Ingiurie

In questi giorni s’è parlato tanto di una certa ingiuria che una certa ” signora ” ha proferito all’indirizzo di una cert’altra ” signora “, tutto nello stile ” buongiorno contessa! ” – come dice la mia amica A.  Be’ le ingiurie non sono appannaggio esclusivo delle signore, ma succede che possa sentirne diverse, durante il mio girovagare per supplenze – le ennesime! – sgusciare dalle boccucce di rosa degli alunni della mia scuola. A volte faccio finta di non udire per non pormi il problema di scrivere una nota disciplinare sul registro di classe – il pericolo di finire in qualche libello, a causa di una nota, è sempre dietro l’angolo! Altre volte sono i ragazzi stessi a chiamarmi in causa quando, estenuati da una lotta all’ultimo improperio, mi dicono: Professore’, mettono in mezzo le mamme! E nell’accezione scolastica, dichiarare la professione presunta della mamma del compagno di banco  è peccare di blasfemia! – vale sempre la regola che le altre sono tutte  allegre, eccetto la mamma e le sorelle che sono in quaresima tutto l’anno! Però, che vi devo dire, a me viene regolarmente da ridere e sganasciarsi dalle risate, mentre loro sono tutti furenti, non mi sembra molto serio! Mi do un contegno e dico loro di smetterla. E’ dura fare la mamma e rimanere sempre a casa senza essere chiamata in un’aula scolastica!

Annunci

6 thoughts on “Ingiurie

  1. Sonja A. 28 novembre 2010 / 16:38

    Con questo post hai soddisfatto appieno la mia curiosità, perchè mi sono sempre chiesta (soprattutto dopo averne sentite di cotte e di crude dai report articolatissimi di mia figlia sulle frequenti diatribe scolastiche fra compagni), come ci si sente e di conseguenza ci si comporta al di qua della cattedra per ripristinare ordine e armonia. 🙂

  2. mizaar 29 novembre 2010 / 06:42

    non sempre è così, sonja. soprattutto quando le parole ti coinvolgono, non puoi evitare l’intervento del dirigente. però mi fa ridere molto quell’espressione particolare, il “mettere in mezzo” traduzione letterale di un modo di dire dialettale. so’ forti!:-D

  3. duhangst 29 novembre 2010 / 09:50

    Essendo “assorellato”, purtroppo toccava molto spesso a lei essere messa in mezzo!

    • mizaar 30 novembre 2010 / 19:34

      i ” vantaggi ” dell’avere una sorella, tocca pure ” proteggerla ” ohibò! 😀

  4. arielisolabella 30 novembre 2010 / 13:37

    ahh l’insulto?un arte..i migliori sono travestiti da lusinghe…..modestamente un mio culto da sempre….ai miei tempi la mamma non si toccava altrimenti era la rissa in cortile…..ed erano sganassoni!!!…non son piu’i Bei tempi di una volta…..

    • mizaar 30 novembre 2010 / 19:31

      ma tu parli, mia cara, di quell’arte sublime che va sotto il nome di paraculaggine! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...