Abate, fratres!

Tra sabato e lunedì la chiesa cattolica ha avuto in calendario due abati da ” ricorrere “, Mauro – auguri ancora, Maumozio – e l’abate di oggi, Antonio. A differenza dell’Antonio da Padova, francescano con poteri taumaturgici a beneficio delle persone

Sant’Antonio abate (…) è considerato anche il protettore degli animali domestici, tanto da essere solitamente raffigurato con accanto un maiale che reca al collo una campanella. Il 17 gennaio tradizionalmente la Chiesa benedice gli animali e le stalle ponendoli sotto la protezione del santo.

La tradizione deriva dal fatto che l’ordine degli Antoniani aveva ottenuto il permesso di allevare maiali all’interno dei centri abitati, poiché il grasso di questi animali veniva usato per ungere gli ammalati colpiti dal fuoco di Sant’Antonio. I maiali erano nutriti a spese della comunità e circolavano liberamente nel paese con al collo una campanella.

Un abate che protegge gli animali domestici e li rende parlanti, lo trovo irresistibile.

A Novoli vicino Lecce mantengono viva la tradizione della fanova – loro la chiamano focara – in onore del santo del fuoco. Una pira di 25 metri composta da tralci di vite, potati nelle settimane precedenti l’evento, viene data al fuoco nella notte tra il 16 e il 17 gennaio. Una tradizione antichissima che usava anche da queste parti nei giorni di vigilia. Mi auguro che la focara di Novoli abbia lunga vita. E’ senza tempo il fascino del fuoco che illumina le notti d’inverno.

Annunci

19 thoughts on “Abate, fratres!

  1. gabrybabelle 17 gennaio 2011 / 19:56

    il 17 gennaio ,di tanti anni fa, ho conosciuto il padre dei miei figli,si chiamava Antonio detto(da me)il Tony

    • mizaar 17 gennaio 2011 / 20:59

      anch’io ho un antonio in attivo! 😀

  2. Lilla ... 17 gennaio 2011 / 20:53

    ad averlo saputo prima dell’utilizzo del grasso di maiale … lo avrei spalmato su mr. lillo un paio di mesi fa … quando era arso dal sacro fuoco (di Sant’Antonio)!! 🙂
    PS: detto tra noi, anche a me sta simpatico ‘sto Santo!!!

    • mizaar 17 gennaio 2011 / 20:58

      povero mr lillo! è una bella rogna il fuoco di sant’antonio, spero ora stia meglio 🙂

      • Lilla ... 17 gennaio 2011 / 21:02

        si, grazie! per fortuna è passata … ma è stato un mese a casa con dolori e bruciori … 😦

  3. paperi si nasce 17 gennaio 2011 / 23:00

    Già, è vero… Oggi è sant’Antonio abate… Nel paese dove vivevo da piccolo si facevano i falò…

  4. silykot 18 gennaio 2011 / 12:44

    A Torino il falò si fa a San Giovanni…..

    • mizaar 18 gennaio 2011 / 16:55

      per san giovanni a firenze mettono le ” fiammelle ” su palazzo vecchio e il 7 settembre, giorno dell’annunziata, le rificolone per lacittà

  5. arielisolabella 18 gennaio 2011 / 14:49

    lo conosco fin da bambina ed oggi l’ho prego per la mia lulu’che deve essere operata…Quello da Padova lo prega sempre mia madre perche’non trova mai nulla………..

    • mizaar 18 gennaio 2011 / 16:57

      incrociamo le zampe per lulù, povera cucciolotta! la tua mamma ha mai pensato ad una cura di fosforo? 😀

      • arielisolabella 18 gennaio 2011 / 18:25

        e’senza speranza…(mia madree!!!!)

      • mizaar 19 gennaio 2011 / 18:21

        ma non è colpa sua, davvero! sono le cose che non si fanno trovare, è un fatto acclarato 😀

  6. Sonja A. 18 gennaio 2011 / 20:12

    Quest’anno mi è saltata la ‘maialata’ a Castell’Arquato 😦

      • Sonja A. 19 gennaio 2011 / 20:26

        Uahuahuah ad Arcore ‘quel’ maiale mi risulterebbe indigesto.
        Era tradizione con i miei Compagni di Merende fare ogni anno il giorno di Sant’Antonio un ‘pellegrinaggio’ in un ristorante tipico di Castell’Arquato dove il menu è interamente a base di maiale: dall’antipasto al dolce.
        E penso sospirando al musetto bollito, allo zampone, al codino, le ossa con tutte le cartilagini belle croccanti da piluccare…. 😀

      • mizaar 19 gennaio 2011 / 20:51

        oddio cartilagini da piluccare, mi fa tanto hannibal the cannibal! 😦

    • mizaar 27 gennaio 2011 / 18:49

      ricordare l’amico che latita, mi fa grande piacere. ma tu torna presto! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...