLO PER SALVARE MERIAM ISHAG, MADRE CRISTIANA CONDANNATA A MORTE PER APOSTASIA’

meriam#SAVEMERIAM: “il vostro click farà la differenza”.

Basta solo un click a salvare la nostra coscienza? Noi di Italians for Darfur non lo pensiamo, ma, in questo caso, un click può davvero fare la differenza. Con un click, infatti, puoi contribuire a salvare la vita di un innocente, una donna sudanese condannata a morte per apostasia, così come è accaduto nelle precedenti iniziative di Italians for Darfur Onlus e delle organizzazioni per i diritti umani a livello internazionale.

La sentenza per questa donna cristiana, Meriam Yahia Ibrahim Ishag, 27 anni, arrestata il 17 febbraio scorso dalle forze di polizia sudanese insieme al figlio di 20 mesi, e in attesa di un secondo figlio, è stata pronunciata nonostante numerosi appelli per il rispetto della libertà di religione. Il giudice che l’ha emessa, Abbas Mohammed Al-Khalifa, leggendo il dispositivo a fine dibattimento ha affermato che erano stati concessi tre giorni all’imputata per abiurare, ma avendo deciso di non riconvertirsi all’islam meritava la condanna all’impiccagione. La donna, nata da padre musulmano, è stata però cresciuta nella fede cristiana dopo l’abbandono del padre, ma per la Sharia anche la religione viene tramandata, di diritto, dalla linea paterna. Così, pur essendosi sposata con un cristiano, viene accusata non solo di essersi convertita ad altra religione, ma anche di aver commesso adulterio in quanto il matrimonio tra fedi diverse non può essere riconosciuto.
Per scongiurare l’esecuzione della pena chiediamo ancora una volta di firmare un appello che, come nel caso di Intisar e Ahisha, due donne condannate alla lapidazione per adulterio, permetta di scongiurare una atroce ingiustizia. Anche in questo caso, visto il successo delle precedenti iniziative della nostra associazione Italians for Darfur Onlus, è possibile sottoscrivere l’appello on-line attraverso il nostro sito http://www.italiansfordarfur.it. Le firme raccolte saranno inviate al presidente del Sudan Omar Al Bashir, l’unico che può concedere la grazia, prima che la donna partorisca e venga eseguita la condanna a morte.
Prendi visione dell’informativa per la privacy e firma la petizione globale, promossa in Italia da Italians for Darfur Onlus.

“Chiediamo, al Governo sudanese, la scarecerazione immediata di Meriam Yahia Ibrahim Ishag perchè è da ritenere prigioniera esclusivamente per motivi religiosi e di coscienza e il rispetto delle leggi internazionali sui diritti umani.”

FIRMA LA PETIZIONE QUI

( dal sito Italians for Darfur Onlus )

 

3 thoughts on “‘APPELLO PER SALVARE MERIAM ISHAG, MADRE CRISTIANA CONDANNATA A MORTE PER APOSTASIA’

  1. Silvia 16 maggio 2014 / 20:57

    Fatto!

    • mizaar 16 maggio 2014 / 20:58

      molto bene. ho firmato anch’io, naturalmente!

  2. karina890 17 maggio 2014 / 13:45

    L’ha ribloggato su costainpianurae ha commentato:
    Sempre il blog di mizaar, sempre un’altra ingiustizia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...