Un autistico non spara! ( di Gianluca Nicoletti )

Per piena condivisione copio e incollo totalmente l’articolo di Nicoletti su ” La Stampa “ – grazie a Susanna Curci per averlo segnalato su FB. Le persone autistiche, proprio per la loro difficoltà ad essere comprese, si portano dietro l’ottusa paura di quelli che non conoscono il ” problema ” e che non desiderano neppure approfondire una conoscenza basata solo sull’osservazione di aspetti prettamente esteriori. Spaventa una persona autistica per le stereotipie, per il gesti improvvisi, per lo sguardo rivolto in luoghi inaccessibili ai più. L’ignoranza, la non conoscenza, rende forte i pregiudizi e condiziona i rapporti sociali. Va così con quelli ritenuti ” normali “, ma diversi per colore della pelle, per credo religioso, per provenienza etnica, a maggior ragione con una persona considerata ” handicappata “. E’ assurdo pensare che un autistico possa pianificare una strage e portarla a compimento. Se rifletto sulla mia esperienza di insegnante di un ragazzo autistico e faccio mente locale su  quelle che sono state le sue ” fissazioni “, le piccole manie, comprendo che, rispetto alle grandi manie dei giornali di fare grancassa mediatica, le stereotipie di A. sono davvero poca cosa, insignificanti ” capricci ” di una persona colma di amore verso gli altri, con il ” difetto ” di non saperlo esprimere appieno. Si può dire la stessa cosa dei giornalisti, di alcuni giornalisti, che sanno esprimere solo vacui titoli e spargere intorno pregiudizio e ignoranza? 

Adam Lanza non poteva essere un autistico. Ancora una volta si cita in maniera inadeguata una patologia che è tra le più diffuse forme di disabilità.

Il giovane killer di Newtown era autistico? E’ un’ approssimazione che non può e non deve passare, anche perché per molti potrebbe essere intesa come una spiegazione del perché un ragazzo abbia massacrato 27 persone, tra bambini e insegnanti, compreso se stesso. Mi dispiace sembrare saccente, ma questa cosa mi brucia personalmente perché da quattordici anni ho a che fare quotidianamente con un figlio autistico, e spesso mi trovo a dovere dare voce anche agli altri genitori come me.  Vorrei chiedere a tutti i colleghi che hanno scritto o sottoscritto questi titoli, probabilmente fidandosi di quello che avevano letto in un’agenzia di stampa, ma voi avete una minima idea di chi sia un autistico? L’ autistico è una persona incapace di autonomia, che non saprebbe uscire di casa per andare a scuola se non accompagnato, che difficilmente riuscirebbe a usare razionalmente un’ arma da fuoco in maniera così reiterata, ma soprattutto è una persona che si tura le orecchie atterrito se solo sente battere le mani o entra in una stanza con la musica ad alto volume. Certo che è facile associare al termine “autistico” quello di “asociale” e quindi condividere conclusioni assolutamente infondate, l’ autismo evidentemente è una patologia di cui la categoria a cui appartengo ha una profonda ignoranza, eppure è la prima causa d’ handicap, ci sono più autistici in giro di ciechi, sordi e down messi assieme (non lo dico io lo dice il Censis). In Italia sono come minimo 360.000 le famiglie che devono gestire un problema del genere, e vi assicuro nella più totale solitudine e mancanza di adeguate strutture. Quando il ragazzo autistico cresce fino  alla stessa età di Adam Lanza, non ha scuole da frequentare, non ha parti di città in cui è possibile per lui passeggiare senza rischio, non ha soprattutto conflitti con sua madre, anzi la madre nella maggior parte dei casi è l’ unica persona che ancora si occupa di lui, almeno finche avrà fiato di farlo. Poche settimane fa , in questo stesso blog, feci mia la protesta di altri genitori di autistici che erano rimasti molto perplessi leggendo i titoli di molti giornali che definivano “autistica” la giovane che tutti conoscono come Ruby Rubacuori. Quel mio pezzo fu il fortunato pretesto per cui la psicologa che aveva effettuato la perizia sulla ragazza potesse rettificare e spiegare come una semplificazione giornalistica avesse creato l’ equivoco.  Non vorrei che tanti genitori come me da oggi, oltre il peso dell’indifferenza delle istituzioni, dell’emarginazione in strutture scolastiche non adeguate e della poca preparazione della nostra classe medica a fronte di un problema in crescita (nasce un autistico ogni cento bambini), dovesse pure sobbarcarsi il sospetto che il proprio ragazzo possa tirar fuori un’ arma e fare una strage. Leggo con sollievo su Corriere della Sera che almeno uno psichiatra autorevole come il professor Vittorino Andreoli dice “Probabilmente il killer non era affatto matto (e fino a oggi non sono stati riferiti segni di patologia mentale)” . Non mi permetto di suggerire a nessuno conclusioni e letture profonde di un episodio di cronaca già così trabordante di lancinante, quanto surreale, crudeltà. A me però, che con tanti autistici autentici ho rapporti costanti, verrebbe piuttosto da chiedermi come mai una brava madre avesse bisogno di tenere in casa due pistole e un fucile d’assalto?  Leggi anche: “Ruby Rubacuori autistica? Ma non scherziamo!”  

*AGGIORNAMENTO delle 16.21  

In risposta alle recenti notizie di stampa che l’autore delle sparatoria a Newton, Connecticut potrebbe essere stato diagnosticato nello spettro autistico o con disabilità psichiatrica, Autistic Self Advocacy Network (ASAN) ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione:  

 “I nostri cuori vanno alle vittime del massacro di oggi presso la scuola elementare di Sandy Hook a Newton, nel Connecticut e le loro famiglie. Recenti notizie di stampa hanno suggerito che all’autore di questa violenza, Adam Lanza, sia stata diagnosticata la sindrome di Asperger, una diagnosi nello spettro autistico, o un disturbo psichiatrico. In ogni caso, è indispensabile che, mentre piangiamo le vittime di questa tragedia orribile che i commentatori e i media evitino di tracciare collegamenti inadeguati e infondati – tra autismo o altre disabilità – e violenza. Gli americani autistici e soggetti con altre disabilità non sono più inclini a commettere atti violenti rispetto ai non disabili. In realtà, le persone con disabilità di ogni tipo, tra cui l’autismo, hanno di gran lunga maggiori probabilità di essere delle vittime di crimini piuttosto che essere colpevoli di violenze. Se lo sparatore di oggi risultasse di essere stato diagnosticato nello spettro autistico o con un altro disabilità, ricordatevi che milioni di americani con disabilità hanno le stesse probabilita’ di atti criminali quanto la popolazione non disabile.  La violenza di oggi è stata l’atto di un individuo. Esortiamo i leader dei media, del governo e della comunità di parlare contro ogni tentativo di collegare falsamente l’autistico o la comunità dei disabili con il crimine violento. Gli americani autistici e altri gruppi di persone con disabilità persistono nell’affrontare discriminazione e segregazione a scuola, sul posto di lavoro e nella comunità in generale. In questo terribile momento, la nostra società non dovrebbe stigmatizzare ulteriormente la nostra comunità. Come la nostra grande nazione ha fatto tante volte in passato, uniamoci per piangere sia quelli uccisi da atti di omicidio efferato sia per difendere quelli che in tutte le parti del nostro paese sono affetti dal flagello della stigmatizzazione e del pregiudizio. “  Domande dei media riguardo a questa risposta possono essere indirizzate a ASAN a info@autisticadvocacy.org.  

ASAN Statement on Media Reports Regarding Newton, CT Shooting Autistic Self Advocacy Network  

autisticadvocacy.org  

ASAN Statement on Media Reports Regarding Newton, CT Shooting  

———————————————————————————————————- 

* AGGIORNAMENTO  delle 18.46  

Franco Bomprezzi: giornalista “a rotelle” e decano dell’ informazione sulla disabilità nel suo blog “Invisibili” riprende il tema nel post “L’arma letale dello stigma” Ma non mi risulta – lo dico da cronista con trent’anni di lavoro alle spalle – che ci sia mai stato un collegamento diretto fra la sindrome autistica ed episodi di violenza sistematica e preordinata come la strage del Connecticut. In ogni caso dubito che in Italia un ragazzo autistico abbia la possibilità di utilizzare in casa un arsenale di armi degno di un serial killer.”  

———————————————————————————————————-

*AGGIORNAMENTO delle 21.19  

 Comunicato stampa di A.N.G.S.A. Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici  

Adam Lanza ha assassinato quasi trenta persone, quasi tutti bambini, senza apparente motivo, in una scuola di Newtown, non lontana da N.Y. Che si tratti di follia è fuori dubbio, ma non si può etichettare come autistico questo giovane, dato che l’ufficiale di polizia competente per il caso “ha ritenuto che non fosse chiaro quale tipo di disturbo psichico avesse Adam”. E’ vero che in USA si è molto allargata la tipologia della disabilità mentale definita autistica, estendendola anche a casi che in Italia non sarebbero mai stati classificati in questo modo, ma pure non si può riconoscere in questa fattispecie neppure la forma meno grave di autismo, la sindrome di Asperger. Questo giovane guidava la macchina, aveva fatto il liceo in classi normali, ottenendo pure alti voti ed apparteneva ad un club di alta tecnologia informatica col quale organizzava party.  I compagni avevano notato le sue stranezze, timido, taciturno e con accessi di rabbia che, secondo una teste, curava con psicofarmaci. Non risulta che fosse stato sottoposto a nessuno di quei programmi per autistici che vengono normalmente attuati in USA. Stupisce che la madre avesse portato Adam a fare battute di caccia, insegnandogli a sparare, e che non avesse tenuto sotto chiave tutte le armi che collezionava, fra le quali armi a ripetizione. Questa grave imprudenza è costata la sua vita e quella di tanti altri innocenti. Teniamo a precisare che le persone definite con autismo in Italia sono completamente diversi da Adam e non sarebbero in grado, neppure volendo, di attuare una simile strage. Chiediamo alla stampa di fare maggiore attenzione, anche e sopra tutto nei titoli, alla realtà dei fatti ed al parere degli esperti, per evitare che si diffonda lo stigma a carico di persone come quelle con autismo o con sindromi di Asperger, che già sono gravate da enormi problemi relazionali.  Le persone con spettro autistico non vogliono il male degli altri e non sarebbero capaci di organizzare un piano di strage così tremendo come quello di Newtown. 

Prof. Liana Baroni  

Presidente di A.N.G.S.A onlus (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) 

 

 

Annunci

23 thoughts on “Un autistico non spara! ( di Gianluca Nicoletti )

  1. in fondo al cuore 17 dicembre 2012 / 20:21

    Pur non conoscendo in maniera specifica questa patologia in effetti quando l’ho letto mi è parso molto strano…..

  2. Lilla ... 17 dicembre 2012 / 21:35

    L’ignoranza è uno dei mali più terribili … Detto questo, mi domando: sapere da quale patologia specifica sia affetto l’autore di una strage, in qualche modo può lenire il dolore dei familiari? Lo sconcerto della comunità? È di qualche utilità? NO, nella maniera più assoluta: NO! A che serve?? A CHI serve???

    • mizaar 23 dicembre 2012 / 21:30

      non serve a nulla, naturalmente, ma al tempo stesso non si può buttare discredito su persone inermi come se fossero capaci di qualsiasi nefandezza. già la gente è colma di pregiudizi e i giornalisti non contribuiscono certo a fugare le ombre!

      • Lilla ... 24 dicembre 2012 / 12:51

        Infatti!! Era proprio quello che intendevo io! I giornalisti devono trovare sempre il modo di ‘fare notizia’ … Quando sarebbe più corretto ‘dare’ la notizia e basta senza aggiungere i particolari, perdipiù sbagliati e falsi!

      • mizaar 27 dicembre 2012 / 20:58

        sarebbe troppa grazia!

  3. popof1955 17 dicembre 2012 / 21:57

    Faceva sorridere la battuta dello psicologo che confondeva l’autistico con l’autista in Rain Man, ma forse quella battuta del film non era casuale, l’idiozia saccente dilaga tra le grandi firme, e faccio anche la considerazione che quel titolo lo ha deciso una redazione con l’assenso del direttore.

    • mizaar 23 dicembre 2012 / 21:27

      c’è un malcostume diffuso e generalizzato tra i giornalisti, che fa venire la pelle d’oca!

  4. kalissa2010 18 dicembre 2012 / 02:21

    Vittime dell’assassino e vittime dell’ignoranza. Anch’io ho pensato che l’autismo non c’entrasse nulla ed ho anche pensato che tenere armi in casa con un bambino fosse un follia…a prescindere dal suo stato mentale. Anzi, proprio tenere armi! Grazie Virginia prr aver condiviso questo post

    • mizaar 23 dicembre 2012 / 21:26

      negli stati uniti sono veramente fuori di testa per questa faccenda delle armi. purtroppo è scritto nero su bianco dai padri fondatori, la possibilità per ogni cittadino americano, di detenere armi per la propria difesa. ma questa cosa aveva una sua valenza ai tempi del far west o della frontiera, adesso dà la possibilità ad ognuno di impazzire e di sparare!

  5. Sergio Baldin 18 dicembre 2012 / 07:59

    Io non mi meraviglio di simili leggerezze da parte della stampa, la differenza rispetto a tanti casi, stavolta è che sono troppo gravi, che toccano da vicino situazioni dove persone sensibili (genitori con figli autistici veri), chiamate in causa a sproposito, giustamente reagiscono!
    Conosco benissimo un caso di persona autistica e convengo in tutto quello che è stato affermato al riguardo della loro impossibilità di fare molto meno di ciò che ha fatto Adam Lanza!
    A me fa meraviglia che ci sia chi ancora prende quel che vien scritto sui giornali come oro colato!
    Un abbarccio carissima Virginia, molto opportuno questo tuo post!

  6. charlie68g 18 dicembre 2012 / 08:48

    Non posso far altro che prendere pari pari e condividere

  7. Monique 18 dicembre 2012 / 11:47

    Condivido l’idea che l’autismo non possa essere causa di una strage premeditata, ma certo l’autore di cotanto misfatto tutto normale non era…

    • mizaar 23 dicembre 2012 / 21:21

      certo cara monique, tutto era, l’autore della strage, fuorché un autistico!

  8. arielisolabella 18 dicembre 2012 / 13:33

    mi e’ parso strano ma da tempo leggo cio’ che scrive un giornalista con sospetto e dubbio larvato….a quanto pare e’ solo un’altra riprova che non sono paranoica!!

    • mizaar 23 dicembre 2012 / 21:20

      chi ha detto che sei paranoica? dimmelo che lo prendo a schiaffi!!! 😀

  9. выбор систем умного дома 20 dicembre 2012 / 00:05

    Nice post. I was checking constantly this weblog and I am inspired! Extremely useful info particularly the final part 🙂 I care for such info much. I was seeking this particular information for a long time. Thanks and best of luck.

  10. atletico madryt 23 dicembre 2012 / 01:26

    I am also writing to make you be aware of what a useful encounter my child encountered using your blog. She learned too many pieces, with the inclusion of how it is like to have a wonderful teaching mindset to make many more with no trouble know precisely some multifaceted topics. You actually exceeded my expected results. I appreciate you for offering those informative, trusted, revealing and also fun guidance on this topic to Ethel.

  11. paperi si nasce 31 dicembre 2012 / 20:07

    I media troppo spesso, per poter avere la “Notizia”, trascurano di verificare le fonti e la logicità di quello che scrivono.
    Nelle prime ore dopo l’evento è stato scritto veramente di tutto, poi regolarmente smentito. Peccato che poi certi messaggi rimangano nella testa di chi li riceve.

    • mizaar 8 gennaio 2013 / 18:11

      il problema è proprio quello, la ” fissità 2 di certe informazioni smentite in ritardo o mai smentite, a volte. e penso che sallusti ne sappia qualcosa! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...