Tutta colpa dei ferretti ( e delle lavatrici )

Lavatrice-Vincent-Montibus1Non è che una, quando mette a lavare i panni, debba fare necessariamente uno studio comparato sullo stato dei fatti. Grasso che cola se i distinguo operati sono sulla base dei colori – sempre per evitare sgradevoli commistioni postume! Bianchi coi bianchi e colorati coi colorati, in una sorta di operazione politicamente scorretta e antidemocratica. Così ieri ho posto nel cestello la mia personale biancheria, cianfrusaglie femminili, compresi quei reggitette muniti di dispositivo famigerato e fastidioso, il  ferretto, che almeno nelle intenzioni dovrebbe contrastare la naturale forza di gravità – e va be’ andrebbero lavati a mano, i reggitette col ferretto, ma che scocciatura! Uno di questi ferretti evidentemente più intraprendente degli altri, ha trovato il modo di fuoriuscire dalla sede naturale e cominciare a navigare nel cestello della lavatrice. Ora tutti sapete bene come è fatto un cestello della lavatrice, ha tanti buchini, una guarnizione che lo tiene ancorato all’oblò e solitamente gira centrifugando i panni che sono al suo interno. Come diamine avrà fatto il ferretto ad intrufolarsi al di là del cestello stesso, lo sanno solo lui e il diavolo che attualmente possiede l’anima della mia lavatrice – poiché non è la prima volta che l’invasata mi sottrae calzini, slip, monete e via chiacchierando! Oggi pomeriggio ho provato a smontare il filtro della carogna, sperando – ma senza nessuna convinzione – di guadagnare la gloria di salvatrice del ferretto, invece nulla! Lo sfacciato ferretto si sarà intrufolato dai buchini? Mah. Sono più propensa a credere che ci sia stato un concorso a delinquere, invasata + ferretto. Mi toccherà chiamare un esorcista o un tecnico della lavatrice? – forse se chiamo l’esorcista spendo meno! ( Se ci fosse stata solo la dipartita coatta del ferretto non me ne sarebbe importato più di tanto, occhio non vede cuore non duole, ma adesso mentre la centrifuga fa la sua parte, si sente un rumore per niente piacevole provenire dal bagno; sembra il canto dell’allegra brigata del ferretto. Mado’, speriamo non faccia altri danni…  Avere la lavatrice fuori uso, in estate, è qualcosa da non augurare neppure alla peggiore nemica! )

Advertisements

15 thoughts on “Tutta colpa dei ferretti ( e delle lavatrici )

  1. cordialdo 12 agosto 2013 / 20:12

    Ma non si usano più da decenni i reggi”goberrne col ferretto! Se invece di un maschio maggiorenne avessi una femmina lo sapresti! Modernizzarsi e la lavatrice non corre più rischi di blocco!
    Ciao e buon ferragosto.

    • mizaar 12 agosto 2013 / 20:40

      evidentemente sei tu a non esserne informato, fidati! lo sai che c’è un ritorno alle cose retrò anche per la paccottiglia? 😛 ( bel profilo nuovo che hai adottato, me gusta mucho. hasta la victoria siempre, comandante che guevara! 😀 )

      • cordialdo 12 agosto 2013 / 21:15

        Ti assicuro che le giovani ragazze ke frequento il hanno solo ina striscia che sostiene da sotto e poi il resto tette scoperte al vento. Posso mandarti una foto da cui, anche se vestite risalta ciò ke dico io. “hasta la victoria siempre!!!”

      • mizaar 12 agosto 2013 / 21:35

        ahhh, abbiamo scoperto un altro tuo lato ” nature “!!! 😛 😛

  2. kalissa2010 12 agosto 2013 / 21:30

    Acc…io lo infilo in sacchetti cilindrici rinforzati: le imbottiture campano di più e i ferretti la smettono di farsi fagocitare dalla lavatrice! Spero che la tua ti renda il ferretto ingurgitato!

    • mizaar 12 agosto 2013 / 21:34

      lo spero anch’io 😦 ce l’ho anch’io il sacchettino, ma lo dimentico sempre!

  3. popof1955 12 agosto 2013 / 23:53

    Occhio che se s’infila tra il bordo esterno e la guarnizione quest’ultima viene tranciata, ma non preoccuparti la si trova dai ricambisti di elementi per elettrodomestici, costa poco e in 20′ il lavoro è fatto e poi gioisci, è estate e lavare a mano con acqua fresca è una goduria, mia mamma 50 anni fa lavava e cantava dalla gioia 🙂 (sei anni fa lavava e basta prechè la lavatrice non doveva affaticarsi).

    • mizaar 13 agosto 2013 / 19:33

      ho già la guarnizione bell’e pronta – comprata dopo l’ultima sostituzione della stessa ché non si sa mai – in considerazione del fatto che l’invasata corre per i trent’anni e i pezzi di ricambio sono introvabili o quasi!

      • Diemme 14 agosto 2013 / 19:03

        Trent’anni? M allora è una di quelle che ancora lava, fortunata donna! Quando la ricomprerai nuova, di classe A, A+, A++ e via dicendo, scordati di tirarne fuori panni puliti, per quanti additivi tu possa usare: e il detersivo, scordati che venga risciacquato via, d’altra parte, senz’acqua… 👿

      • mizaar 20 agosto 2013 / 20:11

        ah, vedi… sei della stessa opinione del tecnico che, di tanto in tanto, viene a cambiare la guarnizione dell’invasata oppure la serpentina. mi dice sempre di non cambiarla e in me sorge il vago sospetto che lo faccia per avere un provente sicuro di guadagno, con le eventuali riparazioni. però devo dire che l’invasata si comporta bene, nonostante tutto! 😀

  4. Sergio Baldin 13 agosto 2013 / 07:34

    Al riguardo della lavatrice posso dire poco, perché, più che schiacciare il tasto di avviamento non so fare….si una volta l’ho pure vuotata di quel che era stato lavato, ma si tratta di un ambito che esula dalle mie mansioni domestiche.
    Piuttosto stavo ora pensando all’asimmetria che risulterà, quando rimetterai l’indumento dal quale è fuoriuscito inopportunamente il ferretto famigerata, potrebbe essere un’attrattiva in più per l’occhio maschile, sempre di quelli vecchia maniera!
    Ti va bene che il patatoso è in vacanza, se no avresti dovuto dargli spiegazioni!
    Un bacione carissima, spero tutto si risolva al meglio, ciao!

    • mizaar 13 agosto 2013 / 19:31

      no dai, non è che si veda più di tanto, la differenza. giusto perché l’avevo rimossa, mi hai ricordato della scuola… grrrr! 😦

      • Sergio Baldin 14 agosto 2013 / 07:37

        Chiedo venia, forse il patatoso mi è rimasto in mente un po’ troppo! Un bacio doppio, torna a scordarti la scuola!

  5. paperi si nasce 19 agosto 2013 / 19:52

    E’ più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un ferretto riemerga dal filtro della lavatrice.
    Se il miracolo non si è compiuto, credo sia il caso di staccare un pezzetto di guarnizione e infilare la manina dentro, nello spazio fra la vasca e il cestello, dove il corpo estraneo dovrebbe essersi rifugiato… Io però avrei paura di mettere la mano lì dentro: e se l’invasata te la morde?

    • mizaar 20 agosto 2013 / 19:58

      dopo l’ultimo lavaggio non ho sentito più ” grattare ” sicchè penso che il ferretto si sia messo in un cantuccio. la manovra dell’intrufolamento mano poteva starci, ma andava smontata tutta la guarnizione, quindi possibilità da scartare se non fatta in presenza dell’esorcista. aspetto con ansia che il suddetto arrugginisca e poi lo recupero a pezzi nel filtro. la strategia della ” goccia che scava la pietra”! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...