La poesia del silenzio

 
Mauro ci segnala la mostra del pittore americano Edward Hopper a Milano.
Tra i pittori realisti Hopper è colui che ha illustrato, meglio di chiunque altro, la poetica recondita del paesaggio dell’America del ventesimo secolo. Nei suoi scorci, incidentalmente, vivono uomini e donne come sinopie silenziose, chiusi in una solitudine che non conosce consolazione.
 
 
Samuel Yellen
                      
 
Nottambuli
Ispirandosi al quadro di Edward Hopper
 
Il posto è l’angolo di Vuoto e Desolato,
Il tempo è l’ora più squallida della notte,
la scena è il bar di Al o l’Hamburger Tower,
i personaggi di questo dramma non parlano.
 
Noi che guardiamo con cura
attraverso quella curva di cristallo
contiamo, seduti là, tre nottambuli
– patrocinatori della vita, il barista
sarà da voi in un attimo. Nessuno fece mai
le spesse brocche bianche
perchè venissero usate come tazzine da caffè.
 
Il solitario, di cui vediamo la gobba,
una volta, alla Russian Bank, portò una pistola
alla tempia, fece turbinare la stanza,
premette il grilletto, tratteggiò un vuoto
e ora vive i suoi x anni di garanzia.
 
Davanti a noi, faccia a faccia, i due personaggi principali
hanno finito i loro caffè, e hanno acceso
una sigaretta contemplativa,
la sua mano è vicina ma non tocca quella di lei.
 
Insieme, non molto tempo fa, in una stanza buia,
le bocche si bruciarono a vicenda, la carne pulsò
e si polverizzò su carne devastata, eppure
non trovarono alcuna abitazione locale e nessun nome.
 
Siamo ben fortunati a non esser come loro!
Possiamo seguitare a guardare con occhio compiacente:
soddisfare le nostre soddisfazioni,
i nostri piaceri, compiacere i nostri piaceri.
 
( Edward Hopper, La poesia del silenzio
Liriche roccolte e introdotte da Gail Levin
Rizzoli 1997 )
 
( Edward Hopper, Nottambuli, 1942 )

9 risposte a "La poesia del silenzio"

  1. Mauro 31 ottobre 2009 / 19:56

    che bella questa sinergia tra i nostri blog, questa è l’idea di community così come avevamo in mente io e Nando, prima che la legione straniera rapisse i suoi pensieri!

  2. Virginia 31 ottobre 2009 / 20:02

    non potevo resistere al fascino di hopper, caro mauro! a milano o roma DEVO andare a vederlo!!!!:-DDin effetti nandino s’è un po’ perso negli ultimi tempi. ah, l’amour!

  3. Federico 1 novembre 2009 / 17:45

    Su Hopper ho commentato da Mauro…Per la mostra, cara Virginia, ti consiglierei Milano… E’ prima, si potrebbe perdere qualche quadro per strada… Ti assicuro che a Mauro non glielo dico…In quanto a Nando… L’amour e la Légion étrangère sono due cose alquanto diverse: Qual è la vera causa?

  4. Maggie 2 novembre 2009 / 13:25

    Ho letto della mostra ma se ho ben capito dovrebbe essere una mostra di disegni e non di quadri. Considerando il valore del colore e della luce nelle sue opere credo che attenderò tempi migliori.

  5. Virginia 3 novembre 2009 / 19:42

    susanna sono 160 opere, non credo tutti disegni! qui trovi informazioni http://www.comune.milano.it/portale/wps/portal/CDM?WCM_GLOBAL_CONTEXT=/wps/wcm/connect/ContentLibrary/giornale/giornale/tutte+le+notizie/sindaco/cultura_hopper_mostra_/

  6. Maggie 3 novembre 2009 / 19:46

    Grazie mille! Vado a leggere!

  7. ariel 3 novembre 2009 / 21:31

    andro’a vederla!!:-)

  8. Federico 3 novembre 2009 / 22:36

    Suggerisco http://www.edwardhopper.it/ Comunque, Maggie, non ci sono solo disegni. Ci sono molti quadri.Ariel, se vai… Beh…

  9. Virginia 4 novembre 2009 / 05:27

    grazie fede! si vede che ti interessa!!!!:-DDDDDD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...