Nel ventre della balena

Se penso al mio rapporto con Napoli mi sembra di poterlo esprimere soltanto per immagini – ” L’armonia perduta “, Raffaele La Capria

Napoli è quella lunga sequenza grafica che ti accompagna mentre ti avvicini alla sua precaria periferia, dove si annuncia e non si palesa del tutto, per svelarsi più tardi. Scorre dietro ai vetri di un autobus, in una sera mite di febbraio, satura di gente in attesa di un ritorno a casa. Si riempie di suoni quando la striscia sconnessa dei sampietrini lavici scivola sotto le ruote dell’auto dei Magma. Diventa odore, pessimo odore, che appesta l’aria di un vicolo non più strada, ma sintesi di una incurante smemoratezza – di chi? – di una incessante e scomposta tendenza allo sguaiato, al folklore anche in quello. Napoli è il tetto della sua stazione, un gigantesco toblerone color ruggine, come se già non bastasse la ruggine che sembra saturare la natura e le cose. E’ i suoi enormi palazzi del centro, immensi per censo, decaduti per abbandono, per disaffezione. Ritorna immagine sonora nella sua parlata stretta, quella di due baristi, incomprensibili e quasi stranieri. E’ l’immagine delle mille bancarelle e dei mille “vu cumprà ” che animano i bordi di uno squarcio nel ventre della balena. Costruiscono ancora un altro tratto della metropolitana, nella Napoli che già conosce bene l’oscurità del suo ventre, il verminoso brulicare delle sue creature, l’affollamento perenne delle sue strade ora anche sotterranee e cavernose, sempre più fitte, sempre più scure. Napoli è il chiaroscuro di un calendario illustrato a tratti di china, legato da un nastro rosso e concluso dal giallo di un piccolo limone. ( Grazie Magma! )

Annunci

35 thoughts on “Nel ventre della balena

  1. arielisolabella 9 febbraio 2011 / 21:01

    e’una citta’meravigliosa ..e’la’che ho conosciuto per la prima volta Mau Mau e Nando…ohhh gia’…un abbraccio a tutti!!!

    • mizaar 9 febbraio 2011 / 21:20

      per una sera ho visto anch’io il ” nostro ” carissimo mau mau e la sua splendida mag! 🙂

  2. Charlie68g 9 febbraio 2011 / 21:14

    A me Napoli è sempre piaciuta, adoro il suo dialetto

    • mizaar 9 febbraio 2011 / 21:21

      anche a me piace la parlata sonora dei campani, ma quei due baristi… e chi li capiva! 😦

      • Charlie68g 9 febbraio 2011 / 21:25

        del dialetto napoletano, oltre alla musicalità, mi piace molto il modo colorito che hanno di descrivere le cose

      • mizaar 10 febbraio 2011 / 06:23

        si potrebbe dire una parlata per immagini 🙂

  3. Susanna 10 febbraio 2011 / 10:11

    Poche città del sud sono belle come Napoli. Sono sempre stata convinta che la questione meridionale potrà dirsi risolta solo quando Napoli ritornerà a brillare luminosa.

    • mizaar 10 febbraio 2011 / 19:18

      tu dici susanna? ma esiste davvero una questione meridionale o esiste solo una questione italia? a volte ho dubbi atroci a proposito! 🙂

      • Susanna 10 febbraio 2011 / 20:14

        Purtroppo la questione Italia è di ancor più difficile risoluzione della questione meridionale! :)))

      • mizaar 10 febbraio 2011 / 21:10

        è uscito qualche tempo fa un libro che sembra interessante – per quanto non abbia nessuna simpatia per il suo autore. si chiama il sange del sud, di giordano bruno guerri e curiosamente fa le pulci ai nordisti. che sia cambiato il mondo?

  4. gabrybabelle 10 febbraio 2011 / 12:11

    😛

  5. silykot 10 febbraio 2011 / 12:20

    Ultimamente è già un continuo ricevere inviti per andare a Napoli…. Virgy, pure tu ti ci metti con ‘sti post???

    Non vedo l’ora di andarci… significherebbe molto anche nella mia storia personale…. 🙂

    • mizaar 10 febbraio 2011 / 19:17

      immagino… ma devi venire anche qui, però! 😀

  6. parolesenzasuono 10 febbraio 2011 / 16:40

    non la ho ancora visitata ma ne ho sempre sentito parlare benissimo a livello paesaggistico

    mai dire mai

    (mi ha impressionato un intervento di Saviano in cui diceva che ci sono adolscenti che non hanno mai visto Napoli non sommersa dai rifiuti…)

    • mizaar 10 febbraio 2011 / 19:16

      in questi ultimi tempi è deturpata dai lavori della metropolitana, ma ha la singolare caratteristica di città che non ha altre pari da nessuna altra parte al mondo. per l’immondizia probabilmente è battuta da bombay 🙂

  7. fab 10 febbraio 2011 / 20:58

    sono stata a Napoli tantissimi anni fa, nel neozoico o giù di lì…una città incantevole, i suoi castelli, illuminati erano una favola.
    Ci tornerò .
    Quanto alla questione meridionale, Cavour non ha completato il compito più arduo: fare gli italiani. Siamo ancora “divisi” dentro come si canta nel nostro Inno…”non siam popolo”

    • mizaar 10 febbraio 2011 / 21:11

      devi tornarci, i magma sono come sempre incantevoli! 🙂

      • fab 10 febbraio 2011 / 21:22

        Mi farebbe piacere conoscerLi.
        Quanto a giordano Bruno Guerri, è stato chiamato dal sindaco di Pescara come consulente all’immagine.
        Mi è piaciuto il libro che hai citato…(ma il personaggio mi sta sullo stomaco, da quando, su Rai tre conduceva una trasmissione in calzini…non riesco a rimuovere l’antipatia che mi ha provocato)

      • mizaar 11 febbraio 2011 / 06:28

        finirò per comprare il libro spinta dalla mia solita curiosità 🙂

  8. salmastro 10 febbraio 2011 / 21:11

    avevo 15 anni, mio cugino Nando me l’ha donata su di un vecchio vespone e mio zio Tatò….passeggiando ricordi che sogno spesso

    • mizaar 10 febbraio 2011 / 21:14

      ciao marco! pino daniele ha ” dipinto ” molto bene la sua città e le canzoni, i luoghi che abbiamo visitato ci sono ancora più cari se abbiamo unito a questi delle emozioni particolari 🙂

      • salmastro 13 febbraio 2011 / 22:25

        difficile è replicare, tornandoci solo per lavoro non è stato come …
        ma succederà di nuovo lo sento

  9. Lilla 11 febbraio 2011 / 12:00

    ma come mai questo post l’avevo perso????
    c’è mancato poco che perdessi anche l’occasione per farti un cazziatone pazzesco: stavi a 200 km da me e non sei venuta???????
    guarda che a roma, di sampietrini lavici che scivolano sotto le ruote … ce ne sono a non finire!!!
    cassiatone al quadrato … uno a te, uno ai MaGMa che non hanno proseguito per roma!! 😉
    PS: scusa la scenata di gelosia … sono molto contenta per te … Napoli, ma soprattutto i MaGMa, sono sempre un ‘bel vedere’!! 🙂

    • mizaar 11 febbraio 2011 / 18:24

      con che account sei entrata cipolle’? 😆 ti ho dovuta sdoganare!
      sono stata a napoli per un convegno organizzato da una casa editrice, al quale avrebbe dovuto partecipare il mio boss. io e la mia collega abbiamo fatto le veci del di lui occupato con gli scrutini. abbiamo dunque trascorso una serata lì, con un pernottamento e il giorno dopo un bagno di pearson italia! 😦 alle 16 eravamo già di ritorno con l’autobus organizzato sempre da quelli della p. quindi trasgredire per venire direttamente da te, sarebbe stato davvero difficile! piuttosto m’è dispiaciuto non poter venire a roma il giorno prima, chè il convegno aveva varie tappe tra cui roma, ma per noi pugliesi non era prevista la trasferta colà ma solo un esemble con i cugini napoletani. è stata una esperienza a metà tra l’incubo e il delirio!! 🙂 viaggiare in un intero autobus strabuzzante di presidi incravattati e di presidi ingioiellate, profumate, ma cafone quanto altro mai. vabbe’ il ruolo non garantisce l’educazione, spesso 😦 e più stanno in alto e più l’arroganza impera.

      • paperi si nasce 1 marzo 2011 / 23:42

        La scenata di gelosia l’ha già fatta sorellina, io faccio la scenata di invidia, per te che sei andata a Napoli, per te che hai incontrato i MaGMa (detta così sembra un complesso anni settanta), per i MaGMa che hanno incontrato te…

        PS: ci sono passato per venti anni, spesso e (quasi mai) volentieri, ma mai mi era venuto in mente il Toblerone guardando la stazione di Napoli: Una rivelazione! 😀

      • mizaar 3 marzo 2011 / 19:34

        papero, avevo la stanza con balconcino affacciato proprio sulla stazione e il tetto color ruggine è un toblerone bell’e fatto! 😀
        i MaGMa sono stati splendidi come sempre!
        invidiami pure!!! 😛

  10. Fabio 11 febbraio 2011 / 14:54

    OT: 4×4 perchè mi traferirò in collina, ma la neve c’è spesso… quest’anno già 4 volte.

    • mizaar 11 febbraio 2011 / 18:14

      che bellezza, la collina! sono contenta per te. allora ci vuole proprio la 4×4 🙂

  11. Harielle 11 febbraio 2011 / 21:23

    Un omaggio alla mia città di origine, le mie radici. E’ una città troppo complessa per poterla spiegare, bella e perduta, perdutamente bella anche. Io non amavo la tendenza ad abbarbicarsi alle tradizioni, tipica di alcuni suoi abitanti, e spesso mi sento fuori luogo quando vi ritorno. Mi mancano ancora adesso quell’aroma di mare, quella creatività particolare nata dalla consolidata arte d’arrangiarsi, l’allegria che spesso sfocia nella malinconia, che a Napoli diventa poesia, trasfigurazione della realtà.
    Penso che la trasferta napoletana sia stata bella, ma tremo all’idea della compagnia con cui tu e la collega avete viaggiato…:D

    • mizaar 12 febbraio 2011 / 19:42

      harielle, come napoletana verace sei capace di descrivere appieno l’essenza di questa città davvero particolare, probabilmente vedi meglio certe cose, con gli occhi di chi ricorda piuttosto di chi vive il quotidiano di napoli.

    • mizaar 16 febbraio 2011 / 20:41

      ah gentile cinema e viaggi, non so dirtelo proprio! 🙂
      la rete offre tante e tali foto che c’è da diventare matti. tuttavia il viaggio a napoli c’è stato e quello è solo mio! 😀

    • paperi si nasce 6 marzo 2011 / 12:12

      Stavo per azzardare qualche ipotesi, siccome si vede capo Miseno e tutta la costa da ovest, ma poi ho letto il nome del file della foto: “golfo-di-napoli-da-procida”.
      🙂

      • mizaar 7 marzo 2011 / 17:39

        vedi che furba, non ho fatto uno di quei soliti giochini a cui ci aveva abituati micmonta! 😀
        ma con quel golfo che poteva essere, milano? 🙂 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...