Perplessità

Dalla pagina FB dell’amico Rob ho attinto questo articolo tradotto dall’originale a firma di  Ambrose Evans-Pritchard del ” The Telegraph “, giornale economico inglese.  Stento a capire tante, troppe dinamiche. E’ uno scritto a favore di Berlusconi, è evidente, ma che sostiene quello che spesso anche i detrattori di Berlusconi sostengono. Allora cos’è  sbagliato? Possibile che per anni tutti, politici e media, hanno sostenuto e ci hanno rifilato l’imbroglio più gigantesco della nostra storia recente e a favore di chi? E’ davvero così semplice la soluzione, si esce dall’euro ed è tutto fatto? Sono realmente perplessa. 

L’Italia ha solo un grave problema economico. Ha la valuta sbagliata. L’Italia è più ricca della Germania in termini pro capite, con circa 9.000 miliardi di euro di ricchezza privata. Ha il più grande avanzo primario nel blocco dei G7. Il suo debito pubblico e privato combinato è al 265% del PIL, inferiore a quello di Francia, Olanda, Regno Unito, Stati Uniti o Giappone.

Il paese si piazza in cima alla graduatoria dell’indice del Fondo Monetario Internazionale per “sostenibilità del debito a lungo termine” tra i principali paesi industrializzati, proprio perché ha riformato da tempo il sistema pensionistico sotto Silvio Berlusconi.

“Hanno un vivace settore delle esportazioni, e un avanzo primario. Se c’è un paese nell’UE che potrebbe trarre beneficio dal lasciare l’euro e dal ripristino della competitività, è l’Italia, ovviamente”, ha dichiarato Andrew Roberts di RBS. “I numeri sono davanti a noi. Pensiamo che la storia del 2013 non è quella di paesi costretti a lasciare l’UEM, ma di paesi che scelgono di andarsene”.

Uno studio di “teoria dei giochi” condotto da Bank of America ha concluso che l’Italia avrebbe da guadagnare più degli altri membri dell’UE da un’uscita e dal ripristino di un controllo sovrano sulle leve di politica economica.

La sua posizione patrimoniale sull’estero è vicina all’equilibrio, in netto contrasto con la Spagna e il Portogallo. Il suo avanzo primario comporta che può lasciare l’UE in qualsiasi momento lo desideri senza dover affrontare una crisi di finanziamento.

Un alto tasso di risparmio significa che qualsiasi shock dei tassi di interesse dopo il ritorno alla lira rifluirebbe indietro nell’economia attraverso i maggiori rendimenti agli obbligazionisti italiani – e spesso si dimentica che i tassi di interesse “reali” dell’Italia erano molto più bassi sotto la Banca d’Italia. Roma ha in mano delle carte vincenti. Il grande ostacolo è il premier Mario Monti, installato a capo di una squadra di tecnocrati nel Putsch di novembre 2011 dal cancelliere tedesco Angela Merkel e dalla Banca Centrale Europea – tra gli applausi dei media europei e della classe politica.

Monti può anche essere uno dei migliori gentlemen europei ma è anche il sommo sacerdote del Progetto UE e un personaggio chiave dell’adesione dell’Italia all’euro. Prima se ne va, prima l’Italia può fermare lo scivolamento nella depressione cronica.
I mercati sono, naturalmente, inorriditi del fatto che si dimetterà una volta che il bilancio 2013 sarà stato approvato, aprendo la porta al caos politico all’inizio del prossimo anno. I rendimenti sui titoli a 10 anni del debito italiano lunedì sono saliti di 30 punti base al 4.85%.

“L’armistizio è durato 13 mesi. Ora la guerra continua. Il mondo ci guarda con incredulità “, ha scritto il Corriere della Sera. Il rischio immediato per gli investitori obbligazionari è un parlamento diviso, con un “25%” di possibilità di vittoria allo schieramento euroscettico di Berlusconi, la Lega Nord e il comico Beppe Grillo, che ora nei sondaggi è vicino al 18%. “Se non c’è una maggioranza chiara in Parlamento siamo condannati”, ha dichiarato il Prof. Giuseppe Ragusa dell’Università Luiss Guido Carli di Roma.

Qualsiasi risultato del genere lascerebbe i mercati obbligazionari palesemente esposti, come durante l’ultimo spasimo della crisi del debito a luglio. Roma sembrerebbe ancor meno disposta a richiedere un salvataggio e firmare un “Memorandum” rinunciando alla sovranità fiscale – i presupposti per un intervento della BCE che metta un tetto massimo ai rendimenti dei titoli italiani.

Tutti gli investitori che si sono precipitati sul debito italiano – o spagnolo – dopo che Mario Draghi della BCE si è impegnato a fare tutto il possibile per tenere insieme l’UE, potrebbero scoprire che Draghi non è in grado di mantenere la sua promessa. Le sue mani sono legate dalla politica. Gli obbligazionisti diventerebbero molto preoccupati. Ma gli interessi della democrazia italiana e dei creditori stranieri non sono più allineati. Le politiche deflazionistiche stile anni ’30 imposte da Berlino e Bruxelles hanno spinto il paese in un vortice greco. La lobby del business di Confindustria ha detto che il paese si sta riducendo in “macerie sociali”.

Gli ultimi dati confermano che la produzione industriale in Italia è in caduta libera, giù del 6.2% nel mese di ottobre rispetto all’anno precedente. “Negli ultimi 12 mesi abbiamo visto una capitolazione completa del settore privato”, ha detto Dario Perkins di Lombard Street Research. “La fiducia delle imprese è tornata ai livelli della crisi finanziaria nella sua fase più profonda. La fiducia dei consumatori è ai minimi di sempre. Berlusconi ha ragione nel dire che l’austerità è stata un disastro completo”. I consumi sono calati del 4.8% rispetto allo scorso anno, sul peso della maggiore pressione fiscale. “Non ci sono precedenti nei dati. Il rischio per il 2013 è che il crollo possa essere ancora peggiore,” ha dichiarato la Confcommercio, federazione dei commercianti.

Le origini di questa crisi risalgono alla metà degli anni ’90, quando il marco e la lira sono stati agganciati in un cambio fisso. L’Italia aveva un sistema di scala mobile dei salari e delle abitudini di inflazione. Le vecchie abitudini sono dure a morire. Ha perso dal 30 al 40% di competitività del lavoro contro la Germania, con un lento declino. Il suo storico surplus commerciale con la Germania è diventato un grande deficit strutturale.

Ormai il danno è fatto. Non è possibile riportare indietro l’orologio. Ma è esattamente ciò che le élite politiche UE stanno cercando di fare, attraverso le drastiche misure di austerità e “svalutazione interna”. Una politica di questo tipo può funzionare in una piccola economia aperta come l’Irlanda. In Italia si sta ripetendo l’esperienza britannica quando Winston Churchill nel 1925 riportò la sterlina alla parità aurea ad un tasso sopravvalutato. Come Keynes disse acidamente, i salari sono “rigidi” verso il basso. I salari britannici si spostarono di poco nei cinque anni successivi. L’effetto principale di questa politica è portare in alto il tasso di disoccupazione. Il tasso di disoccupazione giovanile in Italia è al 36.5% e ancora in aumento.

Monti ha colpito con una stretta fiscale del 3.2% del Pil quest’anno, tre volte la dose terapeutica. Non vi è alcuna ragione economica per farlo. L’Italia ha avuto un saldo primario vicino all’equilibrio nel corso degli ultimi sei anni. E’ stata, anche sotto Berlusconi, un raro esempio di rettitudine.

L’avanzo primario raggiungerà il 3.6% del PIL quest’anno e il 4.9% l’anno prossimo. Non si potrebbe essere più virtuosi. Eppure questa sofferenza è stata peggio che inutile. La stretta fiscale stessa ha spinto il debito pubblico Italiano da una situazione di equilibrio stabile ad una zona di pericolo. Il FMI dice che il rapporto debito/Pil sta crescendo molto più velocemente di prima, saltando dal 120% dell’anno scorso al 126% di quest’anno e al 128% nel 2013.

L’economia ha subito una contrazione per cinque trimestri. Citigroup dice che questa caduta andrà per le lunghe, con cali dell’1.2% nel 2013 e dell’1.5% nel 2014, con in seguito una crescita vicino allo zero fino al 2017, e lungo la strada la ristrutturazione del debito.

Annunci

16 thoughts on “Perplessità

  1. cordialdo 13 dicembre 2012 / 20:09

    Quello di cui non si tiene conto che quei 9.000 miliardi di ricchezza privata sono posseduti per il 50% dal 10% della popolazione. L’estimatore di Berlusconi, evidentemente, ignora tale dato fondamentale.

    • mizaar 13 dicembre 2012 / 20:11

      è quello che penso anch’io. ma è tutto il resto che continua a farmi riflettere…

      • unpodimondo 14 dicembre 2012 / 09:50

        Non solo: l’altro 50% della ricchezza italiana è posseduta dal 90% dei cittadini che, negli anni passati, sacrificandosi come formichine hanno messo da parte un piccolo gruzzoletto di risparmi per il futuro: magari per la vecchiaia o per aiutare i figli… E’ una cosa non comune, che ad esempio gli statunitensi o gli spagnoli o i greci non hanno… Temo che la prossima mossa del governo e della finanza voglia puntare proprio a quei soldini lì (che oltretutto già stanno riducendosi e svalutandosi da soli…)

  2. arielisolabella 13 dicembre 2012 / 22:45

    nella sostanza dissento.nessun stato rimborsera’ mai il suo debito completamente ne ci si aspetta che lo faccia.deve pagare gli interessi,scadenze a parte .Ora la cosidetta’ credibilita’ internazionale e’ tutta li’ .L’uscita dall’euro almeno nell’immediato puo’ comportare con alte probabilita’ l’essere scaricati dai compratori del debito.il 51,4% dei detentori del debito italiano ad agosto erano non residenti.E’ ovvio che sicuro e’ morto ma io non sarei cosi’ certa che la soluzione sia l’abbandono dell’euro .cmq c’e’ spazio per tutti..il futuro e’ un ipotesi.

  3. Sergio Baldin 14 dicembre 2012 / 11:59

    Ritengo sia un argomento piuttosto complesso, per i non addetti, specie se vien affrontato da visuali così differenti, lontane dalla nostra percezione, che spesso è epidermica e non suffragata da dati in mano ad economisti!
    Ho sempre pensato che al debito pubblico corrispondesse un credito da parte dei cittadini investitori, che prestano di fatto i loro risparmi al proprio stato, ma ora non ne sono più certo, anche perchè ho letto che una buona parte del debito pubblico degli USA (che non è poco nemmeno il loro) è in mano ai cinesi, per cui si può immaginare di tutto!
    Che dirti, che condivido le perplessità, anche perchè vorrei capire meglio il rapporto tra il risanamento di cui si è detto in questi mesi, rispetto alle banche che sono state salvate, ma che non hanno soldi per gli investimenti delle imprese, costringendone parecchie a chiudere, con tutto quel che ne consegue, che ben sappiamo!
    Un abbarccio mia cara Virginia ed un felice fine settimana a te!

  4. paperi si nasce 31 dicembre 2012 / 19:53

    Non ci capisco niente, ma penso che un’uscita dall’Euro potrebbe effettivamente portare a una ripresa.
    Ci sono due fattori, però: il primo è che ci sarebbe un’istantanea svalutazione e una crisi profondissima che durerebbe almeno un 4-5 anni. Impoverimento delle famiglie, distruzione del potere d’acquisto, e così via. Il secondo è che ci vorrebbe una guida politica salda e non emotiva o isterica per navigare attraverso un periodo del genere e preparare il paese alla rinascita in termini di competitività sui mercati, e di possibilità di attrarre investimenti esteri.
    Siamo pronti a affrontare tutto questo? Ne vale davvero la pena? Secondo me no, e chi invoca l’uscita dall’euro è uno studioso teorico o un demagogo.

    • mizaar 8 gennaio 2013 / 18:12

      o un amico di berlusconi! 😀 ( sono d’accordo con te )

  5. cairns 10 gennaio 2013 / 22:40

    I’ve been browsing online more than three hours these days, but I by no means discovered any interesting article like yours. It’s lovely price enough for me.
    In my view, if all website owners and bloggers made good content as you did, the net might be
    much more helpful than ever before.

  6. recortesdeprensa.com.es 11 gennaio 2013 / 11:16

    Hi every one, here every one is sharing these kinds
    of knowledge, therefore it’s pleasant to read this web site, and I used to go to see this webpage daily.

  7. affiliate for you 11 gennaio 2013 / 20:22

    I must thank you for the efforts you have put in penning
    this website. I’m hoping to check out the same high-grade content by you in the future as well. In fact, your creative writing abilities has inspired me to get my own website now 😉

  8. rosacea symptoms 11 gennaio 2013 / 20:29

    We stumbled over here coming from a different web address and thought
    I should check things out. I like what I see so now i’m following you. Look forward to looking into your web page for a second time.

  9. cliquez ici 12 gennaio 2013 / 16:07

    Have you ever considered about adding a little bit more than just your articles?

    I mean, what you say is valuable and all. But imagine if you added some
    great graphics or videos to give your posts more, “pop”! Your content is
    excellent but with images and video clips, this site could undeniably be
    one of the most beneficial in its field. Great blog!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...