Carta canta – per la neolaureata Giusy

Avevo parlato, nel post precedente, del ventilato depotenziamento della lauree, da parte dell’attuale governo. Non ripeto le mie considerazioni a proposito, ma ne faccio altre. Pochi minuti fa ho terminato di leggere l’ultimo intervento di Osvaldo. La notizia del giorno mette gioia, voglia di condividere con il mondo intero: Giusy Spagnolo si è laureata, la prima laureata in Italia affetta da sindrome di Down. Per lei, sicuramente, la laurea non è un semplice attestato del corso di studi che ha percorso in qualche anno di università, ma costituisce un vero traguardo, una carta piena di valori emozionali, di rivalsa rispetto ad un mondo dove si fatica, e anche parecchio, quando si è Down. Sappiamo bene qual è la considerazione generalmente diffusa che si ha verso le persone disabili, lo sappiamo perchè tutti abbiamo partecipato numerosi alla campagna ” No Gardaland “, lo sappiamo, lo so, perchè ogni giorno vivo la realtà dei miei ragazzi a scuola. La laurea di Giusy è un evento speciale, la dimostrazione che anche depotenziando una laurea non potranno mai cancellare da quel pezzo di carta tutta la storia, tutte le storie, che quel pezzo di carta racconta: la fatica, le umiliazioni, la rabbia e infine la gioia. A Giusy l’augurio più caro, che possa la sua carta cantare sempre la sua determinazione e il suo orgoglio! :-D

Infine la scuola pubblica morì per implosione!

Potrebbe essere l’amara conclusione di una pessima fiaba. Prendete l’ultimo accenno di provvedimento da varare per la scuola, il depotenziamento del titolo di studio. Quale valore didattico puoi suggerire ad un tuo studente quando gli dici: Studia e fallo nel migliore dei modi? Quale la motivaziuone al suo studio? Per incrementare una sua particolare attitudine? Perchè così ha modo di formarsi culturalmente? Perchè studiando otterebbe valutazioni positive che gli permetterebbero di essere ai primi posti di una graduatoria di valutazione per accedere ad un X posto di lavoro? Niente di tutto questo, se passa il depotenziamento. Qualsiasi studente, anche il più pronto e motivato, potrebbe obiettare che la formazione culturale può guadagnarsela in mille modi, anche e soprattutto fuori dalla scuola – dove spesso si studiano, duole dirlo, cose che non hanno senso – che le valutazioni, a cosa mai potrebbero servirgli?, visto che il ” pezzo di carta ” sarebbe a tutti gli effetti davvero un semplice pezzo di carta! Ma se studi alla Luiss e alla Bocconi… e come al solito qui casca l’asino della scuola pubblica. Confindustria, non estranea a suggerire il provvedimento al governo ” amico “, desidera profondamente che nella pubblica amministrazione passino persone formate ad essere ” comandate “, persone dotate di una forte attitudine, non alla cultura, ma all’obbedienza cieca. Insomma un universo orwelliano prossimo venturo. Mala tempora currunt!

AH, AH, AH!

L’Italia in gioco

L’altra sera sono entrata in una cartolottomaticatabaccheria – non saprei definirla in altro modo – per cercare una rivista di cui avevo visto la pubblicità. Saranno state le sette di sera e il posto era stranamente affollato – strano per me, evidentemente. Gente che comprava sigarette e gente che giocava al lotto, e gente che giocava alle slot machine – riparate in una specie d’alcova, lontane da sguardi indiscreti – e gente che aspettava di giocare alle slot machine – in coda! – e gente che giocava a gratta e vinci, e gente che monitorava i risultati di non so cosa su un video. Insomma a fronte di qualche sparuto compratore di nicotina, di una sola potenziale compratrice di riviste, io, c’erano almeno una decina di persone che dedicavano tutta la loro morbosa attenzione alla cattura del momento che avrebbe potuto cambiare le loro vite, il momento in cui il fato – direi una botta di k…w. piuttosto! :-D – avrebbe permesso un cambiamento, se non radicale, ma discretamente parziale delle loro esistenze. Per visionare le riviste avrò detto: Mi scusi! almeno una decina di volte e ogni volta un muro umano ondeggiava di qua e di là per permettermi di visionare il parco giornali. Avranno pensato: Che scocciatrice, disturbare noi poveri giocatori! L’Italia reale è questa, ormai. Si tenta la fortuna poichè non si è in grado di far fortuna in altra maniera, lavorando, ad esempio. Con uno stato che si permette di gestire, come un biscazziere, le giocate degli italiani e l’ipocrisia di ammonirli con un : Gioca senza esagerare!

La felicità di sapersi femmina

Alla mia nascita fui salutata dalla gioia di mio padre che, nonostante fossi nata femmina – in un mondo dove ancora vigeva assoluto il gradimento verso la primogenitura maschile – ebbe modo di considerarmi indiscriminatamente figlia, senza appellarsi alla pretesa del primo figlio maschio che certi padri ancora adesso manifestano. Sono quelli, magari, a non sapere che l’apporto di tipo pratico affinchè si compia il miracolo del maschio primogenito, è dettato dalla mappa genetica che i loro stessi spermatozoi si portano assieme come un fardellino legato ai bastoncelli del dna. Ma gli stolti non sanno e disprezzano. Alla stessa maniera delle popolazioni indiane o cinesi, dove l’essere femmina costituisce un pregiudizio, di più, una iattura di ben lunga più problematica e pericolosa, per l’esistenza stessa di una bimba che nasce o che tenta di nascere, rispetto al broncio piccato di un padre occidentale deluso per non aver avuto un maschio primogenito. In India le bambine hanno le loro prime nemiche nelle mamme, che non permettono loro neppure di nascere e se nascono, nelle condizioni disgraziate degli slums, vanno a costituire un handicap grave per le famiglie. Le bambine, se riescono a diventare adulte, sono fonte di spese insopportabili per genitori senza mezzi per vivere, perchè vanno maritate e dotate per questo di una dote, sia pure minima, ma va fatto. Nessun portatore di pregiudizi maschili sposerebbe una bambina sguarnita di tutto. Succede così a volte, che le bambine, le femmine, diventate poco più grandi spariscono senza che la cosa costituisca un atto grave per la società indiana. Sembra una storia inventata, ma è una realtà. Nessuna bambina indiana o cinese potrà mai esprimere in pienezza, probabilmente, la felicità di sapersi femmina. 

Scudi rotanti

Scudi rotanti, proprio quelli! Momentaneamente presi in prestito da Jeeg robot d’acciaio, rotanti come non mai – in considerazione del fatto che non posso, per mancanza di mezzi propri, farmi roteare qualcosa d’altro! Perchè mi roteano gli scudi? Avete presente quando vi rubano l’auto – tempo d’assenza cinque minuti cinque – e quelli – i “signori” ladri – se la portano via con block shaft e tutto, sbatacchiandola a destra e a manca perchè non sterza – e via, come potrebbe visto che è bloccata! – e la tirano per strade vicinali fino a surriscaldarla, perchè agganciata e trascinata in malo modo e quella – l’auto, praticamente nuova!! – si incendia? Be’, mi pare d’avere ben donde di siffatte ciuffole scudate! :evil:

Ancora ebook gratuiti

La libreria online IBS promuove gli ebook con le inchieste del Commissario Maigret di Georges Simenon a prezzi veramente irrisori e regala Pietr il Lettone. Buona lettura! :-D

PS: Sempre nello stesso sito qui altri titoli gratuiti

Oscurantismo

Riporto integralmente un articolo pubblicato oggi dal magazine ” Rolling Stone Italia “ che mette in evidenza l’ennesimo attacco alla Rete, non solo negli States, ma anche dai legisti cialtroni nazionali. Se non è oscurantismo…

Il simbolo del collettivo Anonymous ispirato alla maschera di Guy Fawkes in "V per Vendetta"

Cittadini degli Stati Uniti d’America, siamo Anonymous.
Questo è un urgente richiamo d’allerta per tutte le persone degli Stati Uniti. Il giorno che tutti noi stavamo aspettando è purtroppo giunto. Gli Stati Uniti stanno censurando Internet. La nostra risposta è immediata: non rimarremo seduti mentre ci vengono portati via i nostri diritti da un governo che dovrebbe occuparsi della loro stessa tutela. Questa non è una chiamata alle armi, ma un richiamo a conoscere e ad agire!

Inizia così il comunicato del collettivo hacker Anonynmous, pubblicato venerdi scorso in risposta alla chiusura di Megaupload.com e Megavideo.com da parte dell’Fbi. Da quel momento, è guerra aperta tra le due fazioni. 
Per esempio, è notizia di oggi che Fileserve ha eliminato, senza preavviso, numerosi account legati a file che violavano il diritto di copyright. E allo stesso modo, altri siti di filehosting stanno provvedendo a ripulire i loro hard disk per evitare di essere chiusi. Il terremoto, in pratica, è appena cominciato.

Nel frattempo, in Italia, la guerra viene portata avanti dalla Lega Nord. E infatti Anonymous ha attaccato e oscurato il sito della Lega giusto ieri. La causa dell’attacco hacker sono le recenti dichiarazioni di alcuni esponenti a favore della SOPA, ma soprattutto l’aver portato in parlamento una legge analoga. Come ha segnalato il Fatto Quotidiano, il deputato del Carroccio Fava ha fatto approvare un emendamento alla Legge comunitaria: “qualunque soggetto interessato” e non più solo la magistratura, può chiedere ad un provider di “rimuovere contenuti online ritenuti illeciti dal richiedente”. In questo modo, se la nuova legge passasse alla Camera, chiunque ­- a cominciare naturalmente dai detentori di diritti – potrebbe rivolgersi ai provider per imporre una serrata di siti che contengono “contenuti illeciti” (una definizione tra l’altro molto vaga). Questo: 1) metterebbe a rischio ingolfamento il funzionamento di migliaia di siti, a cominciare da Google, YouTube, Facebook, ecc.; 2) Metterebbe nelle mani dei detentori dei diritti (e non solo) uno strumento molto potente, che potrebbe prestarsi anche a censure arbitrarie; 3) annullerebbe la direttiva europea sul commercio elettronico che prevede la “neutralità” dei provider e dei fornitori di servizi.

In conclusione, cari utenti e navigatori, è chiaro che la guerra per la libertà di condivisione sul web è cominciata. Voi da che parte state?