Topolino a scuola

Non è un nuovo titolo Disney, non sto leggendo fumetti! E’ che mentre smanettavo con la macchina delle fotocopie stamattina a scuola, la signora A. – personale ATA – è uscita dal bagno del personale ATA, appunto, preceduta da un topolino. Un piccolo topolino di campagna che si è introdotto alla chetichella nella scuola e ha pensato di venire ad esplorare il mondo vituperato della scuola! Avrà avuto voglia di istruzione? Per fortuna non c’era nessun ragazzo nei paraggi… Però per quanto non vada bene che in una scuola ci sia un topolino, anche di dimensioni baby come quello, non ce la siamo sentite di praticare la caccia grossa, e il minuscolo ha avuto tutto il tempo di nascondersi nell’armadio del quadro elettrico. Il preside accorso sul luogo dell’infrattamento ha decretato: Ma bisogna toglierlo di lì, può mangiare i cavi elettrici! Ma va’ va’…

Annunci

26 thoughts on “Topolino a scuola

  1. Lilla ... 9 dicembre 2010 / 22:54

    confermo la teoria del preside: i topolini rosicchiano i fili elettrici!! 🙂
    quando sono così piccoli fanno anche tenerezza però … meglio farlo tornare in campagna!! 🙂

    • mizaar 10 dicembre 2010 / 06:33

      sul fatto di farlo tornare in campagna, ste’, non ci piove! – magari ci nevica 😀
      lo so che i topi rosicchiano di tutto, ma questo ha in alternativa ai fili elettrici certe vagonate di registri e documenti e faldoni… non oso immaginare che cosa sono gli scantinati/depositi carte della scuola! :-S

      • Lilla ... 10 dicembre 2010 / 20:49

        qualche sera fa, mentre camminavo sul marciapiedi sotto casa, ho visto un sederone marrone (ed io che pensavo che i topi fossero grigi) con una coda di circa 20 cm che si infilava in una buca … dalla grandezza del sedere ho sperato che fosse un gatto che andava ad un festa … mascherato da topo!! :-S … ma non mi risulta che i gatti abbiano una coda fina, fina … nè che si infilano nelle buche dove l’asfalto ha ceduto ,,, 😦

      • Lilla ... 10 dicembre 2010 / 20:50

        PS: beh … se mette su famiglia nello scantinato … non avete bisogno di fare la raccolta differenziata … ci pensano loro!! 😉

      • mizaar 10 dicembre 2010 / 21:00

        che schifo il sederone del chiavicone!!! 😦

  2. giusymar 9 dicembre 2010 / 23:40

    Mi hai fatto proprio sorridere!!!
    Immagino il preside tutto impettito che dice a voi che bisogna toglierlo di lì…ma poi lui ha fatto qualcosa? Temo di no…as usual.
    A casa della mia mamma i topini di campagna fanno parecchi danni anche “costosi”. E’ per questo che abbiamo smepre due o tre gatti…belli paciocconi! C’est la vie…

    • mizaar 10 dicembre 2010 / 06:34

      cosa vuoi che abbia fatto ” babbo “?- i presidi io li chiamo così! 😀
      s’è girato sui tacchi ed è tornato nel suo antro

  3. paperi si nasce 10 dicembre 2010 / 00:21

    Almeno da voi sono topolini di campagna… Da noi, nella nostra sede nuova, si narra che circolino delle pantegane station wagon…
    Il bello è che la direzione del personale non lo vuole ammettere, tuttavia un mese fa è stata fatta una disinfestazione, e qualche settimana fa è arrivato un avviso via mail chiedendo di non lasciare cibo negli uffici… 🙂

    • mizaar 10 dicembre 2010 / 06:37

      la nostra scuola fede è a piano campagna, e il tuo ufficio piano fogna???? 😛 che schifezza le pantegane, sput sput!!
      non lasciare cioccolatini nel tuo ufficio, mandali a noi!! 😀

  4. siignoraingiallo 10 dicembre 2010 / 09:13

    Conoscevo la favola del “Il topo di campagna e il topo di città”…ma quello della scuola mi era sconosciuta, speriamo che passi bene all’esame.
    Io parteggio per il topo…naturalmente. Buona giornata 🙂

    • mizaar 10 dicembre 2010 / 13:14

      vuoi vedere che a furia di rimanere chez nous il topolino non diventa come firmino, il topo dotto e istruito del romanzo omonimo di sam savage? bisognerà interrogarlo, però mi conviene prima imparare il topese! 😀

  5. gabrybabelle 10 dicembre 2010 / 10:12

    L’avrà inviato la Ministressa Gelmini in avanscoperta? AHAHAHAHA 🙂

    • mizaar 10 dicembre 2010 / 13:17

      no gabry ti sbagli, la ministra manda in avanscoperta solo la truppa antisommosse! questo esserino avrà avuto bisogno di carta per qualche deiezione impellente!!! sai quanta carta c’è nelle scuole, che può essere utlizzata così? 😀

    • mizaar 10 dicembre 2010 / 13:18

      ah i tuoi disegni al computer, che belli! e che brava!!!

  6. parolesenzasuono 10 dicembre 2010 / 13:51

    topolino che si rifugia in un istituto scolastico?

    azz’ vedo che la crisi morale investe anche i nostri amici animali—

    😦

    • mizaar 10 dicembre 2010 / 18:42

      un mondo che va a topoli! 😀

  7. nina89 10 dicembre 2010 / 14:22

    meno male che non è stato visto! perchè se qualche alunno “per sbaglio” avvista un piccolo topolino a scuola scattano le super calie per “infestamento da topi” …. ai ai…..
    nella mia scuola ricordo invece certe blatte……….. brr..

    • mizaar 10 dicembre 2010 / 18:44

      nina cara, magari!!! avremmo avuto qualche giorno di vacanza – che non guasta mai! manco il ponte dell’immacolata ci siamo fatti, sob, me topolina – è il caso di dire! 😀

  8. salmastro 11 dicembre 2010 / 19:35

    confermo i topi adorano il PVC che riveste i fili elettrici e spesso fanno scattare il salvavita rimettendoci il pelo…
    cmq li trovo adorabili ben organizzati e molto intelligenti

    • mizaar 11 dicembre 2010 / 20:17

      questa vena ” topesca ” non te la facevo, marco! 😀
      adorabili poi!! scommetto che te lo terresti in casa uno, no? devo chiedere a samanta cosa ne pensa!!! 😀

      • salmastro 12 dicembre 2010 / 18:51

        molti anni fa ne ho allevati due di quelli bianchi poi gli ho lasciati liberi, se li prendi in punta di coda non ti possono mordere

  9. salmastro 12 dicembre 2010 / 19:02

    aggiungo un mio aneddoto:
    quando riparavo elettrodomestici aprendo la parte superiore di una lavastoviglie, dove ai tempi usava mettere come coibentante il polistirolo, ho scoperto la capacità organizzativa di una famiglia di topi. Infatti avevano scavato corridoi atti a mettere in comunicazione 3 vani sempre scavati nel polist.
    Uno adibito al solo uso pasti, visti i resti del cibo semi ed altro il seguente come cacatoio, l’ultimo e posizionato a distanza dai primi due e di maggiore dimensione, per dormire, nel quale avevano portato piume di uccello e paglia.
    Mi è dispiaciuto molto sostituirlo…la padrona dell’elettrodomestico chiamo la derattizzazione…

    • mizaar 12 dicembre 2010 / 19:19

      poveri! tutto quel lavoro per essere sterminati da un bruto!!! 😦 vita grama quella dei topolini!

  10. duhangst 13 dicembre 2010 / 09:16

    Avete fatto bene e poi in India c’è un tempio dove si adorano i ratti, mica vorremo metterci contro gli indiani..

    • mizaar 13 dicembre 2010 / 19:36

      sono assolutamente rispettosa verso tutte le religioni, anche quelle topesche!
      😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...