” L’universale delirio di autorappresentazione che chiamiamo blog “

Ascoltavo giorni fa il tigì solito, quello di Rai tre. La notizia di cronaca del momento, il delitto di Perugia.
Il giornalista commentava sull’apparente innocenza degli indagati, sul loro aspetto angelico, da bravi ragazzi. Tra le cose dette: entrambi tenevano un blog. Lei, nel suo, estrinsecava la sua voglia di trasgressione raccontando ogni possibile desiderio sessuale, lui in questo " mondi paralleli ", cronache di viaggi fatti o da fare. Il commento del giornalista era di profondo biasimo per questo modo schizofrenico di creare reti di amicizie che possono, all’atto pratico della  conoscenza, creare rapporti e/o situazioni pericolose.
Si demonizzava l’uso del mezzo – il blog –  come inutile strumento di esibizione, come danno in genere. Allo stesso modo, discettando su uguale argomento, tale Romagnoli in un fondo di " Repubblica " cartacea di mercoledì, definiva i blog " l’universale delirio di autorappresentazione ", facendoci credere che, aprire un blog renda potenziali assassini o metta in rilievo quelle distorsioni che sono in nuce in tutti i blogger.
Che ognuno di noi abbia motivazioni, più o meno accettabili, dal punto di vista personale nel tenere aperto un luogo di passaggio come è un blog, è un fatto. Che ci siano persone di tutti i tipi è un altro fatto ancora. Che si possano mantenere codici di comportamento e di rispetto per gli altri dovrebbe essere un obbligo.
Solitamente ci si aggrega " a naso ". Per passioni condivise, per punti di vista da discutere, per empatie. Nessuno ci garantisce dei risultati finali accettabili. In molti casi vale il buon senso. Quello che ti aiuta, con ogni probabilità, a rifuggire da situazioni che potrebbero diventare fastidiose.
Quindi i manici sessuali, gli ossessivi-compulsivi, gli schizofrenici, gli affetti da turbe di ogni genere, abituali frequentatori di queste pagine, sono pregati di fare pubblica ammenda ora o mai più. Se li conosci li eviti, no?
 
 
P.S. Detto tra noi, negli ultimi tempi mi preoccupa la condotta di alcuni: prendete Lilla ad esempio. Non vi sembra un po’ sospetta questa mania del tricottaggio? I ferri da calza possono diventare un’ottimo stiletto. E Mauro? Non vi impaurisce la sua professionale perizia a maneggiare bisturi su piccole creature? ( povere cozze ! ). Che dire di Federico… un serial killer da esportazione! La faccia da ingegnere di Nando inquieta, non trovate? E Seclet che ha pubblicamente dichiarato la sua congenita avversione per le donne? Quasi quasi cambio programma, mi stanno venendo i brividi!
 

15 risposte a "” L’universale delirio di autorappresentazione che chiamiamo blog “"

  1. fab 10 novembre 2007 / 17:55

    acci….e pensare che mi sembravano innoqui.
    Scherzi a parte, mi da fastidio il "pontificare cattedratico" che a volte pseudo esperti (ma di che?) esternano, senza avere realmente cognizione di causa e generalizzando sui più vari argomenti. I tuttologi….dovrebbero forse ricominciare a studiare un eticario del "loro mestiere" perchè di giornalisti veri, si sono perse le tracce.
    Ciao
    Fab

  2. Fabio 10 novembre 2007 / 21:06

    anche io sono un serial-psico-para-killernon lo noti tra le mie parole?

  3. Federico 10 novembre 2007 / 21:52

    Serial Killer da esportazione? Puo’ darsi… Comunque io da qualche giorno salvo tutte le vostre foto e tutti i vostri blog… Al primo efferato omicidio commesso con dei ferri da maglia, o a colpi di rasoio monolama, o per schiacciamento mediante libri di letteratura americana, so già a chi pensare, e potrò fornire alla magistratura, o meglio vendere alla stampa, l’adeguato supporto elettronico…
    Buona domenica!

  4. M.G.F.gabrybabelle 10 novembre 2007 / 22:11

     Come per i programmi tv abbiamo in mano  un grande potere,il telecomando con un clik si cambia o si spegne,qui con un clik si chiude o ci si mette in modalita" privata"x pochi intimi.hai scritto bene e l’ho sempre ribadito,come nella vita vera reale,anche qui sul virtuale è un questione di scelte ,come??…….Solitamente ci si aggrega " a naso ". Per passioni condivise, per punti di vista da discutere, per empatie.
    Opto sempre per la prima,di solito quando arrivo in uno spaces per la prima volta lo rivolto come un guanto ,per capire se c’è modo d’intesa e seguendo l’istino.Magari non sempre ci si azzecca,ma come nella realta’ si puo’ sempre fare un passo indietro e cambiare opinione.Che ci capiti per caso o ci vai per un commento lasciato il"mio sistema" è sempre lo stesso e in fondo credo che sia cosi’ anche per gli altri(spero)Sai quanti "fascisti" di prima e secoonda e volendo terza generazione mi hanno scritto comemmenti,volendo anche carini,magari su un post scherzoso,ma io arrivando li e vedendo certe immagini piuttosto che leggendo post ho fatto velocemente marcia indietro,mi ricordo di un giovane a cui l’anno scorso non riusci’ a resistere dal lasciargli la mia opinione(bonaria…per una volta)circa il fatto d aver pubblicato foto fortemente exnenofobe e naziste,lui mi readargui con cortesia(e da li capii che NON mentiva)aveva aggiunto delle disdascalie che mi erano sfuggite,ed erano di perfetto sarcasmo verso queste ideologie,insomma ci siamo chiariti!Qaulora cosi’ non fosse stato,ognuno pe rl asua strada!Troppe volte ho letto dei pezzi di gironalisti piu o meno famosi che nei loro delirii tacciano i bloggher di ogni nefandezza,eppure ci sono famosi giornalisti e tanto altro che hanno veri e propi siti che gestistiscono come "diari on line"Quindi??Il caro giornalista che mensioni nel tuo post non è che un’altro dei tanti che enrta di diritto nella schiera dei qualunquisti e si che dovrebbero combattere per il diritto alla parola e al pensiero liberamente espresso!!.Ma visto che ormai l’unico problema che hanno i direttori  dei giornali(compresi i giornlisti che li vi scrivono)è quello di sapere quanto è per l’anno in corso il "SOVVENZIONAMENTO PUBBLICO"BE che si preoccupino sopratutto di quello visto che l’esborso arriva da noi tutti,giornlisti e non e dalle nostre tasse..Uffa ed io che ero passata per invitarti ad una picevole serata,con sottofondo musicale,un lauto pasto,annaffiato da del buon vino!!uffiiii..Ciao Mizzolina Virgy;-)piacevole domenica!!

  5. anna 10 novembre 2007 / 22:21

     
    io nemmeno un po’ inquietante….ma a chi voglio darla a bere…mi fa troppo impressione il sangue….baci baci sister.

  6. Ferdinando 10 novembre 2007 / 23:52

    Se ti riferisci alla foto dove rido, lì ero ubriaco ai giardini Margherita di Bologna, il lambrusco aveva fatto effetto dopo i tortelli alle noci e gorgonzola… :)

  7. Mauro 11 novembre 2007 / 00:31

    Il lavoro sporco per me lo fa qualcun altro…
    io al massimo potrei essere il mandante.

  8. Mauro 11 novembre 2007 / 00:32

    Qualcuno dovrà dirglielo prima o poi,
    non posso farlo io,
    credo tu abbia maggiore confidenza.

  9. Michele 12 novembre 2007 / 08:43

    Oh mammina… mi sembri Agatha Christie.
    Quindi siam tutti potenziali assassini eh ?
    Uhm… dovrò togliere le mie foto più compromettenti dal blog !!!
     
    PS: a tutti quelli che leggono anche per sbaglio: STO SCHERZANDO, che sia chiaro… No, di ‘sti tempi un si sa mai, siam bloggher, mica persone normali…

  10. Diavolo 12 novembre 2007 / 09:53

    e non dici nulla di un psychokiller come me? peccato… cmq ho sentito anch’io questa sortita anti-blog in qualche servizio… chi ne parlava era ridicolo, a frasi dette per scherzo assegnava un significato profondo solo per avallare la tesi/notizia che dava… tutto ciò è molto triste, specchio medievale di chi ha pure una laurea ma che per mangiare non esita a vendersi la madre… (minima immoralia minima immoralia…)
    Continuerò con il mio turpe lavoro da psychokiller/blogettaro!
    cià

  11. Oreste 12 novembre 2007 / 13:11

    Hai ragione. Anch’io i giornalisti li lascerei parlare. Nel mondo del Blog ho conosciuto tante persone splendide. Essendo una nuova frontiera tecnologica e delle relazioni umane, secondo me tende ad attirare le persone più curiose, più attive e piene di qualità.
     
    Certo bisogna stare attenti. Una persona conosciuta su un blog, dal vivo la incontrerei solo in un locale pubblico e non in un posto isolato.
     
    Ma sono regole che valgono anche per la vita normale. Se in un circolo sportivo conosci 20 persone nuove, prima di legare con qualcuno cercherai sempre di farti una idea di chi è. Nel blog è lo stesso. Se nel mondo esistono i matti, sicuramente li trovi anche in rete.
     
    Non demonizzerei il mezzo, quindi. 

  12. Fabio 12 novembre 2007 / 17:30

    lavoro (come al solito)esono a casa (come al solito)

  13. sabi 12 novembre 2007 / 19:17

    Basta anche solo vedere come hanno trattato questa vicenda, han dipinto questi ragazzi come dei drogati e ossessionati dai festini e sesso, solo perchè studenti lontani da casa…io son rimasta allibita. Ho studiato all’estero, ed è vero nell’ambiente universitario ci si lascia un po’ andare, pensi che non ti possa accadere nulla perchè si tende a coprirsi le spalle a vicenda, cerchi nei tuoi compagni il calore della famiglia lontana.
    come al solito per ricamare sul giallo gonfiano gli stereotipi, quindi studente all’estero uguale a zoccola, drogata e schiacciata dalla realtà in cerca di fuga attraverso mondi virtuali come internet.
    Parlando di blog e bloggers sono convinta che i "tradizionali mezzi di comunicazione" non abbiano ancora capito nulla, vedono i blog ancora come fenomeno a sè stante e non un’evoluzione dell’informazione. Anche se un blogger che seguo (http://www.luomoqualunque.splinder.com/post/13948690) sostiene che dopo il v-day di Beppe Grillo le cose sono cambiate.
    é da tempo che cerco di evitare di guardare il telegiornale in televisione, soprattutto quando mangio, mi toglie l’appetito e mi arrabbio, quindi la mattina prima di cominciare a lavorare mi collego ad internet e leggo le notizie.
    ciao ciao!
     

  14. Daniele 13 novembre 2007 / 21:05

    Ma lo sai che sotto il letto ho i corpi di 4 donne fatte a pezzi? Li tengo lì così quando mi sento solo mi tengono compagnia! Poi perchè odio le donne? Non e vero.Comunque giusto ieri mia mamma dopo aver visto il tg mi ha detto :"Hai visto che persone ci sono in università? Mi raccomando quando vai occhio a quelli che incontri e non accettare nessuna proposta strana!!"Mia mamma non ha niente di cui preoccuparsi, nel caso volessi organizzare un orgione l’avverto prima :)

  15. disguido 13 novembre 2007 / 23:51

    bono.. allora io sono normale… meno male!
    la mia lista non vuole insinuare niente di troppo esplicito ma come al solito mi piace far notare quelle cose che in certi momenti passano facilmente inosservate… :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...