La metà di tutto ( di Massimo Gramellini da ” La Stampa ” )

Nessun politico italiano, durante il discorso della vittoria, si rivolgerebbe alla compagna della sua vita per confessare di non averla mai amata tanto e, addirittura, che tutta Italia è innamorata di lei. Nel Paese del punto G, ancora intriso di un maschilismo da operetta, l’uomo potente ritiene disdicevole esternare i propri sentimenti intimi. Di amore e dolore, queste due vibrazioni della stessa corda, non parla in pubblico, considerandola un’ammissione di debolezza. E l’unica donna di cui ritiene lecito discorrere è quella che gli fornisce il pretesto per una barzelletta volgare o l’argomento di un’allusione greve.  

Barack Obama è un furbacchione formidabile, altrimenti non sarebbe dov’è e soprattutto non avrebbe postato sui social network, come primo dispaccio vittorioso, la foto di un abbraccio che in poche ore è già diventato l’icona di un’epoca. Ma anche al netto di qualche spruzzo di sana ruffianeria, la sua dichiarazione d’amore davanti al mondo ci ricorda che è la coppia, non l’individuo, la cellula-base dell’umanità. Gli americani non hanno eletto un Obama. Ne hanno eletti due. Perché dalla fusione fra la donna dei princìpi e l’uomo dei compromessi emerga ogni giorno un terzo Obama: il Presidente.

Annunci

15 thoughts on “La metà di tutto ( di Massimo Gramellini da ” La Stampa ” )

  1. in fondo al cuore 8 novembre 2012 / 20:56

    A me piacciono entrambi, e anche parecchio, sono persone a livello della gente.

    • mizaar 8 novembre 2012 / 21:04

      sono persone e questo gratifica loro e noi che li apprezziamo! 😀

  2. fab 8 novembre 2012 / 21:06

    anch’io come Gramellini, ho “malignato” sulla furbizia del gesto…ho pensato, lo confesso, ad una mossa scenografica studiata per l’occasione. Mi sono poi chiesta se, il mio pensiero diciamo “sospettoso” non sia il frutto di una civiltà, la nostra che in realtà è diventata figlia dei reality., molto “incivile” e retriva… Mi piace la conclusione dell’articolo…mi fa tanto pensare alla concezione della mela di Platone

    • mizaar 14 novembre 2012 / 20:53

      vero, sembra una mossa ad effetto, ma penso sia solo affetto! 😀 e comunque dove lo trovi un uomo che ti dice ti amo sulla pubblica piazza?

  3. paperi si nasce 9 novembre 2012 / 00:10

    Sempre bravo, Gramellini.

    PS: Io penso che Michelle possa riuscire dove Hillary non ce l’ha fatta…
    E diventare un giorno presidente degli Stati Uniti…
    Ci pensate?
    Moglie di un ex presidente,
    Nera,
    Donna…
    Mamma mia, la fine del mondo! 😀

    • mizaar 14 novembre 2012 / 20:54

      aspe’ caro sognatore, segnamocela questa, visto mai? 😀

  4. Sergio Baldin 9 novembre 2012 / 07:28

    Indubbiamente è ad effetto la frase conclusiva, anche se non del tutto condivisibile, che i principi e i compromessi non sono esclusive di nessuno dei due, anzi, talvolta le cose possono essere esattamente l’opposto, anche se, sopratutto in Italia, abbiamo poche occasioni per verificarlo.
    Invece sul gesto, credo che, per il significato che gli si vorrebbe dare ora, avrebbe avuto maggior senso che lo facesse prima, non dopo, a vittoria acquisita, quando non c’era più da “imbonire” nessuno, neanche in prospettiva, visto che saranno comunque i suoi ultimi 4 anni presidenziali.
    Sicuramente da questo emerge la grande differenza con noi, non perchè gli uomini siano come dice Gramellini, che evidentemente parla sopratutto di uno solo, però non c’è solo lui!
    Il particolare che a me ha colpito, rispetto alla prima vittoria, è come sono cresciute le figlie!
    Comunque, come ho già scritto da altre parti, mi fa piacere abbia vinto lui, perchè non è solo il capo della nazione più potente della terra, ma anche un uomo pieno di umanità!
    Ciao Virginia, buona mattinata e felice weekend, ed un abbraccio grande per te!

    • mizaar 14 novembre 2012 / 20:56

      sai che avevo fatto la stessa riflessione sulle figlie? sono d’accordo con quanto hai scritto . è una persona capace di empatia con gli altri e non è roba da poco!

  5. Baol 9 novembre 2012 / 10:12

    Oltre alla coppia Obama, anche Gramellini mi garba parecchio 🙂

    • mizaar 14 novembre 2012 / 20:56

      piace molto anche a me, gramellini. e gli obama naturalmente!

  6. silykot 9 novembre 2012 / 15:48

    Il giorno dopo l’elezione, al tg parlavano di questa foto e dicevano che in pochissime ore è diventata la foto più cliccata della storia del web. E questo mi ha fatto storcere un po’ il naso, perché ho sentito anch’io olezzo di montatura mediatica ad hoc.
    Resta il fatto che tra una fotografia simile e le schifezze a cui siamo abituati in Italia….. non aggiungo altro!
    Peraltro, esteticamente la coppia Obama è un gran bel vedere…. ma ce la vedi una fotografia simile di un qualsivoglia politico italiano?? Da museo degli orrori!

    • micmonta 9 novembre 2012 / 23:40

      Ma no ! Ma lo sai quanti baci alle Arcore’s nights… hai voglia a fotografare, postare, cliccare… 🙂

    • mizaar 14 novembre 2012 / 20:58

      pensa a monti e alla signora monti… brrr, brivido! forse uno che potrebbe reggere il confronto è casini con azzurra – o allegra? forse, eh… 😀

  7. popof1955 9 novembre 2012 / 19:42

    Una caratteristica dei presidenti USA è quella di apparire umani. C’è stato quello che faceva footing, quello che vendeva noccioline, e poi il veterano di guerra, l’attore del cinema, quello della stanza ovale, e anche lo spione. Meglio un B.O. che abbraccia una M.O. che non le nostre tristi barzellette viventi. Però sti americani che abbracciano le mogli e poi le affibbiano il cognome sono un pochino sdruccioli.
    Ma se non ricordo male c’è stato un politico italiano che ha scambiato tenere effusioni con la moglie,
    lo trovi in questa rassegna: http://www.corriere.it/gallery/cultura/07-2012/kiss-me/1/kiss-me_84d3449a-d731-11e1-a7bb-b1b271585285.shtml#10

    • mizaar 14 novembre 2012 / 21:00

      ho visto la rassegna, paolo, grazie per avermi postato il link. ce n’è per ogni palato, non c’è che dire – baffino con la moglie, a barack gli fa un… baffo? 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...