Lacrime

thyssenkrupp1Non sono stata capace di trattenerle, le lacrime, dopo aver visto una madre, più madri e sorelle e padri, urlare il loro dolore e piangere di infinita rabbia in un’aula di tribunale dove si è consumata ancora la tragedia della Thyssen. Anche questa volta giustizia è stata fatta, alle condizioni dei potenti e dei loro astuti e asserviti avvocati. Mi chiedo sempre, in questi casi, ma i giudici non hanno figli? Se un giudice avesse un figlio bruciato vivo in un rogo maledetto, come ne verrebbe fuori? Nessun politico in quell’aula a tutelare le vittime, tutti occupati a farsi i conti propri, a mostrare i muscoli elettorali. Mettiamo in conto anche questa sentenza, tra l’immondizia generale. Spero che nessuna di quelle persone, dei parenti, smetta di lottare, perchè dimenticare per loro, Giuseppe Demasi, Rosario Rodinò, Bruno Santino, Antonio Schiavone, Rocco Marzo, Angelo Laurino e Roberto Scola, sarà davvero impossibile.

Annunci

12 thoughts on “Lacrime

  1. liù 28 febbraio 2013 / 21:56

    Ho visto la sentenza durante il tg3.
    Quella madre che urlava tutto il suo dolore mi ha fatto immedesimare e come te non ho potuto evitare le lacrime, anche se le mie trovano sempre una scusa per sgorgare libere.

    • mizaar 1 marzo 2013 / 19:54

      cara liù, devi dire alle tue lacrime di stare buonine! però in questo caso era impossibile trattenerle!

  2. Lilla ... 28 febbraio 2013 / 22:12

    Guardare quelle immagini, provare a mettermi nei panni di quella madre, mi ha fatto stare malissimo … Anch’io mi sono chiesta se chi ha emesso la sentenza ha famiglia …

    • mizaar 1 marzo 2013 / 19:53

      è difficile, da madri, rimanere impassibili. a volte sono così tante le notizie e le immagini che passano, nei telegiornali, da sentirsi saturati ed ” estranei ” alle vicende che vengono esposte. ma quando i filmati sono così crudi, un pugno nello stomaco farebbe meno male…

  3. micmonta 28 febbraio 2013 / 23:55

    Impuniti.
    Quelle persone è come se fossero stati uccise due volte, e per i loro familiari il dramma si ripete.
    Solidarietà.

    • mizaar 1 marzo 2013 / 19:49

      e sicuramente saranno uccisi ancora e ancora. siamo proprio sicuri che l’a.d. thyssen consumerà i prossimi dieci anni in galera?

  4. fab 1 marzo 2013 / 07:35

    gli imperi si sono creati e mantenuti sulle lacrime della povera gente..non cambierà mai..
    povere famiglie, poveri figli!

    • mizaar 1 marzo 2013 / 19:48

      carne da macello, sono questi figli… hai ragione, non cambierà mai!

  5. Diemme 1 marzo 2013 / 12:35

    L’ha ribloggato su Scelti per voie ha commentato:
    Mi associo a queste lacrime. E al disgusto per la corruzione e mancanza di giustizia.

    • mizaar 1 marzo 2013 / 19:46

      grazie cara diemme, sei stata gentile a condividere. non dobbiamo dimenticare i figli uccisi dal lavoro in questa italia sempre più senza occupazione…

  6. duhangst 4 marzo 2013 / 11:08

    Siamo tutti piegati a logiche economiche, dove salute e sicurezza sono effetti collaterali 😦

    • mizaar 4 marzo 2013 / 17:29

      pare sia un effetto collaterale anche il dolore di chi rimane!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...