Un finanziamento – più o meno pubblico – e una sigaretta non si rifiutano mai a nessuno!

Ditemi di grazia perchè non si dovrebbe trovare il modo affinchè ” il manifesto ” possa continuare a raccontarci quelle verità scomodissime che gli altri giornali non dicono. Anche Lavitola è riuscito ad inchiostrare pagine inutili dell’ Avanti, per tantissimo tempo, grazie ai finanziamenti pubblici. Non fosse altro, chiuso ” il manifesto “, ditemi quale altro giornale potrà fornirci prime pagine così strepitose 😀

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

26 thoughts on “Un finanziamento – più o meno pubblico – e una sigaretta non si rifiutano mai a nessuno!

  1. gabrybabelle 13 maggio 2012 / 17:35

    Gia Virginia,me lo sto chiedendo anch’io Condiviso su plus Grazie Mizzolina 😉

  2. popof1955 13 maggio 2012 / 18:15

    Non ci avevo pensato a metterlo tra i preferiti, che almeno con i miei click qualche centesimo gli arriva. Perchè gli amori giovanili non si dimenticano, continuano ad ardere e le sue prime pagine sono sempre le migliori 🙂

    • mizaar 14 maggio 2012 / 18:56

      lo sai paolo che cosa ci prende in contropiede? l’essere diventati ” vecchi ” e nostalgici! 😀

      • popof1955 14 maggio 2012 / 19:22

        Ma che vecchi, ogni anno guadagniamo due anni di lavoro, neanche avessimo fatto il patto col demonio 🙂

      • mizaar 14 maggio 2012 / 19:26

        lasciamo perdere questa del lavoro! adesso, magari, bisognerà dar loro anche un premio per averci ringiovanito! 😦

  3. Susanna 13 maggio 2012 / 18:23

    Io credo sinceramente che il problema sia un altro. Per quando io apprezzi le prime pagine del Manifesto, per quanto io creda che, nonostante tutto, sia uno dei migliori giornali in circolazione (ed è tutto dire), per quanto ci sia affezionata… Perché mai io – o tu, o l’utente medio, o chiunque altro – dovrei salvare Il Manifesto di tasca mia? Se io domani volessi fondare un giornale, dovrei fare i conti con i costi che questo comporta, e con la necessità di non usare più denaro di quanto non ne disponga. Perché per il Manifesto (e per TUTTI gli altri giornali, compresi Repubblica e Corriere, anch’essi sommersi dai debiti) dovrebbe essere il contrario?

    Al Manifesto, invece di chiedere l’elemosina per non finire tutti in cassa integrazione, dovrebbero trovare modi nuovi e alternativi per ridurre i costi e dare nuova linfa al giornale. Chessò, un’idea potrebbe essere quella di diventare settimanale e di strutturare il quotidiano solo online. Oppure di eliminare del tutto il cartaceo, e di rinnovarsi in rete. Il problema è tutto un mondo – quello dei professionisti del giornalismo – che piuttosto che rinnovarsi preferisce accartocciarsi su se stesso e morire di stenti. Chiedendo a noi l’elemosina.

  4. barbatustirolese 13 maggio 2012 / 21:55

    Ciò nel momento in cui altri sedicenti giornali come il foglio della famiglia Berlusconi continua a ricevere sussidi dallo Stato, cioè anche da me che mi viene da vomitare solo a vedere in fotografia il suo “smilzo” direttore abituato ad essere comprato dall’offerente del momento: Cia, PCI,Craxi, Berlusconi, avaqnti il prossimo

    • mizaar 14 maggio 2012 / 18:54

      certamente, se ricevono soldi loro, perchè non il manifesto? anche se ci sono altri modi, suggeriti da susanna, di risolvere i propri problemi

      • cordialdo 15 maggio 2012 / 21:53

        I suggerimenti di Susanno sono tutti validi ed efficaci. Ma non rispondono alla domanda perchè tutti gli altri, meno “Il Fatto Quotidiano”, ricevono finanziamenti dallo Stato, anche quelli che fanno finta di stamparli per venderli e poi li trovi lasciati sui treni, sui tram o agli angoli delle strade, e “il Manifesto” no?
        Proviamo a chiederlo a Passare, a Corrado Passero, il sedicente ministro dello sviluppo che si sta già facendo la campagna elettorale!

      • mizaar 16 maggio 2012 / 18:23

        se hai un minuto di tempo mi farebbe piacere che tu leggessi l’articolo che suggerivo a marco un po’ di mondo. ti accorgeresti che anche quello dell’editoria è un mondo piuttosto ” particolare “!

      • Susanna 15 maggio 2012 / 22:36

        Io tenderei a rivoltare la domanda: se Il Manifesto non riceve soldi, perché loro sì? :)))

      • mizaar 16 maggio 2012 / 18:21

        che è poi quello che intendevo dire! 😀

  5. gabrybabelle 13 maggio 2012 / 21:57

    @barbatustirolese – quoto 😦

  6. paperi si nasce 13 maggio 2012 / 23:32

    Purtroppo tutto deve sottostare alle regole ferree del business… Anche se guardando allo sconcio dei contributi pubblici viene da urlare!

  7. unpodimondo 14 maggio 2012 / 14:09

    C’è un giornale che, come scritto nella sua testata, “non riceve alcun finanziamento pubblico” e che va in edicola regolarmente, ha un suo sito e una cooperativa che lo gestisce… e una base di lettori che almeno per ora lo tengono vivo… E’ l’unico in Italia, eppure c’è e testimonia che si può fare un bel quotidiano senza i finanziamenti pubblici…

    Perchè allora io dovrei pagare per un giornale che non si è saputo rinnovare e che non riesce a catturare nuovi lettori? Visto che la coperta è sempre più corta, con sommo dispiacere per “Il manifesto”, io preferisco che i fondi vadano alle scuole o alla sanità…

    • Susanna 14 maggio 2012 / 15:35

      Gli Altri, che è il giornale per cui ogni tanto scrivo, non riceve alcun finanziamento pubblico. Si sostiene con le sue sole forze. È nato come quotidiano, non ce la facevano, è diventato settimanale. Se per tutti funziona così, perché Il Manifesto no? Concordo totalmente!

      • mizaar 14 maggio 2012 / 18:17

        mi trovi d’accordo susanna, il tuo ragionamento e la ragione dei fatti, sono ineccepibili. si mantiene in vita un giornale, una idea, grazie anche alla volontà di riciclarsi senza colpo ferire – verso se stessi, principalmente. naturalmente ponevo l’intervento in termini provocatori. se tutti ricevono, a qualunque titolo, soldi per andare avanti perchè non dovrebbe riceverli anche il manifesto? è chiaro che se il manifesto si salva da solo è un fatto assolutamente positivo, ma stando così le cose mi sembra improbabile.

      • unpodimondo 14 maggio 2012 / 18:38

        Il giornale a cui mi riferivo io è “Il fatto quotidiano” che ha rinunciato a tutti i finanziamenti pubblici. E poi diciamocelo che “Il manifesto” sono anni che è in questa situazione: alcuni anni fa misero in vendita un numero speciale de “Il manifesto” a 50€ per rifinanziarsi e ricordo che alcuni amici fecero anche una colletta per comprare una copia! Il problema è che i titoli possono essere anche simpatici e provocatori… è tutto il resto che non si è ammodernato!

      • mizaar 14 maggio 2012 / 19:05

        ho inteso perfettamente quale fosse il giornale citato da te. come ho commentato nella risposta a susanna la mia è chiaramente una provocazione, in considerazione del fatto che tutti – o quasi – prendono soldi. è chiaro che se il manifesto si risolleva da sè solo è una bella trovata. però c’è di fatto che anche i giornali come il fatto quotidiano che non ricevono finanziamenti hanno notevoli agevolazioni dallo stato sull’iva dei resi cartacei e sugli invii postali, quindi tanto liberi poi non sono…

    • mizaar 14 maggio 2012 / 18:43

      l’interesse verso il giornale da te citato è legato, ritengo, alla visibilità mediatica di qualche redattore. vedremo cosa succederà alla lunga, quando la ” moda ” di leggere quel gornale sarà tramontata – lo dico senza nessuna ostilità nei confronti del giornale, beninteso. se hai voglia leggi queso articolo http://www.lettera43.it/economia/media/42162/editoria-i-sussidi-2011.htm ti renderai conto che nonostante la nobile dichiarazione di intenti, chiunque in questa italia alle pezze, prende soldi.

  8. duhangst 14 maggio 2012 / 22:13

    Non so quanti anni sono cheUn lo leggo, ero un ragazzino… Non posso pensare che non lo troverò più… Una voce fuori dal coro che se ne va 😦

    • mizaar 16 maggio 2012 / 18:25

      già, du’ è diffcile pensare che non possa più esserci.

  9. unpodimondo 14 maggio 2012 / 22:49

    Se al suo tempo avesse avuto i finanziamenti pubblici, forse non si sarebbe estinta nemmeno la categoria professionale degli AMANUENSI!

    • mizaar 16 maggio 2012 / 18:24

      quanto mi garbano i prodotti amanuensi!! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...