Constatazione amorevole dei fatti

lucien freud doppio ritrattoAdolescenti si diventa per opposizione, altrimenti si vivrebbe una condizione di giovani adulti assenzienti. Mò per dire, al piano di sotto vivono madame Divieto e suo figlio Vaffa, quest’ultimo in piena tempesta adolescenziale; non c’è un momento, ora, giorno che non si opponga al Divieto madre, con esaltate espressioni che manco i Turchi alla conquista del Santo Sepolcro. Le pareti, si sa, non sono di carne e neppure di materiale fonoassorbente, sicchè le intemperanze del giovane Vaffa sono una costante del post prandiale, nostro, quelli del piano di sopra. Oggi era la volta del: Non puoi accendere il computer! ( ma perché poi? boh! ) E quello: Non mi rompere il ca@@o, devo fare una ricerca! e via alternando divieti e dinieghi. Ero in cucina a sguatterare quando è arrivato il mio adolescente: Ma li senti? Faccio sì con la testa. Lui mi guarda, si avvicina, mi ” butta ” un bacio sulla nuca e convinto decreta: Sei una mamma unica, mica come quella di sotto! Embe’ mi dovevate guardare, dieci metri più alta, sul cielo della cucina a gongolare. Un figlio al giorno toglie la depressione di torno!!! 😀

Annunci

12 thoughts on “Constatazione amorevole dei fatti

    • mizaar 19 aprile 2013 / 20:54

      sì lo so, però in certe circostanze sono fenomenali!

  1. cordialdo 19 aprile 2013 / 20:50

    Mia nonna che aveva un proverbio per ogni occasione, diceva “””PORCI E FIGGHIOLI (figli piccoli) COME LI AVANZI (allevi) LI TROVI”””. Ecco perchè hai toccato con la testa l’antenna della TV, altro che il soffitto!!!. Ciao, buona serata. Osv

    • mizaar 19 aprile 2013 / 20:53

      grazie mio caro, mi hai fatto crescere ancora un po’! buona serata anche a te 🙂

  2. in fondo al cuore 19 aprile 2013 / 20:52

    e sì, ci basta poco! 🙂

    • mizaar 19 aprile 2013 / 20:55

      ci accontentiamo, noi genitrici! 😀

  3. Emilia Pezzotta 19 aprile 2013 / 21:04

    Il mio sulla nuca mi ha giusto “buttato” una rumorosa scoppola e con un sorriso disarmante,e mentre mi riprendevo dalla galassia di stelline che giravano…giravano…mi ha detto: “Scusa mà… coi capelli corti che ti sei fatta, era troppo forte la tentazione di restituirti tutte quelle che mi hai dato tu” – ma che avrà voluto dire??

  4. Sergio Baldin 22 aprile 2013 / 09:18

    Credo che le esperienze educative non ti manchino, ma di tuo devi già essere una buona madre e che di ciò qualche volta si rendano conto anche i figli, va a loro onore, anche perché è una riconferma della buona educazione che hai impartito loro!
    Un abbraccio grande splendida mamma!

  5. duhangst 22 aprile 2013 / 09:31

    E queste sì che son grandi, grandissime soddisfazioni 🙂

  6. paperi si nasce 27 aprile 2013 / 23:46

    Dopo tutto i confronti sono sempre utili. Anche le mie, ogni tanto, si rendono conto che potevano cascar peggio (ma pure meglio, aggiungono loro per tirarmi giù dal mio gongolamento).

    • mizaar 7 maggio 2013 / 20:41

      che arpie ‘ste figlie tue! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...