Libri, passione

edit_libri0101Riporto un articolo – dal Libraio.it – che sicuramente interesserà tutti coloro che leggono acquistando la materia prima del leggere, i libri. Ognuno di noi sa bene quanto sia diventato faticoso sottrarre del denaro al menage famigliare per l’acquisto di un libro, uno qualsiasi – considerando il libro un bene voluttuario del quale si può fare a meno, momentaneamente, a beneficio di altri acquisti. Ma spesso io stessa mi rendo conto che così non è, che leggere qualcosa di cui ho sentito parlare oppure che in un certo giorno di noia un libro ha attirato il mio interesse sia solo per il titolo oppure per l’immagine di copertine, concedendomi il piacere dell’immaginare mondi o scenari diversi da quella noia che mi attraversa come fumo, ebbene queste costruzioni mentali intorno ad un libro mi danno la misura di quanto sia importante e vitale leggere. Un piacere al quale non rinuncio. E se questa legge, di cui si parla nell’articolo, mi beneficia della possibilità di comprare più libri, evviva, comprerò più libri!

Per chi ama leggere come noi, la notizia diffusa poche settimane fa è davvero da sogno: è approvata la nuova misura del governo che prevede sgravi fiscali pari al 19% sulle spese sostenute per l’acquisto di libri, fino a un tetto di 2.000 euro a persona per anno solare. Questa nuova disposizione varrà per almeno 3 anni.
Fino al 2016 quindi ciascuno di noi potrà detrarre fino a 1.000 euro annui per i libri in generale e altri 1.000 per testi scolastici e universitari. Quando andrete in libreria a fare incetta di novità del 2014, ricordatevi di conservare lo scontrino!
Quanti libri riuscite a leggere in un anno? Se fossero una cinquantina, vi potrebbero venire rimborsate quasi 200 euro. Non male per chi legge sia per piacere che per dovere.
Come incentivo concreto all’acquisto dei libri, la misura sarà un beneficio non solo per noi lettori ma anche per tutta la filiera del libro, dai librai agli editori.
Aggiunge un’ulteriore, interessante aspetto Stefano Mauri, presidente e AD del Gruppo Editoriale Mauri Spagnol:

“La detrazione sull’acquisto di libri, al di là del pregevole regalo ai lettori, è anche un regalo all’altra metà del Paese, quella che non pensa sia opportuno leggere: in qualche modo indica loro una strada più vicina a quella promossa dagli altri grandi Paesi europei. Negli ultimi anni abbiamo visto buoni e detrazioni per i decoder e per le palestre, bisogna ringraziare Letta, Zanonato e Bray se quest’anno tra le altre sono state inserite detrazioni più illuminate, e non parlo di semplici lampadine… Questa volta non si indica solo un consumo, si indica una aspirazione ad avere cittadini con un maggior senso critico e i politici che fanno queste scelte mostrano di non averne paura“.

Annunci

11 thoughts on “Libri, passione

  1. lois 3 gennaio 2014 / 21:41

    Speriamo sia vero! Di sicuro recuperó i duecento euro!!!!

  2. popof1955 5 gennaio 2014 / 09:43

    La notizia l’ho appresa adesso da te, vorrà dire che conserverò tutti gli scontrini, non è male. Sai cosa manca nelle informazioni? Se per far valere gli scontrini sia necessario il codice fiscale come per le medicine, vorrà dire che chiederò la fattura 😉

    • mizaar 8 gennaio 2014 / 17:44

      non so bene come funzioni. ma a scanso di equivoci fatti fare la fattura, visto mai? 😀

  3. sergiobaldin 7 gennaio 2014 / 07:41

    Ciao carissima Virginia, questa non è una notizia nuova per me, l’avevo appresa già tempo fa e ci facevo già i miei conti, visto che una visita settimanale a librerie non me la faccio mancare, anche se non sempre per acquistare!
    Permetti a me stavolta una piccola malizia nel commento, perché, apprendendo di questo beneficio, ho pensato anche al fatto che sempre più politici sembra abbiano la tendenza a scrivere, anche se forse non quelli nuovi delle ultime elezioni: mica che abbiano pensato di far vendere qualche copia in più anche delle loro “fatiche”?

    • mizaar 8 gennaio 2014 / 17:28

      sergio!!! prima di ogni cosa devi permettermi di gioire per la tua ” ricomparsa ” in questa ” casa “! 😀 stai bene? spero di sì… non so se è questo lo scopo della manovra. se così fosse, chi se ne… l’importante è avere la possibilità di leggere a prezzi ragionevoli, no? 😀

  4. Deandre K. Brady 22 gennaio 2014 / 04:03

    L’esistenza delle librerie indipendenti è fondamentale per tutti noi, editori e lettori che non desiderano essere omologati… A Roma, e certo anche in altri luoghi, esistono “negozi di interesse storico” che godono di particolari facilitazioni: le librerie indipendenti potrebbero essere inserite in una categoria del genere. Costituzione di un marchio “libreria indipendente” che ti dia diritto a facilitazioni in cambio di servizi (reperimento testi, consegna a domicilio ad anziani a malati, corsi di lettura: le iniziative potrebbero essere diverse). Corsi regionali di aggiornamento per librai. Tariffe postali agevolate. Io sono anche molto affezionata all’idea della detrazione dalle tasse degli acquisti in libreria, almeno per gli insegnanti. Oltre le librerie, occorre sostenere le biblioteche, dotare queste ultime di fondi per l’acquisto dei libri. Perché, come ha detto a Mantova qualche anno fa un grande autore contemporaneo, Enrique Vila Matas: «Non c’è persona più pacifica di quella intenta a leggere un libro».

  5. lois 5 febbraio 2014 / 22:52

    Oh cara Mizaar, chissà perchè avevamo intuito che la cosa puzzava!
    Da Repubblica di oggi: “la beffa degli sconti sui romanzi: bonus solo ai librai” – cambia il decreto sugli sgravi del 19%, pochi fondi per gli studenti. È un favore a chi vende.
    C.v.d. Avrebbe detto la mia simpatica insegnante di matenatica. Come volevasi dimostrare…viviamo in un Paese di pagliacci!

    • mizaar 21 febbraio 2014 / 20:53

      dai su, è cambiato il governo! 😦 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...