Behind you all the way

Il buon George Clooney sosterrà economicamente la campagna elettorale di Barak Obama;  sarà ospite pagato in un incontro conviviale a cui parteciperanno entrambi. Bene, potendo, pagherei molto volentieri! 😀 In Italia, però,  A B C fanno bene a drammatizzare sulla remota ipotesi di sospensione dei finanziamenti pubblici ai partiti remota sì, chè continueranno a mungerci senza vergogna! Anche loro avrebbero qualche difficoltà ad andare a cena, pagando, con Alvaro Vitali! 😀

Annunci

12 thoughts on “Behind you all the way

  1. in fondo al cuore 21 aprile 2012 / 20:47

    già!

  2. popof1955 22 aprile 2012 / 08:16

    I soldi dati per il finanziamento ai partiti son troppi. Questo è un dato di fatto, tanto che non riescono nemmeno a spenderli tutti per i fini per cui sono concessi. Considero pure che le lobby esistono di fatto, banche, TV e gruppi industriali condizionano il parlamento, ma non è consentito dalle norme vigenti, tant’è che si parla di finanziamento illecito. Altro difetto è che il finanziamento/rimborso viene elargito senza presentazione delle spese sostenute, vorrei vedere se mi rimborsano qualcosa sul mio 730 senza presentare pezze giustificative.
    Ora immaginiamo che il finanziamento della politica venisse cancellato (e non ridimensionato, come sarebbe auspicabile), con ogni probabilità avremmo molti più berluscones, forse avremmo anche meno sperpero, ma i partiti che rappresentano i non agiati, i non clietelati, i senza voce, esisterebbero ancora?
    Maggior controllo nella concessione dei finanziamenti e sulla spesa credo potrebbero avere migliori risultati.

    • mizaar 22 aprile 2012 / 17:48

      con i partiti che abbiamo, è difficile che ci possano essere organismi che rappresentano i non agiati, i senza voce – chè se è vero che esistono, allo stato dei fatti dimmi quali sono, perchè partiti così io non ne conosco.
      non dimenticare che quel rimbambito di bossi ha sostenuto, qualche giorno fa, l’insana idea che i soldi dei finanziamenti pubblici ai partiti è roba dei partiti e loro possono anche buttarli dalla finestra – lo so bossi è andato via di testa, ma sai quanti altri bossi ci sono in giro? un sistema di controllo potrebbe essere una soluzione, ma com’è che non riesco a fidarmi degli eventuali controllori? condivido maggiormente quello che dice emilia – la signora in giallo. se dobbiamo sottostare a regole precise noi contribuenti, che lo facciano anche loro.

      • popof1955 22 aprile 2012 / 18:14

        Nell’uno e nell’altro caso (quello prospettato da Emilia) dei controlli ci dovrebbero esser sempre, e quindi qualcuno di cui fidarsi. Ricordo che sino ai primi anni ’80 le tessere e i contributi degli iscritti erano una cosa importante, creavano anche coesione, ma c’era sempre chi dava e faceva di più e chi meno, anche se valeva la regola a ciascuno secondo i suoi bisogni da ciascuno secondo le sue possibilità.
        Il seme della sfiducia purtroppo è attecchito. Allora sotto sotto non rimane che affidarsi speranzosi al controllo elettronico prospettato dal governo per i pagamenti elettronici oltre i 1000 €?
        Non voglio mettermi le fette di salame sugli occhi, ma dei rappresentanti nella gestione della cosa pubblica occorrono, se sono coalizzati in partiti tanto meglio, pretendere correttezza e trasparenza è un nostro diritto di cittadini. Vieni a leggere cosa ho scritto oggi: http://popof1955.wordpress.com/2012/04/22/le-piramidi-degli-esclusi/

      • mizaar 22 aprile 2012 / 18:20

        arrivo! 😀

  3. siignoraingiallo 22 aprile 2012 / 11:58

    L’inconveniente che ipotizza – popof1955 – si potrebbe ovviare obbligando alla trasparenza e alla dichiarazione delle somme elergite ai partiti con relativi nomi del donatori, naturalmente abbinato alla riforma dell’uso del contante che farebbe sparire i finanziamenti in “nero”. Per la parte restante al “pubblico” finanziamento, riconosciuto solo come rimborso di spese pertinenti (naturalmente le smart e gli affitti non ci risultano come spese rimborsabili). C’è molta strada da fare e poca intenzione di “camminare”, ma se vogliono sopravvivere dovranno farlo in modo concreto e non inventandosi altri partiti ad effetti speciali.

  4. Sergio Baldin 23 aprile 2012 / 08:15

    Vedo spesso che fare il capo di un partito attrae più che essere al Governo (ultimo esempio Alfano), dal quale, l’abbiamo visto, non è di poco conto l’indennità percepita, che sia solo per il “potere” ed il risalto pubblico che ne deriva?
    A questo punto credo che anche i leader si stipendino per bene, di conseguenza un pò tutto l’entourage lo farà in proporzione, dal che si deduce come vengano spesi buona parte dei finanziamenti pubblici dei quali i partiti beneficiano in misura decisamente eccessiva.
    Nela mia esperienza di appartenenza ad un partito (prima repubblica), era normale pagare ben più che la tessera, ma versare quota di indennità o gettoni, pure abbonamenti obbligatori, io ho anche un’enciclopedia, che ho dovuto comperare e che ho ancora nuova, appunto in omaggio a queste regole.
    Non vedo perchè oggi tutto ciò debba venir ricevuto dallo stato, visto anche come sono messe le finanze pubbliche, possono mangiar anche loro qualche volta di più a casa, mica han bisogno di andare con Alvaro Vitali….perchè con Clooney so chi ci vorrebbe andare!
    Ciao cara Virginia, un forte abbarccio e buona settimana!

    • mizaar 24 aprile 2012 / 20:25

      di sicuro, sergio, tengono a conservarsi la poltrona fortissimamente – una su tutti quella ” simpaticona ” di rosy mauro. d’altra parte era o non era andreotti – che sulla poltrona ci sta ancora – a dire che ” il potere logora chi non ce l’ha “?

  5. duhangst 23 aprile 2012 / 09:20

    Io andrei a cena… Ma solo se pagano loro! In fondo in questi anno troppe cene gli ho offerto volente o nolente…

    • mizaar 24 aprile 2012 / 20:19

      ma anche pranzo e merende, caro du’! 😦

  6. Fabio 28 aprile 2012 / 17:37

    Non cambiarà mai questa brutta cosa.

    • mizaar 28 aprile 2012 / 17:50

      già, usi e costumi duri a cambiare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...