Ma l’America era così lontana!

images 1La Storia dei libri, quella con la maiuscola, è calata in un intreccio di storie più piccole, sconosciute ai più. Dico ai miei alunni, spesso, di studiare meglio e di più la Storia, così che possano abituarsi all’idea che mentre la Storia passava sotto le loro finestre, la loro piccola storia personale viveva guardando, per poi avere la misura del ricordo in rapporto a quella Storia maiuscola che sarebbe stata scritta sui libri. E stamattina, sull’onda emozionale e massificata del ricordo dell’assassinio di J.F.K. a Dallas, cercavo di ricordare la mia piccola storia per un confronto di memorie passate. Mi dicevo: certo, allora non c’era il web con la possibilità dell’informazione in tempo reale, ma a casa mia non c’era neppure la televisione. Dalla radio sapemmo e fu la maestra Anita a dirci meglio e di più, a stupirsi del fatto che la Storia di papa Roncalli e quella di Kennedy, nell’accadere a distanza ravvicinata, da eventi distinti fossero diventati poi Storia unica, almeno per noi italiani. Un binomio quasi inscindibile, un singolo ricordo, poi più nulla se non la “santificazione” di persone e di fatti. Ma l’America era così lontana e per certi versi, nonostante tutto, è lontana anche adesso a dispetto del tempo reale, delle comunicazioni conclamate. L’America del ricordo è lontana anche oggi se i miei alunni sapevano per caso, stamattina, e anche qualcuno di quella generazione di nativi digitali, sentito più tardi, mostrava ignoranza dei fatti e della Storia. Così consideravo che la Storia, chissà perché, ha il vezzo di non farsi riconoscere da chi la vive; solo molto dopo si potrà dire: io c’ero! e rammaricarsi di non essere stati attenti ai particolari, per ricordarli.

Annunci

6 thoughts on “Ma l’America era così lontana!

  1. arielisolabella 22 novembre 2013 / 21:42

    E così anche se vi sono eccezioni quando morì Moro ricordo tutto prima e dopo ed anche cosa stavo studiando o chi c’era con me …mi colpì’ tantissimo !

    • mizaar 4 dicembre 2013 / 21:07

      è così anche per me. con la morte di moro perdemmo davvero l’innocenza, quelli delle mia generazione, soprattutto!

  2. lois 22 novembre 2013 / 23:12

    La Storia si costruisce dopo, negli anni. Ma ci sono degli eventi che nel momento stesso in cui accadono si mostrano già epocali, segnali di cambiamento. L’assassinio di JFK ha mutato un’epoca, sforando dei limiti e la soglia della tolleranza. Forse è stato uno dei primi eventi vissuti “in tempo reale” dai media che ne hanno amplificato il valore e gli effetti. È stato forse la perdita della purezza, il primo evento (dopo la guerra) che ha riportato il mondo alla crudezza. Ed è forse quello il suo valore, l’anno zero della violenza umana.
    Forse anche la comunicazione “ridotta” ci permetteva di assimilare e riflettere sull’evento; oggi con la tempestività del web tutto dura il passaggio di una notizia.

    • mizaar 4 dicembre 2013 / 21:06

      e certe volte, lois, siamo così travolti dalla mole di cose che accadono, da non avere neppure la percezione reale della stessa realtà. brutta faccenda un mondo che non ti aiuta a riflettere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...