Rossella ( dedicato a Lilla che ama i gatti )

rossellaE’arrivata qui un paio d’anni fa da chissà dove, con l’aria affranta di quelle perse, ma perse davvero. Gli occhi guardinghi e verdi erano di una che mantiene le distanze, però sapeva convincerti a prestarle attenzione, una commediante. E’ arrivata che era incinta, con un pancione enorme; faceva buffo vederla camminare ondeggiando lagnosa in cerca di cibo, in continuazione. Se il portone si apriva lei era subito pronta a miagolare per attirare il tuo interesse, sul suo stato. Abbiamo iniziato a darle da mangiare chiamandola Rossella per via del suo manto rossiccio. In breve tempo ha cercato un nido per i cuccioli prossimi a nascere e si è stabilita qui, perché sapeva di trovare una mensa gattesca sempre aperta. Nati i piccini e svezzati per i tempi consentiti è riuscita a smarrirli tutti poichè passava la maggior parte del tempo, invece che a badare ai figli, a cercare il cibo e a civettare con i maschi che le stanno continuamente intorno. I cuccioli di gatto sono enormemente curiosi e quelli di Rossella non erano da meno; sono riusciti ad andare via infilandosi nel vano motore delle auto parcheggiate sotto casa. La loro madre snaturata, a corto di piccoli, ha miagolato per una settimana, cercandoli sotto ogni dove e scordandosene subito dopo, visto che era già alle prese con la prossima cucciolata – nel frattempo i maschi, amici suoi, avevano provveduto a ” farle la festa “. La cosa è andata avanti così ogni volta fino all’ultima, qualche settimana fa. I cuccioli nati all’inizio di giugno, ben sette, sono stati partoriti nel vano motore di un’auto parcheggiata da mesi sotto casa, in un cortile comunale. Segnalati ai vigili che avrebbero dovuto occuparsene, grazie all’insipienza di una gatta con scarso senso della maternità, gli stessi vigili non hanno fatto in tempo a proteggere i cuccioli a dovere perché alla fine sono spariti tutti, come sempre. Lei, Rossella, ha miagolato lacrime di coccodrillo e poi più nulla fino a ieri quando l’abbiamo sentita nuovamente miagolare e cercare in ogni dove. Poco prima G. con il binocolo l’aveva vista trafficare con un micino troppo piccolo per essere uno dei suoi. Cos’era successo? Un’altra gatta aveva partorito in un grande vaso di fiori davanti al ristorante sotto casa e stremata aveva deciso di abbandonare i neonati al loro destino – le gatte snaturate capitano tutte qui!  I proprietari del ristorante allarmati per il pianto dei cuccioli erano usciti fuori per guardare e nel frattempo era arrivata anche Rossella che in un attimo, rubato un cucciolo, l’aveva portato nel solito cortile per occuparsene, lasciandolo, in seguito, nuovamente da solo per occuparsi dei casi suoi. Il micino ha pianto fino allo sfinimento, ma alla fine è stato recuperato e portato in salvo con gli altri fratellini. E Rossella che ha fatto? Ha pianto cercandolo! Una gatta così dissociata non m’è mai capitato di vederla, ha i peggiori atteggiamenti di alcuni umani! Bisognerà portarla da uno psichiatra…

Advertisements

8 thoughts on “Rossella ( dedicato a Lilla che ama i gatti )

    • mizaar 22 agosto 2013 / 08:42

      no, assolutamente. sarebbe il nostro desiderio e neppure tanto recondito… riuscissimo a prenderla, la cretina, saremmo a cavallo!

  1. Lilla ... 21 agosto 2013 / 21:17

    ma grazie per la dedica!!! 🙂 che vuoi fare Amica mia: non ci sono più le gatte di una volta!!!
    pa: mi associo a Charlie … fate una colletta nel palazzo o nel quartiere e fatela sterilizzare (qui a Roma l’intervento sta intorno ai 150 eurI per le femminucce e sui 100 eurI per i maschietti) … risparmierete sullo ‘svezzamento’ (inutile) dei cuccioli! 🙂
    pps: comunque è il nome a renderla str…ana … conosco una Rosella (conunaessesola) str…anissima ma così str…ana, che fa per due!! 😉
    ppps: I ♥ you

    • mizaar 22 agosto 2013 / 08:58

      che non ci siano più esseri viventi, in generale, come quelli di una volta ne sono convinta anch’io, mia cara! 😀 per il discorso sterilizzazione non ci sono problemi, il comune ha preso l’impegno di avviare il procedimento, ogni volta che gli viene fatta una segnalazione, e ne ha incaricato un’associazione cittadina e un veterinario. perciò sarebbe un intervento gratuito per la rossa, ma non riescono, quelli dell’associazione, a prenderla – perlomeno non sono venuti forniti della giusta attrezzatura per catturarla – la scema è selvatica assai. quanto al condominio, lasciamo perdere! a loro piacerebbe moltissimo non vederne più di gatti, per strada – nonostante la città sia invasa dai topi che scorrazzano allegramente anche sugli alberi della piazza principale. noi ci dedichiamo da anni al loro sostentamento a ” distanza ” chè qui in casa è impossibile tenerli per via delle nostre allergie – purtroppo! le soddisfazioni, in termini affettivi, le riceviamo da altre gatte. rossella è un caso davvero a sé! 😦 ( ti lovvo anch’io! )

  2. Monique 22 agosto 2013 / 13:43

    Però mi fa tenerezza….forse è proprio disperata, perchè in realtà, in natura, la gatta è una mamma molto accorta.
    Quanto alla sterilizzazione, può essere un buon rimedio….anche per alcuni esseri umani :mrgreen:

    • mizaar 26 agosto 2013 / 18:12

      hai ragione, monique, le mamme gatte potrebbero essere da esempio, per mostrare alle mamme umane che si può essere mamme mamme anche da animali e non solo animali e basta! ieri sera g. mio figlio, mi raccontava dell’altra gatta mamma, cenerella, che a differenza di rossella è una gatta esemplare. in questo periodo è di una bellezza inaudita. a furia di leccare e accudire i piccoli il suo pelo è altrettanto pulito – estende le pulizie, evidentemente, anche a se stessa – così che i suoi caratteristici ” calzini ” bianchi sono ancora più candidi e morbidi. cenerella è davvero amorevole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...